Lander lunare Peregrine in difficoltà: è in procinto di schiantarsi sulla Terra, dice Astrobotic

Peregrine probabilmente brucerà nell'atmosfera terrestre, ha detto il costruttore del lander lunare

0
458
Lander Peregrine

Il 2024 è iniziato con una grande sfida per l’esplorazione spaziale: portare per la prima volta un lander privato sulla superficie della Luna. Si tratta del lander Peregrine, una navicella spaziale costruita dalla società americana Astrobotic, che ha vinto un contratto con la NASA per trasportare 20 carichi utili scientifici e commerciali sul nostro satellite naturale.

Lander Peregrine

lander lunare privato Peregrine, che ha subito una perdita di carburante poco dopo il suo lancio la scorsa settimana, è ora in rotta di collisione con la Terra, ha fatto sapere sabato 13 gennaio il suo costruttore:  “La nostra ultima valutazione ora mostra che la navicella spaziale è in viaggio verso la Terra, dove probabilmente brucerà entrando nell’atmosfera“.

Il lander Peregrine è partito l’8 gennaio dallo spazioporto di Cape Canaveral, in Florida, a bordo del razzo Vulcan Centaur della United Launch Alliance, che ha effettuato il suo primo volo.

Dopo circa sei ore di viaggio, il lander si è separato dallo stadio superiore del razzo e ha acceso il suo motore principale per iniziare la sua traiettoria verso la Luna, tuttavia qualcosa è andato storto, infatti poco dopo l’accensione, il lander ha subito una grave perdita di propellente, che ha compromesso la sua capacità di manovra e di frenata.



Il team di missione ha scoperto che il lander aveva perso circa il 75% del suo carburante e che non sarebbe stato in grado di raggiungere la Luna entro i 15 giorni previsti, ma il lander Peregrine non si è arreso. Anche se gravemente danneggiato, il lander è rimasto operativo e ha continuato a comunicare con il centro di controllo di Astrobotic a Pittsburgh.

Il team di missione ha iniziato a lavorare per trovare una soluzione al problema e per sfruttare al massimo le risorse rimaste.

Il 12 gennaio, Astrobotic ha annunciato una notizia sorprendente: il lander Peregrine era riuscito a raggiungere la distanza lunare, ovvero circa 383.000 chilometri dalla Terra. Questo significa che il lander ha percorso la stessa distanza che avrebbe dovuto percorrere per arrivare alla Luna, se non fosse stato per la perdita di propellente.

“Il lander Peregrine rimane operativo a circa 383.000 chilometri dalla Terra, il che significa che abbiamo raggiunto la distanza lunare!”

ha scritto Astrobotic in un post su X, il social una volta noto come Twitter. Nonostante ciò, questo non significa che il lander sia vicino alla Luna. Al momento, il nostro satellite si trova in una parte diversa della sua orbita, lontana dal lander, per di più la perdita di propellente ha alterato la traiettoria del lander Peregrine, che ora segue un’orbita ellittica attorno alla Terra, con un apogeo (il punto più lontano) di circa 400.000 chilometri e un perigeo (il punto più vicino) di circa 200.000 chilometri.

Lander Peregrine

“La nostra traiettoria originale prevedeva l’atterraggio sulla Luna il quindicesimo giorno dopo il lancio”

ha spiegato Astrobotic, che ha poi in seguito aggiunto:

“Le nostre stime sui propellenti attualmente ci dicono che resteremo senza carburante prima di questo limite di 15 giorni, tuttavia, i nostri ingegneri sono ancora ottimisti riguardo all’estensione dell’aspettativa di vita del Peregrine.”

Il lander ha dimostrato di essere più resistente del previsto, subito dopo che il lander Peregrine ha manifestato la perdita, il team di missione ha stimato che al lander fossero rimaste solo 40 ore di propellente, ma quella linea temporale continua a spostarsi verso destra, mentre la perdita del lander Peregrine continua a rallentare e i suoi gestori lavorano per spremere quanta più vita possibile dalla navicella spaziale.

Qual è il prossimo obiettivo del lander Peregrine?

Il lander ha anche una missione scientifica da portare avanti. Il lander Peregrine trasporta 20 carichi utili per una varietà di clienti, tra cui la NASA, che ha messo a bordo cinque strumenti scientifici tramite il suo programma CLPS (Commercial Lunar Payloads Services).

Si tratta di un’iniziativa che prevede di affidare a società private il compito di trasportare carichi utili sulla Luna, per sostenere le future missioni umane e robotiche.

Lander Peregrine

Tutti e 10 i carichi utili che richiedono energia la ricevono, ha affermato Astrobotic in un precedente aggiornamento (gli altri 10 carichi utili sono passivi) e alcuni di questi strumenti stanno raccogliendo dati utili nello spazio profondo, anche se non raggiungeranno mai la superficie lunare come previsto.

Ad esempio, due dei carichi utili della NASA, il Neutron Spectrometer System e il Linear Energy Transfer Spectrometer, “stanno effettuando misurazioni dell’ambiente di radiazione nello spazio interplanetario attorno alla Terra e alla Luna”, hanno scritto i funzionari dell’agenzia in un aggiornamento di giovedì (11 gennaio).

“I due strumenti misurano diverse componenti dello spettro della radiazione, che forniscono informazioni complementari sull’attività dei raggi cosmici galattici e sulla meteorologia spaziale derivante dall’attività solare.

Questi dati aiutano a caratterizzare l’ambiente delle radiazioni interplanetarie per gli esseri umani e l’elettronica.”

hanno aggiunto.

Astrobotic ha anche riferito che il carico utile COLMENA del lander Peregrine, che comprende cinque minuscoli micro-robot costruiti per esplorare la superficie lunare dall’Università Nazionale Autonoma del Messico, è stato attivato con successo venerdì, rendendolo “il primo strumento messicano ad operare nello spazio cis-lunare”, ha scritto Astrobotic.

Un video dell’università mostra i membri del team di missione che applaudono quando hanno ricevuto la conferma dell’attivazione di COLMENA, anche se non è previsto lo sbarco sulla luna.

Nonostante le difficoltà, il lander Peregrine continua a essere una missione storica e innovativa, che dimostra le potenzialità dell’esplorazione spaziale privata e che offre nuove opportunità di ricerca e sviluppo. Il lander potrebbe anche diventare un relitto spaziale di grande valore scientifico e culturale, se un giorno verrà recuperato o visitato da altre missioni.

Lander Peregrine

Astrobotic non si arrende e continua a monitorare il lander, sperando di poterlo portare il più vicino possibile alla Luna, e nel frattempo, la società sta già lavorando alla sua prossima missione, Griffin, che prevede di lanciare un altro lander lunare nel 2024, questa volta con a bordo il rover VIPER della NASA, che ha il compito di cercare acqua sul polo sud lunare.

“Nonostante la sfida, siamo orgogliosi di aver raggiunto la distanza lunare e di aver dimostrato la nostra capacità di costruire e gestire una navicella spaziale”

ha dichiarato John Thornton, CEO di Astrobotic, il quale ha infine aggiunto:

“Siamo determinati a continuare a spingere i limiti dell’esplorazione spaziale e a portare i nostri clienti sulla Luna.”.

Se sei attratto dalla scienzadalla tecnologia, o vuoi essere aggiornato sulle ultime notiziecontinua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

2