Il Guinness World Records incerto sul record di anzianità di alcuni cani

Dopo che sono stati sollevati dubbi su un cane di 31 anni, il Guinness World Records ha sospeso i suoi record per i cani più anziani del mondo, lasciando un cane super anziano nel limbo

0
83
Il Guinness World Records incerto sul record di anzianità di alcuni cani
Il Guinness World Records incerto sul record di anzianità di alcuni cani

Tempi duri per i cani da Guinness! Raccontiamo adesso una storia bizzarra riguardante il mondo dei record, con protagonisti proprio i migliori amici dell’uomo.

Tutto iniziò quando il cane più vecchio del mondo, Bobi, morì nell’ottobre del 2023; appena la notizia si fu diffusa lo sfogo di dolore online fu immediato. Ma non passò molto tempo prima che la tristezza si trasformasse in sospetto, poiché gli esperti sollevarono dubbi sul fatto che il cane portoghese fosse davvero arrivato alla veneranda età di 31 anni e 163 giorni.

A dicembre, un’indagine (del tutto seria) di WIRED ha rivelato che un’agenzia governativa che avrebbe dovuto verificare l’età di Bobi in realtà non aveva prove che fosse nato nel 1992.

A quel punto, i dubbi sulla longevità di Bobi si stanno trasformando in uno scandalo ancora più grande che sta scuotendo il mondo dei cani da record. Il Guinness World Records, che verifica i cani più longevi del mondo, afferma di aver temporaneamente sospeso i record per il cane vivente più anziano e per il cane più anziano di sempre mentre esamina le prove dietro il record di Bobi. Per ora il trono del cane più anziano del mondo resta vuoto.

Confusione da “record” su alcuni cani 

Negli anni precedenti, quando moriva il cane più vecchio del mondo, il record tornava al precedente detentore del titolo se era ancora vivo. Questo è stato il caso nell’ottobre 2022, quando Pebbles, un toy fox terrier, morì e l’ex detentore del record, TobyKeith, un chihuahua, riprese brevemente il titolo, prima che un altro cane ancora più vecchio chiamato Gino Wolf si facesse avanti e il titolo passasse a lui.



Il cane che ha detenuto il titolo dopo Gino ma prima di Bobi è stato Spike, un altro chihuahua, che è stato registrato anagraficamente com vecchio di 23 anni e 7 giorni quando ha ottenuto il record nel gennaio 2023.

La situazione di Spike

Spike è ancora vivo e vegeto. Certo, la sua mancanza di denti significa che non può più mangiare il suo spuntino preferito, i doritos al formaggio, ma è lo stesso cane che il Guinness aveva incoronato meno di un anno prima. Il 23 ottobre, lo stesso giorno in cui il Guinness annunciò la morte di Bobi, la proprietaria di Spike, Rita Kimball, scrisse alla compagnia per chiedere cosa doveva fare per scoprire se Spike avesse riacquistato il titolo di cane più vecchio del mondo.

Il Guinness confermò che il record sarebbe tornato a Spike e chiese a Rita di inviare una foto del cane insieme al giornale di quel giorno per verificare che fosse ancora vivo. Ma dopo che Rita rispose con una foto di Spike, Lo staff del Guinness le disse che avevano a quel punto bisogno di ulteriori prove per dare a Spike la corona. “Stiamo rivedendo il modo in cui verifichiamo i dati relativi all’età degli animali al momento, quindi prima di reintegrare Spike come detentore del record, vorremmo discutere la possibilità che tu chiami un secondo veterinario per valutare Spike e confermare la sua età. È probabile che molte delle nostre categorie di record richiederanno una seconda opinione per la verifica in futuro”, ha scritto un rappresentante del Guinness World Records a Kimball in una e-mail.

Il punto di Kimball

Kimball dice che per la verifica iniziale di Spike, ha fornito al Guinness i registri veterinari e le fatture che riportavano la sua data di nascita nel 1999 e le foto che mostravano Spike nel corso degli anni. Kimball aveva trovato Spike in un parcheggio nel 2009, e quando aveva portato per la prima volta il cane dal veterinario gli avevano dato 10 anni, un’età che figurava sulla sua cartella clinica e sulle fatture del veterinario. Sei anni dopo Spike visitò un altro veterinario dopo un incontro con un pitbull, e concordarono che l’anno di nascita fosse il 1999, dice Kimball.

Ma quando Kimball chiese allo staff del Guinness di ri-verificare Spike, queste stime veterinarie non erano più una prova sufficiente. Un modo per stimare l’età di un animale è dai denti, qualcosa che manca a Spike, anche se Kimball dice che ha ancora qualche dente allentato rimasto dall’incontro di Spike con il pitbull nel 2015. Senza denti nella bocca di Spike per fornire prove, Kimball ha detto a Guinness che stava lottando per trovare un veterinario per verificare l’età del suo cane.

Delusione totale

“Apprezziamo molto i vostri sforzi nel fornire le prove appena richieste, ma in questa fase non siamo in grado di premiare nuovamente il record di Spike”, ha scritto il Guinness World Records a Kimball. “Il suo record originale non è influenzato da questa revisione, ma significa che per ora non siamo in grado di riconoscere lui, o qualsiasi altro ricorrente, come detentore del record”.

2