8.6 C
Rome
lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeArcheologia e StoriaI segreti delle antiche tombe giapponesi svelati grazie alle immagini satellitari

I segreti delle antiche tombe giapponesi svelati grazie alle immagini satellitari

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Un gruppo di ricerca del Politecnico di Milano ha analizzato l’orientamento delle antiche tombe giapponesi, le cosiddette Kofun. Questo studio non è mai stato effettuato prima, a causa dell’elevatissimo numero di monumenti e del fatto che l’accesso a queste aree è solitamente vietato. Per questi motivi sono state utilizzate immagini satellitari ad alta risoluzione.

Le tombe sono orientate verso il Sole nascente

I risultati mostrano che queste tombe sono orientate verso l’arco del Sole nascente, la Dea Amaterasu che gli imperatori giapponesi legarono all’origine mitica della loro dinastia.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le isole giapponesi sono costellate da centinaia di antichi tumuli funerari, i più grandi dei quali hanno la tipica forma a buco della serratura e sono chiamati Kofun. Costruiti tra il III e il VII secolo d.C., i più imponenti sono attribuiti ai primi imperatori semileggendari, mentre i più piccoli probabilmente appartengono a ufficiali di corte e a membri della famiglia reale. Tra questi, il cosiddetto Daisen Kofun è uno dei più grandi monumenti mai costruiti sulla Terra: misura 486 metri di lunghezza e circa 36 di altezza. È tradizionalmente attribuito all’imperatore Nintoku, il sedicesimo imperatore del Giappone.

Il Daisen Kofun appartiene a un gruppo di tombe recentemente iscritte nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.

Non ci sono fonti scritte su queste tombe, e gli scavi sono rari e limitati a quelli più piccoli, poiché i più grandi sono considerate le tombe dei primi imperatori semileggendari e, come tali, sono rigorosamente protetti dalla legge. La protezione si estende anche all’esterno: molti monumenti sono recintati e non è consentito entrare nel perimetro. Per questi motivi, è impossibile ottenere misurazioni accurate di dimensioni, altezza e orientamento.

Inoltre, il loro numero scoraggia qualsiasi indagine sul campo. Viene quindi naturale studiarli utilizzando immagini satellitari ad alta risoluzione, che forniscono strumenti semplici ma molto potenti per le indagini di telerilevamento.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

È quanto hanno fatto Norma Baratta, Arianna Picotti e Giulio Magli del Politecnico di Milano, con l’obiettivo di approfondire la conoscenza dei rapporti tra questi affascinanti monumenti con il paesaggio e, in particolare, con il cielo.

Il team ha misurato l’orientamento di oltre 100 Kofun ed è giunto a conclusioni interessanti.

I risultati – appena pubblicati sulla rivista scientifica Remote Sensing indicano una forte connessione dei corridoi di ingresso di Kofun con l’arco nel cielo dove il Sole e la Luna sono visibili tutti i giorni dell’anno e mostrano l’orientamento dei più grandi Kofun a forma di buco della serratura rispetto all’arco del Sole che sorge/splende. In particolare, il Daisen Kofun è orientato verso il Sole che sorge al solstizio d’inverno.

L’orientamento delle tombe imperiali verso il Sole non avviene per caso: anzi, è in pieno accordo con la tradizione imperiale giapponese. Infatti, l’origine mitica della dinastia degli Imperatori Giapponesi li considera come diretti discendenti della Dea Sole Amaterasu.

Articoli più letti