Panoplia di Dendra: i marines greci hanno testato in una battaglia simulata la misteriosa armatura di 3.500 anni fa

Un'armatura dell'età del bronzo, la panoplia di Dendra, una delle più antiche del suo genere, ha finalmente dato prova della sua validità circa 3.500 anni dopo la sua forgiatura

0
325
Panoplia di Dendra: i marines greci hanno testato in una battaglia simulata la misteriosa armatura di 3.500 anni fa

Un’armatura dell’età del bronzo, la panoplia di Dendra, una delle più antiche del suo genere, ha finalmente dato prova della sua validità circa 3.500 anni dopo la sua forgiatura.

La panoplia di Dendra

L’armatura fu scoperta nel 1960 dopo un tentativo di saccheggio sventato in una tomba riccamente arredata di un guerriero caduto, scavata in un sito archeologico vicino al villaggio di Dendra, nel sud della Grecia.

Ritenuta una delle più antiche armature complete dell’età del bronzo europea, la panoplia di Dendra, come venne chiamata, ha lasciato perplessi gli archeologi nei 60 anni e passa da quando è stata ritrovata.

Completamente intatta, l’armatura in apparenza era molto solida ma i primi esperimenti effettuati con delle repliche di fattura moderna suggerivano che non fosse adatta all’uso in lunghe battaglie. Si trattava forse di una tenuta puramente cerimoniale o era utilizzata solo da coloro che andavano in battaglia sui carri, come si chiedevano gli archeologi?

Testata l’armatura sulla base di informazioni storiche

Secondo un nuovo studio condotto da ricercatori che hanno fatto testare l’armatura ad un gruppo di 13 marines delle forze armate elleniche in una simulazione di 11 ore in condizioni di battaglia ricreate da testi storici, l’armatura sarebbe in realtà perfettamente efficiente. Le evidenze dei test effettuati fanno pensare che la panoplia di Dendra sarebbe stata “del tutto compatibile con l’uso in combattimento” e con le esigenze della guerra.
Pannello di due immagini che mostrano una persona che indossa un'armatura di bronzo che tiene una spada.
I soldati della marina testano una replica dell’armatura Dendra in simulazioni di laboratorio della guerra di Troia. ( Max Haniyeu/Generatore di mappe fantasy di Azgaar/Flouris et al., PLOS ONE, 2024/CC-BY 4.0 )

I rievocatori storici impazziranno per gli sforzi dei ricercatori. Hanno estratto informazioni sulla guerra e sulle tattiche di battaglia nell’antica Grecia da una traduzione dell’Iliade, un lungo poema attribuito ad Omero sugli ultimi mesi della guerra di Troia, avvenuta intorno al 1300-1200 a.C.

Poiché non sopravvivono resoconti storici o descrizioni della tarda età del bronzo greca riguardo alla portata e all’uso delle armature del tipo Dendra, ci siamo rivolti a un resoconto chiave – e unico – dettagliato di guerre, battaglie e combattimenti singoli: il racconto epico di Omero che riguarda 10 giorni della guerra di Troia, l’Iliade,” spiegano i ricercatori nel loro articolo.



Il team ha analizzato il testo e esaminato altra letteratura, cercando dettagli sugli ambienti del campo di battaglia, quanto duravano in genere le battaglie quotidiane nella guerra di Troia, cosa mangiavano e bevevano i guerrieri e i tipi di manovre, tecniche di combattimento e sulle armi tipicamente utilizzate.

Hanno combinato queste informazioni con i dati disponibili relativi alla sedimentologia e geomorfologia di un’area bassa di 4 chilometri quadrati di pianure paludose vicino al fiume Scamandro, che circondava la città di Troia, dove Omero colloca le battaglie finali della guerra di Troia.

Mappa che mostra la posizione dell'antica città greca di Troia e la costa circostante.
La guerra di Troia è un conflitto leggendario che ebbe luogo nelle pianure paludose vicino all’antica città greca di Troia. ( Andreas Flouris/Marija Marković/Flouris et al., PLOS ONE , 2024/CC-BY 4.0 )

Si stimava che i guerrieri nelle ultime fasi della guerra di Troia debbano avere combattuto a giugno con temperature di 24–29 °C sudando con un’umidità relativa del 70–85%. Le operazioni militari giornaliere duravano probabilmente 11 ore dopo una tipica colazione a base di pane secco, formaggio di capra, olive e vino rosso.

Dai resoconti delle battaglie di Troia, il team ha anche stabilito che le parti in guerra attaccavano, si ritiravano, si riprendevano, guadagnavano terreno e si ritiravano costantemente: un’attività di combattimento che assomiglia a quello che oggi potremmo chiamare esercizio a intervalli ad alta intensità.

Tutto questo, per “creare un protocollo di simulazione di combattimento che replichi le attività quotidiane eseguite dai guerrieri d’élite nella tarda età del bronzo“, scrivono il fisiologo Andreas Flouris e colleghi dell’Università della Tessaglia.

I risultati dello studio

Alla fine, grazie agli sforzi dei marines che hanno effettuato simulazioni delle operazioni belliche dell’epoca indossando repliche della panoplia di Dendra, gli archeologi hanno scoperto che l’armatura non limitava l’abilità di combattimento di un guerriero o causato gravi difficoltà a chi la indossava.
Tre grafici che mostrano la frequenza cardiaca e la temperatura corporea interna dei volontari in un periodo di 11 ore.
Frequenza cardiaca e temperatura corporea dei marines sottoposti a un protocollo di 11 ore che simulava le attività quotidiane durante la guerra di Troia. Le attività includevano manovre in posizione sui carri e a piedi e combattimenti uno contro uno. ( Flouris et al., PLOS ONE , 2024 )

Sebbene i ricercatori riconoscano che l’Iliade potrebbe non fornire una rappresentazione accurata delle tattiche di combattimento dei guerrieri greci micenei, è “senza dubbio” il miglior resoconto con cui poter lavorare.

I nostri risultati supportano l’idea che i Micenei abbiano avuto un impatto potente nel Mediterraneo orientale, almeno in parte, come risultato della loro tecnologia armatura“, concludono Flouris e colleghi.

Ciò potrebbe anche aiutare a far luce su uno dei punti di svolta più spaventosi della storia: il collasso delle civiltà dell’età del bronzo del Mediterraneo orientale verso la fine del II millennio a.C.; un periodo di distruzione e sconvolgimenti che segnò l’inizio dell’era di Ferro“.

Lo studio è stato pubblicato su PLOS ONE.

2