2.3 C
Rome
venerdì, Dicembre 2, 2022
HomeCuriositàI frutti, ad esempio le banane, sono radioattivi, cosa significa questo per...

I frutti, ad esempio le banane, sono radioattivi, cosa significa questo per la nostra salute?

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La semplice menzione della parola “radiazione” spesso evoca paura nelle persone. Ma è vero che, in fondo, tutto ciò che ci circonda è radioattivo, anche il cibo che mangiamo? Potresti aver sentito che le banane sono leggermente radioattive, ma cosa significa in realtà?

Che cosa sono le radiazioni?

La radiazione è energia che viaggia da un punto all’altro, sotto forma di onde o particelle. Ogni giorno siamo esposti a radiazioni provenienti da varie sorgenti naturali e artificiali. Le radiazioni cosmiche del Sole e dello spazio esterno, le radiazioni delle rocce e del suolo, così come la radioattività nell’aria che respiriamo e nel nostro cibo e acqua, sono tutte fonti di radiazioni naturali.

Le banane sono un esempio comune di una sorgente di radiazioni naturali. Contengono alti livelli di potassio e una piccola quantità di questo è radioattivo. Ma non c’è bisogno di rinunciare al tuo frullato di banana: la quantità di radiazioni è estremamente piccola e molto inferiore alla “radiazione di fondo” naturale a cui siamo esposti ogni giorno.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le fonti artificiali di radiazioni comprendono trattamenti medici e raggi X, telefoni cellulari e linee elettriche. C’è un malinteso comune sul fatto che le fonti artificiali di radiazioni siano più pericolose delle radiazioni naturali. Tuttavia, questo non è vero.

Non esistono proprietà fisiche che rendano la radiazione artificiale diversa o più dannosa della radiazione naturale. Gli effetti dannosi sono legati alla dose e non alla provenienza dell’esposizione.

Qual è la differenza tra radiazione e radioattività?

Le parole “radiazione” e “radioattività” sono spesso usate in modo intercambiabile. Però, sebbene siano correlate, non sono proprio la stessa cosa.

Radioattività si riferisce a un atomo instabile che subisce un decadimento radioattivo. L’energia viene rilasciata sotto forma di radiazione mentre l’atomo cerca di raggiungere la stabilità o di diventare non radioattivo.

La radioattività di un materiale descrive la velocità con cui decade e i processi con cui decade. Quindi la radioattività può essere considerata come il processo mediante il quale elementi e materiali cercano di stabilizzarsi e la radiazione come l’energia rilasciata come risultato di questo processo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Radiazioni ionizzanti e non ionizzanti

A seconda del livello di energia, la radiazione può essere classificata in due tipi.

Le radiazioni ionizzanti hanno energia sufficiente per rimuovere un elettrone da un atomo, il che può cambiare la composizione chimica di un materiale. Esempi di radiazioni ionizzanti includono i raggi X e il radon (un gas radioattivo che si trova nelle rocce e nel suolo).

Le radiazioni non ionizzanti hanno meno energia ma possono comunque eccitare molecole e atomi, il che li fa vibrare più velocemente. Fonti comuni di radiazioni non ionizzanti sono telefoni cellulari, linee elettriche e i raggi ultravioletti (UV) del Sole.

Diagramma dello spettro elettromagnetico dalla radio ai raggi gamma.
Lo spettro elettromagnetico comprende tutti i tipi di radiazioni elettromagnetiche. (brgfx/Shutterstock)

Tutte le radiazioni sono pericolose? Non proprio

Le radiazioni non sono sempre pericolose: dipende dal tipo, dalla forza e dalla durata dell’esposizione. Come regola generale, maggiore è il livello di energia della radiazione, maggiore è la probabilità che causi danni. Ad esempio, sappiamo che la sovraesposizione alle radiazioni ionizzanti del gas radon presente in natura – può danneggiare i tessuti umani e il DNA.

Sappiamo anche che le radiazioni non ionizzanti, come i raggi UV del Sole, possono essere dannose se la persona è esposta a livelli di intensità sufficientemente elevati, causando effetti negativi sulla salute come ustioni, cancro o cecità.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

È importante sottolineare che, poiché questi pericoli sono ben noti e compresi, è facile proteggersi. Organismi di esperti internazionali e nazionali forniscono linee guida per garantire la sicurezza e la protezione dalle radiazioni delle persone e dell’ambiente.

Per le radiazioni ionizzanti, ciò significa mantenere le dosi al di sopra della radiazione di fondo naturale al livello più basso ragionevolmente ottenibile, ad esempio utilizzando l’imaging medico solo sulla parte del corpo richiesta, mantenendo la dose bassa e conservando copie delle immagini per evitare esami ripetuti.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Per le radiazioni non ionizzanti, significa mantenere l’esposizione al di sotto dei limiti di sicurezza. Ad esempio, le apparecchiature di telecomunicazione utilizzano radiazioni non ionizzanti a radiofrequenza e devono funzionare entro questi limiti di sicurezza.

Inoltre, nel caso delle radiazioni UV del sole, sappiamo proteggerci dall’esposizione utilizzando creme solari e indumenti quando i livelli raggiungono 3 e oltre sull’indice UV.

Le radiazioni in medicina

Sebbene ci siano chiari rischi quando si tratta di esposizione alle radiazioni, è anche importante riconoscerne i vantaggi. Un esempio comune di ciò è l’uso delle radiazioni nella medicina moderna.

L’imaging medico utilizza tecniche di radiazioni ionizzanti, come i raggi X e le scansioni TC, nonché tecniche di radiazioni non ionizzanti, come gli ultrasuoni e la risonanza magnetica.

Questi tipi di tecniche di imaging medico consentono ai medici di vedere cosa sta accadendo all’interno del corpo e spesso portano a diagnosi più precoci e meno invasive. L’imaging medico può anche aiutare a escludere malattie gravi. Le radiazioni, inoltre, possono anche aiutare a trattare determinate condizioni: possono uccidere il tessuto canceroso, ridurre un tumore o persino essere utilizzate per ridurre il dolore.

Quindi anche i nostri corpi sono radioattivi? La risposta è sì, come tutto ciò che ci circonda, anche noi siamo un po’ radioattivi. Ma questo non è qualcosa di cui dobbiamo preoccuparci.

I nostri corpi sono stati costruiti per gestire piccole quantità di radiazioni, ecco perché non c’è pericolo dalle quantità a cui siamo esposti nella nostra normale vita quotidiana.La conversazione

Sarah Loughran, Direttore Ricerca e consulenza sulle radiazioni (ARPANSA) e Professore associato aggiunto (UOW), Università di Wollongong

Articoli più letti