L’Homo Naledi sfruttava il fuoco come gli umani moderni

I ricercatori hanno portato alla luce prove che l'homo naledi, una specie estinta di ominide, ha acceso fuochi nelle camere sotterranee

4604
L'Homo Naledi sfruttava il fuoco come gli umani moderni
L'Homo Naledi sfruttava il fuoco come gli umani moderni

I ricercatori che hanno scavato il sistema di Rising Star Cave in Sud Africa hanno portato alla luce prove che l’Homo naledi, una specie estinta di ominide scoperta per la prima volta nel 2013, accendevano fuochi nelle camere sotterranee.

Si dice spesso che la capacità di accendere il fuoco sia una delle abilità chiave che definisce gli esseri umani: ha permesso ai nostri antenati di cucinare il cibo, riscaldarsi e alla fine diventare la specie dominante del pianeta.

Recentemente, sono state trovate prove in tutta Europa che suggeriscono che anche i Neanderthal fossero abili utilizzatori di fuoco, ma ora potremmo dover aggiungere un’altra specie all’elenco. I ricercatori che hanno scavato nella complessa rete di grotte in Sud Africa affermano di aver portato alla luce prove che anche l’Homo naledi, una specie estinta di ominide vissuta da 200.000 a 300.000 anni fa, usava il fuoco come strumento.

La scoperta è stata annunciata durante una conferenza tenuta dal Prof. Lee Berger dell’Università del Witwatersrand, Johannesburg, presso la Carnegie Institution of Science di Washington.

“Siamo abbastanza fiduciosi nel formulare l’ipotesi che questo ominide dal cervello piccolo, Homo naledi, che esisteva nello stesso momento in cui crediamo che l’Homo sapiens condividesse parti dell’Africa, stesse usando il fuoco per una varietà di scopi”, ha detto.

I resti di Homo naledi sono stati scoperti per la prima volta nel 2013 da Berger e dal suo team a centinaia di metri all’interno di una fitta rete di passaggi claustrofobicamente nota come sistema di Rising Star Cave vicino a Johannesburg, in Sud Africa.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Da allora scavi successivi hanno portato alla luce fossili di più di una dozzina di individui – sia maschi che femmine, giovani e adulti – nonché prove di pratiche di sepoltura rituali in cui i resti di alcuni individui sembrano essere stati lavati e deliberatamente collocati in posizione.

Poi, all’inizio di quest’anno, dopo essere entrato lui stesso nelle caverne per la prima volta, Berger dice di aver notato segni di fuliggine sulle superfici delle pareti.

“Mentre alzavo lo sguardo e fissavo il tetto, ho iniziato a rendermi conto che il tetto non era un puro carbonato di calcio. Il tetto sopra la mia testa era ingrigito sopra la colata fresca. C’erano aree annerite lungo il muro. C’erano particelle di fuliggine su tutta la superficie. L’intero tetto della camera dove abbiamo lavorato negli ultimi sette anni è bruciato e annerito”, ha detto.

Allo stesso tempo, il co-direttore della spedizione, il dottor Keneiloe Molopyane, ha scoperto i resti di un piccolo focolare contenente ossa di antilope bruciate affiancato dai resti di un focolare molto più grande in una grotta vicina.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ulteriori indagini del sistema hanno scoperto in seguito diverse altre grotte e passaggi con pezzi di legno bruciato e ossa di animali carbonizzati.

“Il fuoco non è difficile da trovare. È ovunque all’interno di questo sistema”, ha affermato Berger. “Ovunque c’è una congiuntura complessa, hanno acceso il fuoco. In ogni sistema di caverne adiacente alle camere in cui crediamo stessero eliminando i morti, accendevano fuochi e cucinavano animali. E nella camera dove crediamo stessero eliminando i morti, hanno acceso il fuoco ma non hanno cucinato gli animali. È straordinario.

Il team ha ora in programma di lavorare sulla datazione al radiocarbonio delle loro scoperte per consolidare il legame tra i focolari e i fossili di Homo Naledi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Questo è il periodo più straordinario di esplorazione e scoperta, e continuerà”, ha dichiarato Berger. “La prossima generazione non ha paura dell’esplorazione. La tecnologia sta aprendo spazi e luoghi che nessuno di noi avrebbe mai immaginato”.