Il Mauna Loa in eruzione visto dai satelliti – video

Durante la prima eruzione del Mauna Loa in quasi quattro decenni, i satelliti hanno ripreso il bagliore notturno del vulcano e il pennacchio di anidride solforosa che sta producendo.

Il Mauna Loa, alle Hawaii, il più grande vulcano attivo del mondo, è stato silenzioso negli ultimi quattro decenni ma negli ultimi giorni il grande vulcano ha iniziato a svegliarsi.

All’inizio di ottobre 2022, si sono avuti i primi segni del risveglio, quando i dati dell’US Geological Survey (USGS) hanno mostrato un aumento di dieci volte dei piccoli terremoti sotto la caldera sommitale del vulcano. Questo è stato il risultato del movimento sotterraneo del magma.

Sciami di terremoti sono continuati sporadicamente fino al 27 novembre 2022, quando nuove fessure hanno iniziato a eruttare lava sul pavimento della caldera alle 23:30 ora locale. La maggior parte delle fontane di lava prodotte erano alte solo pochi metri ma alcune delle più alte sono arrivate fino a 30-60 metri. Altre fessure si sono aperte leggermente a nord-est il giorno successivo.

Il bagliore luminoso dell’eruzione è stato visibile ai satelliti della NASA e del NOAA in orbita a centinaia di chilometri sopra la superficie. Il video qui sopra è stato acquisito alle 2:25 ora locale (12:25 UTC ) del 28 novembre dalla “banda giorno-notte” della Visible Infrared Imaging Radiometer Suite (VIIRS) sul satellite NOAA-NASA Suomi NPP.

Qualche copertura nuvolosa il 28 novembre ha reso più diffusa la luce dall’eruzione. “Sembra anche che la lava emessa dall’eruzione fosse così brillante che il sensore si è saturato, producendo una ‘striscia di recupero post-saturazione’ lungo la scansione VIIRS a sud-est”, ha osservato Simon Carn, un vulcanologo del Michigan Tech. “Queste strisce si vedono solo su fonti molto intense di radiazioni visibili“.

Anidride solforosa Mauna Loa novembre 2022

Il satellite Sentinel-5P dell’Agenzia spaziale europea ha mappato l’anidride solforosa nell’atmosfera sopra le Hawaii utilizzando il suo sensore Tropospheric Monitoring Instrument (TROPOMI) il 28 novembre 2022.

Tra le sostanze che si sono riversate dal vulcano c’era anidride solforosa (SO2) , un gas pungente che reagisce con l’ossigeno e l’acqua formando una foschia vulcanica grigia chiamata vog. La mappa sopra mostra dove il satellite Sentinel-5P dell’Agenzia spaziale europea ha rilevato l’anidride solforosa nella media troposfera con il suo sensore Tropospheric Monitoring Instrument (TROPOMI). L’Ozone Monitoring Instrument (OMI), il predecessore di TROPOMI, sul satellite Aura della NASA ha effettuato misurazioni simili.

Il Vog (smog vulcanico) è una foschia visibile composta da gas e un aerosol di minuscole particelle e goccioline acide create quando l’anidride solforosa (SO2) e altri gas emessi da un vulcano interagiscono chimicamente con la luce solare e l’ossigeno atmosferico, l’umidità e la polvere. Le emissioni di gas vulcanico possono danneggiare l’ambiente e la salute dei residenti locali. Il vog è un pericolo particolarmente associato ai vulcani hawaiani.

Potrebbe interessarti: Il supervulcano dei Campi Flegrei

L’eruzione è stata effusiva piuttosto che esplosiva, anche se la sua fase iniziale durante la notte del 28 novembre è stata piuttosto energica e ha iniettato un po’ di anidride solforosa ad alta quota, forse fino alla tropopausa“, ha detto Carn. “Questo è insolito per questo tipo di eruzione“.

Gli scienziati della NASA hanno utilizzato sia OMPS che TROPOMI per misurare le emissioni di anidride solforosa di circa 0,2 teragrammi il 28 novembre. Per fare un confronto, la precedente eruzione del Mauna Loa, nel marzo-aprile 1984, ha emesso circa 1,2 teragrammi di anidride solforosa in un’eruzione di tre settimane.

Le eruzioni del Mauna Loa in genere durano alcune settimane, ma questa è un’eruzione in evoluzione e siamo solo agli inizi“, ha aggiunto Ashley Davies, vulcanologa del Jet Propulsion Laboratory della NASA. “L’Hawaiian Volcano Observatory dell’US Geological Survey sta monitorando e valutando da vicino tutti gli aspetti dell’eruzione ed è un’ottima fonte di informazioni per le persone che si interrogano sui rischi e sui pericoli che questa eruzione potrebbe comportare“.

Gli scienziati affiliati al programma Disasters della NASA stanno monitorando attivamente l’eruzione e stanno fornendo dati e immagini ad altre agenzie, tra cui l’Hawaiian Volcano Observatory e la FEMA, che stanno monitorando l’eruzione.

Immagini del NASA Earth Observatory di Joshua Stevens, utilizzando i dati della banda giorno-notte VIIRS della Suomi National Polar-orbiting Partnership e i dati modificati di Copernicus Sentinel 5P (2022) elaborati dall’Agenzia spaziale europea.

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Cosa sono i prodotti a base di CBD e quali sono i loro benefici

Il cannabidiolo, comunemente noto come CBD, è uno dei...

Voyager 2, l’eliopausa e, oltre, l’infinito

La Voyager 2 opera attualmente a temperature di circa 3,6 gradi Celsius, e ogni anno che passa la navicella produce 4 watt in meno di energia

Un millepiedi gigante perso da 120 anni è stato ritrovato

Nel cuore della foresta di Makira, una delle aree...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Venere di Brassempouy: all’avanguardia già 23.000 anni fa

La Venere di Brassempouy è una straordinaria scultura in...

Complotto della Terra piatta: ecco perché non ha fondamento

La convinzione che la Terra sia piatta non è...

In che modo lo spray anti-THC garantisce la tua tranquillità?

La cannabis è diventata un argomento di preoccupazione per...

Articoli correlati

Popular Categories