Il clima influenza le dimensioni dei nostri corpi e, in una certa misura, il nostro cervello

Lo studio rivela che la dimensione corporea media degli esseri umani ha oscillato in modo significativo negli ultimi milioni di anni, con corpi più grandi che si sono evoluti nelle regioni più fredde

0
1895
Indice

Un team interdisciplinare di ricercatori, guidato dalle Università di Cambridge e Tubinga, ha raccolto misurazioni delle dimensioni del corpo e del cervello per oltre 300 fossili del genere Homo trovati in tutto il mondo.

Combinando questi dati con una ricostruzione dei climi regionali del mondo negli ultimi milioni di anni, hanno individuato il clima specifico sperimentato da ciascun fossile quando era un essere umano vivente.

Lo studio rivela che la dimensione corporea media degli esseri umani ha oscillato in modo significativo negli ultimi milioni di anni, con corpi più grandi che si sono evoluti nelle regioni più fredde.

Si pensa che le dimensioni maggiori agiscano da cuscinetto contro le temperature più fredde: meno calore viene perso da un corpo quando la sua massa è grande rispetto alla sua superficie. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature Communications.

La nostra specie, l’Homo sapiens, è emersa circa 300.000 anni fa in Africa. Il genere Homo esiste da molto più tempo e comprende i Neanderthal e altre specie estinte correlate come l’Homo habilis e l’Homo erectus.



Un tratto distintivo dell’evoluzione del nostro genere è una tendenza all’aumento delle dimensioni del corpo e del cervello; rispetto alle specie precedenti come l’Homo habilis, siamo il 50% più pesanti e il nostro cervello è tre volte più grande. Ma le ragioni alla base di tali cambiamenti rimangono molto dibattuti.

Il nostro studio indica che il clima, in particolare la temperatura, è stato il principale motore dei cambiamenti nelle dimensioni del corpo negli ultimi milioni di anni“, ha affermato il professor Andrea Manica, ricercatore del Dipartimento di zoologia dell’Università di Cambridge che ha guidato lo studio.

Ha aggiunto: “Possiamo vedere dalle persone che vivono oggi che quelli in climi più caldi tendono ad essere più piccoli e quelli che vivono in climi più freddi tendono ad essere più grandi. Ora sappiamo che le stesse influenze climatiche sono state al lavoro negli ultimi milioni di anni“.

I ricercatori hanno anche esaminato l’effetto dei fattori ambientali sulla dimensione del cervello nel genere Homo, ma le correlazioni trovate sono generalmente deboli. Le dimensioni del cervello tendevano ad essere maggiori quando l’Homo viveva in habitat con meno vegetazione, come steppe e praterie aperte, ma anche in aree ecologicamente più stabili.

In combinazione con i dati archeologici, i risultati suggeriscono che le persone che vivevano in questi habitat cacciavano grandi animali come cibo, un compito complesso che potrebbe aver guidato l’evoluzione di cervelli più grandi.

Abbiamo scoperto che diversi fattori determinano le dimensioni del cervello e le dimensioni del corpo: non sono sottoposti alle stesse pressioni evolutive. L’ambiente ha un’influenza molto maggiore sulle dimensioni del nostro corpo rispetto alle dimensioni del nostro cervello“, ha affermato il dott. Manuel Will dell’Università di Tubinga, Germania, primo autore dello studio.

Ha aggiunto: “C’è un’influenza ambientale indiretta sulla dimensione del cervello in aree più stabili e aperte: la quantità di nutrienti acquisiti dall’ambiente doveva essere sufficiente per consentire il mantenimento e la crescita dei nostri cervelli grandi e particolarmente esigenti in termini di energia“.

Questa ricerca suggerisce anche che i fattori non ambientali sono stati più importanti per guidare cervelli più grandi rispetto al clima, i primi candidati sono le sfide cognitive aggiuntive portate da vite sociali sempre più complesse, diete più diversificate e tecnologia più sofisticata.

I ricercatori affermano che ci sono buone prove che il corpo umano e le dimensioni del cervello continuano ad evolversi.

Il fisico umano si sta ancora adattando alle diverse temperature, con persone di corporatura media che vivono oggi in climi più freddi. Le dimensioni del cervello nella nostra specie sembrano essersi ridotte dall’inizio dell’Olocene (circa 11.650 anni fa).

La crescente dipendenza dalla tecnologia, come l’esternalizzazione di compiti complessi ai computer, potrebbe far sì che i cervelli si rimpiccioliscano ulteriormente nelle prossime migliaia di anni.

È divertente speculare su cosa accadrà alle dimensioni del corpo e del cervello in futuro, ma dovremmo stare attenti a non estrapolare troppo sulla base dell’ultimo milione di anni perché tanti fattori possono cambiare“, ha detto Manica.

2