La Groenlandia vieta le future esplorazioni petrolifere

La Groenlandia ha messo al bando tutti i piani per future esplorazioni petrolifere per motivi ambientali, affermando che il prezzo di estrazione è "troppo alto"

487

La Groenlandia ha messo al bando tutti i piani per future esplorazioni petrolifere per motivi ambientali, affermando che il prezzo di estrazione è “troppo alto“.

Il governo socialista dell’isola, in carica da aprile, ha posto le preoccupazioni sul clima al centro del suo programma legislativo.

Sebbene la decisione di eliminare l’esplorazione pianificata sia una vittoria per i gruppi ambientalisti, interrompe i potenziali investimenti che avrebbero potuto aiutare gli sforzi per ottenere l’indipendenza economica dalla Danimarca.

Il governo “ha deciso di cessare il rilascio di nuove licenze per l’esplorazione di petrolio e gas“, si legge in una nota. “Questo passo è stato fatto per il bene della nostra natura, per il bene della nostra pesca, per il bene della nostra industria del turismo e per concentrare la nostra attività su potenziali sostenibili“.

Dieci anni fa, la Groenlandia era diventata un punto di riferimento per i trivellatori poiché il boom dei prezzi delle materie prime attirava non solo gli esploratori di petrolio, ma anche i minatori di diamanti, ferro, terre rare e altri metalli.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il successivo crollo dei prezzi del greggio, però, ha reso l’estrazione non economica in mare aperto, dove la perforazione è ostacolata dai grandi iceberg galleggianti, e il divieto ufficiale ora mette fine ai sogni di ricchezza energetica.

Sebbene il partito di governo Inuit Ataqatigiit abbia fatto una campagna per cercare una maggiore autonomia dalla Danimarca, che ancora supervisiona la politica estera, di difesa e monetaria della Groenlandia, il suo programma deve ancora offrire un’alternativa possibile al sostegno economico danese per i suoi 56.000 abitanti, che ammonta a circa 600 milioni di dollari a anno.

Ghiaccio sciolto

La decisione di abbandonare l’esplorazione petrolifera arriva tra segnali sempre più allarmanti di riscaldamento globale per i groenlandesi.

Il livello medio del mare è aumentato di circa 20 centimetri dal 1880 e circa un quarto di tale aumento deriva dallo scioglimento dei ghiacci nelle calotte glaciali della Groenlandia e dell’Antartide, secondo uno studio pubblicato su Nature a maggio.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Si stima che la sola costa occidentale della Groenlandia contenga circa 18 miliardi di barili di petrolio, secondo un recente studio del Geological Survey of Denmark and Greenland. L’US Geological Survey ha precedentemente stimato che potrebbe esserci il doppio di quel volume di greggio e gas naturale nella zona est.

L’isola non vieta tutte le esplorazioni minerarie. All’inizio di questo mese, l’azienda mineraria canadese AEX Gold Inc. – già il più grande titolare di licenza di esplorazione sul territorio – ha richiesto un altro permesso per esplorare rame e oro nel sud. Ma i combustibili fossili sono ormai esclusi dalle prospezioni.

Il governo groenlandese ritiene che il prezzo dell’estrazione del petrolio sia troppo alto“, si legge nella nota. “Ciò si basa su calcoli economici, ma anche le considerazioni sull’impatto sul clima e sull’ambiente giocano un ruolo centrale nella decisione“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un certo numero di altri paesi europei ha anche cancellato i piani per l’esplorazione petrolifera negli ultimi anni, tra cui la stessa Danimarca, Francia, Spagna e Irlanda.