Le cicale Zombie infettate da un fungo “manipolatore”

Uno studio condotto dai ricercatori della West Virginia University, ha rintracciato un fungo capace di pilotare il comportamento delle cicale

2444

Secondo una ricerca condotta dalla West Virginia University, le cicale infettate dal fungo Massospora, vengono pilotate da quest’ultimo per trarre in inganno lo sciame a cui appartengono al fine di essere infettate dal parassita, tanto da essersi guadagnate il triste appellativo di cicale zombie.

Sembra di assistere ad un vecchio horror di serie b degli anni ottanta ma la ricerca ha dimostrato che il fungo Massospora manipola le cicale maschio in modo da far muovere loro le ali come le femmine: si tratta di un invito all’accoppiamento, in modo tale da infettare gli esemplari maschi.

Il parassita infatti contiene sostanze chimiche tra cui quelle che si trovano nei funghi allucinogeni. La ricerca, “Tradimento comportamentale: in che modo i parassiti fungini selezionati arruolano gli insetti viventi per fare le loro offerte“, è stata pubblicata sulla rivista PLOS Pathogens.

In sostanza, le cicale stanno attirando gli altri compagni per essere infettati poiché i loro colleghi sani sono interessati all’accoppiamento.composti bioattivi possono manipolare l’insetto per rimanere sveglio e continuare a trasmettere l’agente patogeno più a lungo”, ha dichiarato Brian Lovett, co-autore e ricercatore post-dottorato presso il Davis College of Agriculture, Natural Resources and Design.

Le spore di Massospora rosicchiano i genitali, il sedere e l’addome di una cicala, sostituendoli con spore fungine. Quindi “si consumano come una gomma su una matita”, ha spiegato Lovett.

funghi entomopatogeni (i parassiti che distruggono gli insetti) arruolano i loro ospiti viventi per una “trasmissione attiva del fungo dell’ospite” riuscita: “Quando sei infettato dalla rabbia, diventi aggressivo, hai paura dell’acqua e non deglutisci”, ha detto Lovett: “Il virus passa attraverso la saliva e tutti questi sintomi essenzialmente ti trasformano in una macchina che diffonde rabbia.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“In questo senso, conosciamo tutti bene la trasmissione attiva del parassita. Dato che siamo anche noi animali come insetti, ci piace pensare di avere il controllo completo delle nostre decisioni e diamo per scontato il nostro libero arbitrio. Ma quando questi agenti patogeni infettano le cicale, è molto chiaro che l’agente patogeno sta tirando le leve comportamentali della cicala per indurla a fare cose che non sono nell’interesse della cicala ma sono molto nell’interesse del patogeno”.

Advertisement

Il collega e coautore autore di Lovett, Matthew Kasson, professore associato di patologia vegetale e micologia, l’anno scorso ha contribuito a scoprire l’esistenza di composti psicoattivi nei funghi di cicala infettati da Massospora: “La nostra letteratura precedente menzionava sempre gli strani comportamenti associati alla Massospora e ad alcuni funghi strettamente affini, ma ciò che mancava era una sintesi di tutte queste nuove informazioni che sono venute alla luce. La scoperta più interessante riguarda le cose che ancora non sappiamo. Ci siamo resi conto che c’erano alcuni possibili scenari di infezione che non avevamo mai considerato prima. Il fungo potrebbe aspettare all’interno del suo ospite per i successivi 17 anni fino a quando qualcosa lo risveglia, forse un segnale di un ormone, dove probabilmente giace dormiente e asintomatico nel suo ospite“, ha detto Kasson.

A fianco di Lovett e Kasson, ha collaborato alla ricerca la dottoranda Angie Macias, che crede che il loro studio porterà ad una migliore comprensione generale degli insetti: “Queste scoperte non sono solo super cool, ma hanno anche un grande potenziale per aiutarci a capire meglio gli insetti e forse imparare modi migliori per controllare le specie di parassiti usando funghi che manipolano il comportamento dell’ospite. È quasi certo che ci sono specie di Massospora da scoprire, come gli altri funghi AHT (trasmissione attiva dell’ospite), e ognuno di questi avrà sviluppato una propria connessione intima con la biologia dell’ospite”, ha dichiarato la Macias.

Il team è riuscito a rintracciare covate di cicala all’inizio di quest’anno nel sud-ovest della Virginia occidentale. Lovett ha anche spiegato perché stiamo vedendo nascere le cicale così presto: “Diverse nidiate escono in diversi intervalli di tempo“, ha detto. “Ci sono le cicale periodiche che escono ogni 13 anni e ci sono altre cicale periodiche che escono ogni 17 anni. Il calendario è scaglionato in diversi stati“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le cicale infette fortunatamente sono generalmente innocue per l’uomo. Si riproducono anche a un ritmo tale che lo sterminio di orde di cicale ha scarso effetto sulla loro popolazione complessiva: “Sono molto docili“, ha detto Lovett. “Puoi raccogliere un esemplare, vedere se ha il fungo (una spina da bianca a giallastra sul retro) e rimetterlo giù. Sono solo insetti eccentrici davvero interessanti che hanno sviluppato uno stile di vita bizzarro”.

Advertisement