Rilevata una galassia in rotazione nell’Universo primordiale

Un team di astronomi ha utilizzato il telescopio ALMA per individuare una galassia a lenta rotazione nell’Universo primordiale. Si tratta della galassia più giovane di cui è stato possibile misurare la rotazione ed è molto più lenta delle galassie odierne.

Tutte le galassie ruotano, di solito a velocità incredibili. Ad esempio, la Via Lattea ha una velocità di rotazione di oltre 200 chilometri al secondo. Ma gli astronomi non hanno ancora capito come le galassie accumulano queste velocità. L’unico modo per capirlo è attraverso misurazioni delle galassie nel tempo cosmico, costruendo una mappa dell’evoluzione galattica.

Recentemente un team di astronomi con sede presso la Waseda University di Tokyo ha utilizzato ALMA (l’Atacama Large Millimeter/submillimeter Array) in Cile per osservare una galassia estremamente distante. Questa galassia, MACS1149-JD1, è così lontana che normalmente è troppo debole per essere osservata.

Ma la luce di quella galassia passa attraverso un gigantesco ammasso di galassie e la lente gravitazionale risultante dell’ammasso ingrandisce MACS1149-JD1. Gli astronomi possono usare questo ingrandimento per vedere la galassia.

Misurare la rotazione delle galassie

MACS1149-JD1 esisteva quando l’Universo aveva solo 500 milioni di anni, il che la rende una delle galassie più giovani conosciute. Il team ha utilizzato ALMA per studiare l’O III, o ossigeno doppiamente ionizzato, nel disco della galassia.

Hanno quindi sviluppato un modello delle dimensioni e della velocità di rotazione del disco della galassia da confrontare con le osservazioni.

Hanno riportato i loro risultati in un articolo apparso di recente su The Astrophysical Journal Letters .

Il team ha scoperto che MACS1149-JD1 è larga solo 3.000 anni luce. È molto più piccola della galassia della Via Lattea, che ha un diametro di oltre 100.000 anni luce. Hanno anche scoperto che MACS1149-JD1 ruota a soli 50 chilometri al secondo, che è meno di un quarto della velocità di rotazione della Via Lattea.

La velocità di rotazione di JD1 è molto più lenta di quella che si trova nelle galassie in epoche successive e nella nostra galassia [la Via Lattea] ed è probabile che JD1 sia in una fase iniziale di sviluppo di un movimento rotatorio“, afferma Akio K. Inoue, un co-autore dell’articolo, della Waseda University.

Questi risultati suggeriscono che le galassie quando nascono sono piccole e ruotano lentamente. Quindi, nel corso di miliardi di anni, accumulano più materia e aumentano il loro tasso di rotazione.

Il team spera di utilizzare il telescopio spaziale James Webb per condurre ulteriori studi sui tassi di rotazione delle galassie nel tempo cosmico.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

In Tendenza

Perseidi: potrai ammirarle nelle notti dell’11 e del 12 agosto 2024

Il miglior spettacolo di meteore dell'estate si verificherà durante...

Puglia 2024: tutti gli eventi per un’estate indimenticabile

I villaggi all inclusive in Puglia stanno diventando sempre...

Misteriosa struttura sotterranea Maya scoperta in Messico

Gli archeologi di Campeche, in Messico, hanno trovato una...

Industria 4.0, il futuro è già qui

Ebbene sì, siamo in piena IV rivoluzione industriale, ovvero...

Neutrini: nuovi metodi per calcolare il cambiamento di sapore

Un team di ricercatori sta sviluppando un nuovo metodo...

Civiltà Maya: straordinario ritrovamento di 3 piramidi

Nel cuore delle foreste tropicali del Messico, un team...

Starliner: gli astronauti non sono in pericolo

I due astronauti della NASA che a giugno 2024...

Articoli correlati

Popular Categories