Le esperienze di pre-morte

Le esperienze di pre morte (NDE) sono certamente una realtà. Su cosa significano, però, non sappiamo nulla di sicuro; ma la scienza ci sta lavorando

33210
Le esperienze di pre-morte
Le esperienze di pre-morte

Un’esperienza di pre-morte (NDE – Near Death Experience) si verifica quando una persona è temporaneamente clinicamente morta, vicina alla morte o in imminente pericolo di morte.

I dettagli delle NDE variano da persona a persona ma alcuni temi ritornano spesso nei racconti di chi ha vissuto queste particolari esperienze, ad esempio il vedere gli eventi svolgersi da una prospettiva esterna al proprio corpo (nota anche come esperienza extracorporea), sentire un senso di calma e benessere e muoversi attraverso un tunnel o vuoto verso una luce.

Le NDE sono comunemente descritte dalle persone che le hanno vissute, conosciute come NDErs, come iperreali, facili da ricordare e da raccontare. Quando viene suggerito che potrebbero ricordare un’allucinazione o un sogno, gli NDErs tendono a sostenere che l’esperienza non aveva la qualità sconnessa di un sogno.

Alcuni sono in grado di descrivere dettagli ed eventi accaduti intorno a loro mentre erano incoscienti o clinicamente morti.

I sono persone che riportano e descrivono le NDE da secoli, almeno dal Medioevo, e alcuni resoconti riportati dall’antichità sono notevolmente simili alle NDE. Ma il termine “esperienza pre-morte” è stato coniato quando la ricerca scientifica moderna ha cominciato ad occuparsi del fenomeno, nel 1975 da Raymond A. Moody Jr. Il filosofo diventato psichiatra fece una serie di interviste con alcuni NDErs e ne ricavò un libro che pubblicò con il titolo di “Life After Life” in cui narra le loro esperienze.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’idea delle NDE è divisiva.

Alcune persone credono pienamente che le NDE dimostrino che la nostra coscienza sopravvive dopo la morte, altre la considerano una pseudoscienza non dimostrabile e insistono sul fatto che le sensazioni corporee provate in una NDE siano interamente attribuibili ai processi fisici nel cervello. Ma vi sono anche molte persone che tengono una posizione intermedia tra i due punti di vista, incerte su quale sia la verità ma tentate di credere che coloro che stanno per morire possono vedere l’aldilà prima di tornare in vita.

Secondo l’International Association for Near Death Studies, esistono due tipi di NDE. molti dei lettori avranno familiarità con le descrizioni comuni della piacevole NDE, con sentimenti caldi ed esseri benevoli. Meno nota è la NDE angosciante, che è riportata da una percentuale minore di NDErs.

Le quattro fasi della NDE piacevole

Tutti coloro che hanno sperimentato una NDE la descrivono in modo personale, ma le NDE  piacevoli, in linea generale, tendono a progredire in quattro fasi:

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
  • Fase dissociata. La NDE inizia con la sensazione di essere separati dal proprio corpo. L’NDEr potrebbe sentirsi come se stesse fluttuando. Ciò comporta una sensazione di benessere e libertà dal dolore. Non riportano di vedere o ascoltare qualcosa in particolare.
  • Fase naturalisticaQuesta è la classica esperienza fuori dal corpo, in cui l’NDEr può vedere l’ambiente circostante da una prospettiva esterna al proprio corpo e non soggettiva, come se una telecamera fluttuasse nello spazio sopra il proprio corpo. Alcuni dicono che possono vedere attraverso i muri e comprendere i pensieri di coloro che li circondano.
  • Fase soprannaturale. L’NDEr si allontana dal proprio corpo fisico e incontra cose che non appartengono al mondo naturale. Alcuni riferiscono di muoversi attraverso un tunnel verso una luce. Alcuni riportano incontri con i propri cari defunti o con ciò che percepiscono come angeli. Alcuni ascoltano musica più bella di qualsiasi cosa abbiano sentito nelle loro vite.
  • Fase di ritorno. Mentre l’NDE si avvicina alla fine, l’NDEr ritorna nel proprio corpo. Alcuni riferiscono di aver preso consapevolmente la decisione di tornare, altri dicono che gli è stato detto che dovevano tornare e lo hanno fatto con riluttanza, e altri si sono semplicemente ritrovati nei loro corpi senza aver preso alcuna decisione al riguardo.

Quattro tipi di NDE angoscianti

Non tutti gli NDE seguono il modello più comune. Alcuni sono diversi e alcuni possono essere sconvolgenti piuttosto che confortanti. Esistono quattro tipi generali di NDE angosciante:

  • ImpotenzaAlcune persone attraversano le stesse fasi generali di una NDE piacevole ma le vivono con un senso d’angoscia perché sentono di non avere alcun controllo su ciò che sta accadendo. Sembra qualcosa che viene fatto a loro piuttosto che qualcosa che stanno facendo.
  • NullaAlcune persone non vedono, ascoltano e sentono le cose come nella piacevole NDE. Al contrario, si percepiscono come fluttuanti in un vuoto amorfo, privo di caratteristiche.
  • Tormento. In alcuni casi, l’esperienza è, piuttosto, l’opposto della piacevole NDE. Invece di esseri benevoli e musica meravigliosa, l’NDEr percepisce creature malvagie e spaventose e rumori fastidiosi. Alcuni hanno riferito di avere visto altre persone in difficoltà durante la NDE.
  • InutilitàAlcune persone hanno riferito di sentirsi giudicate da un potere superiore e di subire un giudizio negativo.

Quando si verificano le NDE?

Una NDE può capitare a chiunque, anche se la maggior parte degli studi su di essi sono concentrati su persone nel mondo occidentale. Sono stati segnalate da giovani e meno giovani, anche da persone che erano troppo giovani al momento della NDE per descriverla, ma lo hanno fatto in seguito.

Le NDE sono segnalate sia da persone religiose che non religiose.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La NDE che vediamo più spesso nella cultura popolare accade quando una persona è clinicamente morta. È accaduto a persone andate in ipotermia dopo essere cadute nell’acqua ghiacciata o durante un intervento chirurgico che sta fallendo, o dopo un grave incidente d’auto. Per un periodo di tempo, smettono di respirare e il loro sangue smette di circolare mentre sono in arresto cardiaco. L’attività cerebrale misurabile cessa dopo 20-40 secondi di morte clinica.

In alcuni casi, i medici possono rianimare le persone clinicamente morte. In effetti, questo sta diventando più comune di quanto non fosse una volta, grazie ai miglioramenti della scienza medica. Se il paziente ha avuto freddo – come in una caduta in acqua ghiacciata – potrebbe essere in grado di resistere più a lungo mentre è clinicamente morto ed essere ancora ripreso mantenendo intatte le funzioni cerebrali.

Alcuni di questi pazienti, una volta rianimati, raccontano storie di NDE. Tuttavia, non è una cosa universale, e molte persone che sono state clinicamente morte e che poi si sono riprese non hanno memoria di NDE da segnalare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Esistono alcune procedure chirurgiche in cui i medici abbassano artificialmente la temperatura corporea e/o fermano il cuore per eseguire operazioni complesse che non sarebbero in grado di fare mentre il corpo funziona normalmente. Con il cuore che non batte, il corpo può essere considerato clinicamente morto. Alcune persone che hanno subito queste procedure hanno segnalato NDE.

Le NDE sono segnalate anche da persone che non sono mai clinicamente morte ma che sono state prossime alla morte. Ciò significa che si trovavano in una situazione drammatica ma il loro respiro, il loro cuore e le loro funzioni cerebrali erano quasi normali.
In rari casi, è stata segnalata un’esperienza simile alla NDE da parte di qualcuno che non era vicino alla morte o clinicamente morto, ma in una situazione estrema come un forte dolore o una profonda meditazione.

Cosa dice la scienza delle NDE?

Ci sono stati diversi tentativi di studiare le NDE e determinare una volta per tutte cosa accada durante una NDE. Tuttavia, non è una cosa facile da studiare. Ciò è in parte dovuto alla sua natura casuale; non tutti coloro che sono clinicamente morti e successivamente rianimati ricordano se hanno vissuto o meno una NDE.

Un altro motivo è che le condizioni che potrebbero portare a una NDE tendono ad accadere improvvisamente. È difficile per i ricercatori essere preparati a indagare su qualcosa che tende a succedere dopo improvvisi incidenti o malattie che peggiorano. Parlare con gli NDErs dopo il fatto non si presta all’indagine scientifica, perché non c’è modo di misurare l’evidenza fisica rispetto ai loro ricordi.

In assenza di prove indiscutibili che le NDE siano viaggi nell’aldilà e ritorno, gli scienziati tendono a credere che le sensazioni provate durante le NDE siano spiegabili come risultato di processi fisici nel cervello. Tuttavia, la scienza non ha ancora identificato esattamente quali siano questi processi e come causino esperienze come quelle comuni alle NDE.

Ci si sta avvicinando, però.

Alcuni ricercatori hanno lavorato con i medici per studiare i pazienti i cui cuori sono stati deliberatamente fermati durante un intervento chirurgico per cercare di trovare una correlazione tra le sensazioni NDE e le letture fornite dalle macchine che monitorano le loro funzioni. Altri hanno studiato cosa succede alle onde cerebrali nei ratti quando i loro cuori sono fermi.

Gli scettici indicano una serie di potenziali spiegazioni scientifiche per la NDE. Una è che quando viene impedito il flusso di ossigeno al cervello e agli occhi – come accade nel processo di morte clinica – può risultare la visione del tunnel. Ciò potrebbe spiegare la sensazione di muoversi attraverso un tunnel verso una luce intensa che molti NDErs riportano.

Un tipo comune di farmaco per provocare l’anestesia, la chetamina, può scatenare allucinazioni e causare esperienze extracorporee. La paralisi del sonno può comportare sogni vividi e spaventosi che sembrano reali. Una regione del cervello può causare allucinazioni quando stimolata. Le endorfine prodotte durante situazioni stressanti possono spiegare la sensazione di pace e benessere che possono avere gli NDErs.

Nei ratti è stato osservato un picco nella funzione cerebrale durante la morte clinica e potrebbe indicare che il cervello diventa brevemente iperattivo mentre cerca di dare un senso a ciò che sta accadendo. Questi sono tutti percorsi che la comunità scientifica ha esplorato nel tentativo di spiegare la NDE come una funzione fisica piuttosto che un passaggio verso l’aldilà.

I ricercatori non sono ancora stati in grado di dimostrare cosa sono realmente le NDE. Nessuno può dire se gli NDErs hanno effettivamente visto un aldilà, proprio come non possiamo dire con certezza che il loro cervello stia lanciando loro alcuni tipi di immagini dopo essere stato stressato da un trauma fisico.

Cosa succede dopo una NDE?

Molte persone che hanno avuto una NDE si sentono cambiate interiormente dopo quello che ritengono un incontro con la morte. È comune per le persone credere che ciò che hanno visto e sentito durante la loro NDE sia la prova di una vita dopo la morte, ed è un’esperienza che può cambiare profondamente il modo in cui una persona pensa e sente.
Alcuni NDErs affermano di aver fatto molta fatica a tornare alla vita quotidiana.

Non è raro che un NDEr lasci il coniuge o lasci il lavoro e segua un nuovo percorso. Questo può accadere insieme alla sensazione di avere uno scopo nuovo o la necessità di rinnovare la propria vita. Gli NDErs spesso si sentono più positivi sulla vita, più amorevoli e più generosi.

Spesso gli NDErs dichiarano di non temere più la morte. Ciò può essere in parte dovuto al fatto che hanno affrontato la morte e sono tornati in vita. Ma va anche di pari passo con una convinzione rafforzata dell’esistenza dell’aldilà.

A volte, una persona che ha attraversato una NDE si sente riluttante a parlarne. Certamente, non tutte le NDE vengono raccontate. Il NDEr potrebbe preoccuparsi che le persone non gli credano o lo ritengano malato di mente. Può darsi che sia riportata una percentuale minore di NDE angoscianti rispetto agli NDE piacevoli, perché l’NDE angosciante non si adatta alla narrazione culturalmente popolare di NDE che abbiamo visto in libri e film. È impossibile sapere quanti NDE sono stati vissuti ma mai segnalati.

Le ramificazioni degli NDE per l’elaborazione del lutto

Alcune persone credono che le NDE siano la prova di una vita dopo la morte. Nella maggior parte delle NDE segnalate, quell’aldilà percepito è un luogo incantevole in cui si riuniscono con i propri cari defunti. Questo può essere molto confortante, sia per chi contempli la propria morte sia per chi è in lutto per la perdita di una persona cara.

La convinzione che la coscienza proseguirà dopo la morte può aiutare ad alleviare parte del dolore. Se ti senti sicuro che la persona amata si trova in un buon posto e probabilmente ti ci riunirai un giorno, ti può sembrare che la loro morte sia solo una separazione temporanea. La perdita è sicuramente ancora dolorosa, ma una parte di questo dolore trova conforto.

Molte altre persone non sono sicure se le NDE siano la prova di una vita nell’aldilà – e altre credono che non ci siano connessioni tra NDE e vita dopo la morte.

Una delle caratteristiche chiave della NDE piacevole è una sensazione di pace e benessere. Gli NDErs riferiscono che mentre passano in uno stato di morte clinica, non sentono dolore. In realtà, è esattamente il contrario: dicono di sentirsi bene, sia fisicamente che spiritualmente. Anche nella minore percentuale di NDE angoscianti, il dolore fisico tende a non essere avvertito.

Per chi soffre per la morte di una persona cara, una delle cose che provocano preoccupazione è l’idea che il decesso sia stato doloroso. Ma se ascoltiamo ciò che ci dicono gli NDErs, il momento della morte non sarebbe affatto doloroso – e, se soffrivano di dolore prima della morte a causa di un infortunio o di una malattia, quel dolore scompare al momento della morte.

Questa consapevolezza può essere fonte di conforto per chi resta.