2.3 C
Rome
venerdì, Dicembre 2, 2022
HomeViaggi e vacanzeLe case islandesi che sembrano emergere dal terreno

Le case islandesi che sembrano emergere dal terreno

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Le case erbose, conosciute anche col nome di Torfbæir (case di torba), sono abitazioni islandesi ricoperte d’erba. A prima vista possono sembrare ruderi abbandonati. Questo tipo di costruzioni ha una storia alle spalle e simili case possono essere adocchiate anche a latitudini simili a quelle dell’Islanda, in particolare negli insediamenti Sami della Norvegia settentrionale, nelle Isole Faroe, in Groenlandia e Terranova, e persino a sud fino alle Ebridi Esterne della Scozia.

Ma gli islandesi si distinguono da questi per una serie di motivi: erano in uso per un periodo di tempo significativamente più lungo, erano usati da tutte le classi di persone, servivano da tutto, dagli ovili alle chiese e sono generalmente meglio conservati oggi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La storia delle case erbose

Tutto ha inizio con la colonizzazione dell’Islanda da parte dei vichinghi. Si dice che i guerrieri nordici abbiano cercato di costruire degli edifici capace di isolare del tutto l’interno del gelido clima locale. Non è possibile tuttavia sapere chi fu l’ideatore delle case erbose. Come informa Wonews.it, per esempio, i romani utilizzavano la torba nei territori più settentrionali dell’impero. Una simile tecnica venne usata nei paesi nordici colonizzati, quelli che abbiamo citato nell’introduzione.

Una vita difficile

Luke Waterson della BBC ha avuto modo di conoscere  il famoso esperto islandese di case in erba Sigridur Sigurdadottir, il direttore del museo Berglind Thorsteinsdottir e Helgi Sigurdson, un costruttore di case in erba specializzato nel restauro di vecchi edifici in erba. Sebbene queste case siano sinonimo dell’idillio rurale dell’Islanda, la vita qui, ogni volta stressata, era difficile e scolpita e la stessa dimora dava i suoi disagi.

Sigurdson ha spiegato che gli antenati degli odierni islandesi non avevano nient’altro: “Il tappeto erboso era tutto ciò che si frapponeva tra i nostri antenati e la morte! Era anche ciò che sapevano i coloni: provenivano da luoghi già abituati a costruire con questo materiale”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Thorsteinsdottir: “Una storia viva e che respira”

Berglind Thorsteinsdottir ha spiegato: “Per noi, è ancora una storia viva e che respira. Mio nonno viveva in una casa di torba; molti islandesi vissero fino al 20° secolo. L’ultima occupazione nota di una casa di torba come casa qui è stata il 1992, e molte sono ancora utilizzate come annessi agricoli, quindi questi edifici fanno parte di la nostra recente memoria collettiva”.

In parte a causa del fatto che è stato utilizzato così di recente, le torfbæir offrono approfondimenti storici unici sulle tecniche di costruzione di case in erba e sulle condizioni di vita dei loro occupanti.

Le case erbose non sono sempre quelle originali

Parlando dell’autenticità delle case erbose, Helgi Sigurdson ha dichiarato: “Sono abbastanza semplici da ripristinare in modo errato, ma più difficili da fare con l’accuratezza storica” e inoltre: “Quello che ora sembra semplice da costruire era un’arte abile, messa a punto nel corso dei secoli.

Non esiste un manuale. Quando ho iniziato a restaurare questi edifici, gli unici che sapevano come farlo erano i contadini locali che avevano ancora la costruzione di tappeti erbosi sulle loro terre, quindi ho parlato con loro per imparare le tecniche”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I materiali principali di costruzione

Helgi Sigurdson ha appreso che un esperto costruttore di case in erba avrebbe saputo che il tempismo era tutto quando tagliava il proprio tappeto erboso per la costruzione di case. La fine dell’estate o l’inizio dell’autunno era la cosa migliore, quando le condizioni non erano né troppo umide né secche e quando le radici legavano più saldamente il terreno.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I mattoni da costruzione non erano grumi irregolari, ma meticolosamente misurati. Per costruire le torfbæir venivano utilizzati due tipi principali di blocchi da costruzione, entrambi fatti di terra compatta ed erba, ma di forma diversa.

I Klömbur (blocchi da costruzione fissati) erano cunei triangolari angolati, con una coda affusolata rivolta verso l’interno tesa attraverso lo spessore del muro per integrarsi nella struttura e rafforzarla. Nel frattempo, Glaumbæjarhnausar (blocchi di Glaumbær), che erano rettangolari, correvano fino a un metro attraverso lo spessore dell’intero muro e, quando intrecciati con strengir (strisce di torba), costituivano il tipo di muro più resistente.

Articoli più letti