Un singolo esame del sangue può rilevare precocemente più tipi di cancro

Rilevare il cancro precocemente prima che si diffonda in tutto il corpo può salvare la vita

291
Un singolo esame del sangue può rilevare precocemente più tipi di cancro
Un singolo esame del sangue può rilevare precocemente più tipi di cancro

Rilevare il cancro precocemente prima che si diffonda in tutto il corpo può salvare la vita. Questo è il motivo per cui i medici raccomandano uno screening regolare per diversi tipi di cancro comuni, utilizzando una varietà di metodi.

Le colonscopie, ad esempio, prevenire il cancro al colon, mentre le mammografie per prevenire il cancro al seno. Sebbene siano importanti, eseguire tutti questi test può essere logisticamente impegnativo, costoso e talvolta scomodo per i pazienti. Ma cosa accadrebbe se un singolo esame del sangue potesse eseguire lo screening per i tipi di cancro più comuni tutto in una volta?

Questa è la promessa dei test di diagnosi precoce multicancro, o MCED. Quest’anno, il presidente Joe Biden ha identificato lo sviluppo dei test MCED come una priorità per il Cancer Moonshot, uno impegno a livello federale da 1,8 miliardi di dollari per ridurre il tasso di mortalità per cancro e migliorare la qualità della vita dei sopravvissuti al cancro e di coloro che convivono con il cancro.

Come funzionano i test MCED

Tutte le cellule del corpo, comprese le cellule tumorali, rilasciano DNA nel flusso sanguigno quando muoiono. I test MCED cercano le tracce di DNA tumorale nel flusso sanguigno. Questo DNA circolante “senza cellule” contiene informazioni sul tipo di tessuto da cui proviene e se è normale o canceroso.

I test per cercare il DNA tumorale circolante nel sangue non sono nuovi. Queste biopsie liquide – un modo elegante per dire esami del sangue – sono già ampiamente utilizzate per i pazienti con cancro in stadio avanzato.

I medici usano questi esami del sangue per cercare le mutazioni tumorali nel DNA che aiutano a guidare il trattamento. Poiché i pazienti con cancro in stadio avanzato tendono ad avere una grande quantità di DNA tumorale che circola nel sangue, è relativamente facile rilevare la presenza di questi cambiamenti genetici.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I test MCED sono diversi dalle biopsie liquide esistenti perché cercano di rilevare il cancro allo stadio iniziale, quando non ci sono ancora molte cellule tumorali. Rilevare queste cellule tumorali può essere difficile all’inizio perché anche le cellule non cancerose rilasciano DNA nel flusso sanguigno.

Poiché la maggior parte del DNA circolante nel sangue proviene da cellule non cancerose, rilevare la presenza di alcune molecole di DNA canceroso è come trovare un ago in un pagliaio.

Per rendere le cose ancora più difficili, le cellule del sangue perdono naturalmente il DNA anormale con l’invecchiamento e questi filamenti possono essere confusi con il DNA del cancro. Questo fenomeno, noto come ematopoiesi clonale, ha confuso i primi tentativi di sviluppare test MCED, con troppi risultati falsi positivi.

Fortunatamente, i test più recenti sono in grado di evitare l’interferenza delle cellule del sangue concentrandosi su un tipo di “codice a barre molecolare” incorporato nel DNA del cancro che identifica il tessuto da cui proviene. Questi codici a barre sono il risultato della metilazione del DNA, modifiche naturalmente esistenti sulla superficie del DNA che variano per ogni tipo di tessuto del corpo.

Ad esempio, il tessuto polmonare ha un modello di metilazione del DNA diverso rispetto al tessuto mammario. Inoltre, le cellule tumorali hanno modelli di metilazione del DNA anormali correlati al tipo di cancro. Catalogando diversi modelli di metilazione del DNA, i test MCED possono concentrarsi sulle sezioni del DNA che distinguono tra tessuto canceroso e normale e individuare il sito di origine del cancro.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Cosa è già in commercio

Attualmente ci sono diversi test MCED in fase di sviluppo e in studi clinici. Nessun test MCED è attualmente approvato dalla FDA o raccomandato dalle società mediche.

Nel 2021, la società biotecnologica GRAIL ha lanciato il primo test MCED disponibile in commercio negli Stati Uniti. Il suo test Galleri afferma di rilevare oltre 50 diversi tipi di cancro. Almeno altre due società con sede negli Stati Uniti, Exact Sciences e Freenome, e una società cinese, Singlera Genomics, hanno dei test in fase di sviluppo.

Alcuni di questi test utilizzano metodi di rilevamento diversi del cancro oltre alla circolazione del DNA tumorale, come la ricerca nel sangue di proteine ​​​​associate al cancro.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il test Galleri di GRAIL ha attualmente un prezzo di $ 949 e l’azienda offre un piano di pagamento per le persone che devono pagare di tasca propria. I legislatori hanno presentato un disegno di legge al Congresso per fornire copertura Medicare per i test MCED che otterranno l’approvazione della FDA.

È insolito che il Congresso consideri la legislazione dedicata a un singolo test di laboratorio, e questo mette in evidenza sia la portata del mercato medico per MCED che le preoccupazioni per le disparità nell’accesso senza copertura per questi costosi test.

Come dovrebbero essere utilizzati i test MCED?

Capire come implementare i test MCED in clinica richiederà molti anni.

Ricercatori e medici stanno appena iniziando a porre domande su chi dovrebbe essere testato, a quale età e come prendere in considerazione la storia medica e familiare passata. Altrettanto importante è stabilire linee guida su come i medici valuteranno ulteriormente i risultati positivi dell’MCED.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

C’è anche la preoccupazione che i test MCED possano portare a sovradiagnosi di tumori a basso rischio e asintomatici che è meglio non rilevare. Questo è successo con lo screening del cancro alla prostata.

In precedenza, le linee guida raccomandavano a tutti gli uomini di età compresa tra 55 e 69 anni di sottoporsi regolarmente a esami del sangue per determinare i loro livelli di PSA, una proteina prodotta dal tessuto prostatico canceroso e non canceroso. Ma ora la raccomandazione è più sfumata, con lo screening suggerito su base individuale che tiene conto dei singoli casi.

Un’altra preoccupazione è che ulteriori test per confermare i risultati positivi dell’MCED saranno costosi e un onere per il sistema sanitario, in particolare quando è necessaria una scansione dell’intero corpo. Il costo vivo di una risonanza magnetica, ad esempio, può arrivare fino a migliaia di dollari.

Inoltre, i pazienti che ottengono un risultato MCED positivo ma non sono in grado di confermare la presenza del cancro dopo un’ampia imaging e altri test di follow-up possono sviluppare ansia per tutta la vita per una diagnosi potenzialmente mancata e continuare a sottoporsi a test costosi nella ricerca infruttuosa di un tumore.

Nonostante queste preoccupazioni, i primi studi clinici mostrano risultati promettenti. Uno studio del 2020 su oltre 10.000 donne non diagnosticate in precedenza ha rilevato che 26 delle 134 donne con un test MCED positivo avevano il cancro.

Uno studio del 2021 sponsorizzato da GRAIL ha rilevato che metà degli oltre 2.800 pazienti con una diagnosi di cancro nota aveva un test MCED positivo e solo lo 0,5% delle persone confermate di non avere il cancro aveva un test falso positivo. Il test ha funzionato meglio per i pazienti con tumori più avanzati, ma ha rilevato circa il 17% dei pazienti che avevano una malattia in stadio molto precoce.

I test MCED potrebbero presto rivoluzionare il modo in cui i medici affrontano lo screening del cancro. La domanda è se il sistema sanitario sarà pronto.La conversazione

Colin Pritchard , Professore di Medicina di Laboratorio e Patologia, Scuola di Medicina, Università di Washington

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con licenza Creative Commons. Leggi l’ articolo originale.