Disturbi dell’alimentazione: colpiscono tutti indistintamente

I disturbi dell'alimentazione oltre a danneggiare gravemente la salute sono oggetto di stereotipi. La realtà è che invece riguardano tutte le persone, senza distinzioni etniche o di sesso

0
89
Disturbi dell'alimentazione: colpiscono tutti indistintamente
Disturbi dell'alimentazione: colpiscono tutti indistintamente

I disturbi dell’alimentazione sono gravi condizioni di salute che influenzano sia il benessere fisico che quello mentale. Queste condizioni includono problemi nel modo in cui si pensa al cibo, al mangiare, al peso e alla forma, e si riflette nei comportamenti alimentari. Questi sintomi possono influenzare la salute organica e psichica.

Disturbi dell'alimentazione
Disturbi dell’alimentazione

Disturbi dell’alimentazione: quali sono e chi colpiscono

Se non trattati in modo efficace, i disturbi dell’alimentazione possono diventare problemi a lungo termine e, in alcuni casi, possono causare la morte. I disturbi alimentari più comuni sono l’anoressia, la bulimia e il disturbo da alimentazione incontrollata.

La maggior parte dei disturbi alimentari comporta un’eccessiva attenzione al peso, alla forma del corpo e al cibo. Ciò può portare a comportamenti alimentari pericolosi. Questi comportamenti possono compromettere seriamente la capacità di ottenere il nutrimento di cui un organismo ha bisogno.

I disturbi dell’alimentazione possono danneggiare il cuore, il sistema digestivo, le ossa, i denti e la bocca, e possono portare ad altre malattie. Sono anche collegati a depressione, ansia, autolesionismo e pensieri e comportamenti suicidari.

I sintomi variano a seconda del tipo di disturbo dell’alimentazione. Anoressia, bulimia e disturbo da alimentazione incontrollata sono i disturbi alimentari più comuni. Le persone con disturbi alimentari possono avere diversi tipi di corpo e dimensioni.



Disturbi dell'alimentazione

Anoressia. L’anoressia, chiamata anche anoressia nervosa, può essere un disturbo dell’alimentazione pericoloso per la vita. Include un peso corporeo basso e malsano, un’intensa paura di ingrassare e una visione del peso e della forma che non è realistica. L’anoressia comporta spesso sforzi estremi per controllare il peso e la forma fisica, che spesso interferiscono gravemente con la salute e la vita quotidiana.

L’anoressia può includere una severa limitazione delle calorie o l’eliminazione di determinati tipi di alimenti o gruppi di alimenti. Può comportare altri metodi per perdere peso, come fare troppo esercizio fisico, usare lassativi o aiuti dietetici o vomitare dopo aver mangiato. Gli sforzi per ridurre il peso possono causare gravi problemi di salute, anche per coloro che continuano a mangiare durante il giorno o il cui peso non è estremamente basso.

Bulimia. La bulimia, chiamata anche bulimia nervosa, è un disturbo dell’alimentazione grave, a volte pericoloso per la vita. La bulimia comprende episodi di abbuffate, comunemente seguiti da episodi di eliminazione. A volte la bulimia include anche una severa limitazione del cibo per periodi di tempo. Questo spesso porta a impulsi più forti di abbuffarsi e poi di eliminare.

L’abbuffata comporta il consumo di cibo, a volte in quantità estremamente elevate, in un breve periodo di tempo. Durante le abbuffate, le persone hanno la sensazione di non avere alcun controllo sul cibo e di non potersi fermare. Dopo aver mangiato, a causa del senso di colpa, della vergogna o di un’intensa paura di aumentare di peso, viene eseguita l’eliminazione delle calorie.

L’eliminazione può includere il vomito, l’eccessivo esercizio fisico, il non mangiare per un periodo di tempo o l’uso di altri metodi, come l’assunzione di lassativi. Alcune persone modificano le dosi dei medicinali, ad esempio modificando le quantità di insulina, per cercare di perdere peso. La bulimia implica anche una preoccupazione per il peso e la forma del corpo, con un giudizio intransigente e duro sull’aspetto personale.

Il Binge-eating o disturbo da alimentazione incontrollata. Comporta il consumo di cibo in un breve lasso di tempo. Quando ci si abbuffa, sembra di non avere alcun controllo sul mangiare. Ma l’abbuffata non è seguita dall’eliminazione. Durante un’abbuffata, le persone possono mangiare il cibo più velocemente o mangiare più cibo del previsto. Anche quando non si ha fame, si può mangiare oltre la sensazione di senso di sazietà.

Dopo un’abbuffata, le persone spesso provano un grande senso di colpa, disgusto o vergogna. Potrebbero temere di ingrassare. Potrebbero provare a limitare severamente il cibo per periodi di tempo. Ciò porta ad un aumento della voglia di abbuffarsi, creando un ciclo malsano. L’imbarazzo può portare a mangiare da soli per nascondere le abbuffate. Un nuovo ciclo di abbuffate si verifica comunemente almeno una volta alla settimana.

Il disturbo evitante/restrittivo dell’assunzione di cibo. Comprende il consumo estremamente limitato o il non consumo di determinati alimenti. Il modello alimentare spesso non soddisfa i fabbisogni nutrizionali minimi giornalieri. Ciò può portare a problemi di crescita, sviluppo e complicazioni nella vita quotidiana. Ma le persone con questo disturbo non hanno paura di aumentare di peso o di dimensioni corporee.

Invece, potrebbero non essere interessate a mangiare o evitare cibi con un certo colore, consistenza, odore o sapore. Oppure potrebbero preoccuparsi di cosa può succedere mentre mangiano. Ad esempio, potrebbero avere paura di soffocare o vomitare, oppure potrebbero preoccuparsi di avere problemi di stomaco.

Il disturbo evitante/restrittivo dell’assunzione di cibo è un disturbo dell’alimentazione che può essere diagnosticato a tutte le età, ma è più comune nei bambini più piccoli. Il disturbo può comportare una notevole perdita di peso o un mancato aumento di peso durante l’infanzia. Una mancanza di una corretta alimentazione può portare a gravi problemi di salute.

Disturbi dell'alimentazione

La psichiatra Janet Treasure, la dottoressa Elizabeth McNaught e la terapista Jess Griffiths, sopravvissute ai disturbi dell’alimentazione, hanno affermato che si tratta di condizioni che colpiscono tutti indistintamente dall’etnia e dal sesso.

La Professoressa Treasure, del Kings College di Londra, la dottoressa McNaught e Jess hanno altresì specificato l’importanza di un intervento precoce nel salvare vite umane e l’importante ruolo dei padri nell’aiutare le ragazze a riprendersi.

Si ritiene spesso che i disturbi alimentari colpiscano le ragazze magre, bianche e benestanti. Tuttavia, non hanno alcuna vera discriminazione riguardo a chi colpiscono”, hanno dichiarato gli esperti.

Altri gruppi come gli uomini, le minoranze razziali, gli individui transgender e coloro che provengono da contesti socioeconomici svantaggiati possono rimanere nelle nostre comunità alle prese con i loro disturbi dell’alimentazione, senza essere curati per anni”.

È anche essenziale riconoscere che tutti i disturbi dell”alimentazione sono gravi e che tutti meritano trattamento e sostegno. Non devono essere malattie permanenti o mortali, ma spesso possono essere dovute alla mancanza di cure e allo scarso riconoscimento dei sintomi nelle persone che non sono sottopeso”.

I disturbi dell’alimentazione sono comuni in tutto il mondo. Possono verificarsi in qualsiasi fase della vita e colpire tutti, indipendentemente dalla razza, dal sesso o dall’età.

Disturbi dell'alimentazione

La professoressa Treasure e i suoi coautori hanno spiegato che persistono altre sfide legate ai disturbi alimentari, tra cui:

  • Povertà alimentare, cibi ultra-processati e riduzione dei pasti condivisi e prodotti in casa. Questi sono tra i fattori ambientali alla base dei disturbi alimentari.
  • Gli uomini possono far fronte alle pressioni sociali che li spingono al ‘man up’. Ciò può portare a una maggiore segretezza riguardo al disturbo e creare una barriera alla ricerca delle cure adeguate.
  • L’indice di massa corporea (BMI) può essere inutile in una serie di situazioni. Gli autori hanno dichiarato che il rischio di malessere fisico è correlato al grado di perdita di peso piuttosto che al peso assoluto. Qualcuno potrebbe essere a rischio di danni fisici significativi pur avendo un BMI “normale”.
  • Padri e partner possono sentirsi esclusi come se un disturbo dell’alimentazione fosse “affare femminile” e i fratelli possono essere considerati troppo giovani per essere coinvolti. Eppure gli esperti hanno chiarito che hanno un ruolo chiave nel sostenere i propri cari nel recupero da queste pericolose condizioni.
2