Come si diffondono i meme anti-vax grazie alla satira e l’ironia

Negli angoli più oscuri di Internet, come sul forum 4chan, i meme possono trasformarsi rapidamente in contenuti virali ambigui, scioccanti e potenzialmente dannosi

1194

Per la maggior parte di noi, i meme sono il foraggio innocuo di una cultura di Internet che fluttua benevolmente tra le diverse piattaforme di social media e, nel complesso, ci fa ridere. Ma negli angoli più oscuri di Internet, come sul forum 4chan, i meme possono trasformarsi rapidamente in contenuti virali più ambigui, scioccanti e potenzialmente dannosi.

Ciò è particolarmente vero per i meme che mettono in discussione l’efficacia e la sicurezza dei vaccini, spesso definiti contenuti “anti-vax”. Il sentimento anti-vaccinazione non è un fenomeno nuovo, ma è sempre più alimentato dalla disinformazione online. Affermazioni infondate proliferano online, collegando i vaccini allo sviluppo della malattia o presentando COVID-19 come una bufala.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Quando diventano virali, tali teorie del complotto rappresentano un grosso ostacolo al successo di qualsiasi campagna di immunizzazione, poiché possono contribuire a creare diffidenza verso il vaccino.

Per combattere la diffusione di voci anti-vaccinazione, le piattaforme stanno attualmente utilizzando una doppia strategia di censura e verifica dei fatti. Entrambe le pratiche hanno le loro insidie. La censura può effettivamente stimolare la curiosità, mentre è improbabile che le persone che diffidano dei media mainstream si fidino dei fact checker.

Molti contenuti online, come i meme virali, non hanno come scopo principale informare ed è quindi difficile da valutare in termini di informazione, disinformazione o semplicemente come uno scherzo.

I meme sui social sono una caratteristica distintiva della comunicazione online. Il termine può riferirsi a qualsiasi contenuto online ampiamente condiviso e replicato in una varietà di stili e formati. Sebbene siano per lo più divertenti o riconoscibili, alcuni meme sono stati associati a credenze odiose attraverso la loro presenza su siti Web influenti come l’Imageboard 4chan.

4chan vanta oltre 20 milioni di visitatori unici al mese ed è molto influente nella cultura dei meme. Nel board “Politically Incorrect” di 4chan (/ pol /), le persone discutono in modo anonimo le notizie dal mondo e gli eventi politici da prospettive che vanno contro il consenso pubblico. Le opinioni espresse su / pol / possono essere scioccanti e spiacevoli.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le teorie del complotto come QAnon sono fiorite su / pol / e il forum è stato collegato alle recenti rivolte verificatesi a Washington.

Il presunto intento dannoso dietro i programmi di vaccinazione è una preoccupazione comunemente espressa in quel forum. In uno studio recente, si è dimostrato che i post anti-vax incontrati su / pol / (e trovati sui social media) mostrano una serie di elementi ricorrenti, come elenchi di ingredienti del vaccino repellenti. Con la diffidenza verso il vaccino che sta diventando una preoccupazione sempre più pressante, il ruolo di tali meme nella diffusione della disinformazione merita un’attenzione particolare.

Citazioni rinnegate

I meme anti-vax contengono regolarmente una componente visiva. Ad esempio, un riferimento all’autorità può essere espresso attraverso una citazione critica sul vaccino accanto al volto della persona che presumibilmente l’ha pronunciata. Sorprendentemente, le citazioni incluse nelle discussioni anti-vaccinazione vengono attribuite in modo errato.

On line, l’attribuzione errata non avviene per caso. Le citazioni false sono un formato di meme molto popolare, spesso inteso a satirizzare e divertire. È probabile che gli utenti di Internet di oggi incontrino il volto di personaggi storici come Lincoln, Einstein o Gandhi, abbinati a un’affermazione assurdamente fuori luogo.

Questi meme criticano in modo creativo la pratica popolare di condividere messaggi ispiratori. Hanno anche preso in giro fonti di saggezza e autorità. Ma di conseguenza, spesso non è chiaro se le dichiarazioni anti-vax espresse attraverso il formato faccia e citazione siano condivise e ricevute sul serio o attraverso una lente ironica.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’influenza della cultura ironica dei meme può anche mitigare l’impatto della disinformazione stimolando chi cerca assurdità divertenti piuttosto che accuratezza. Tuttavia, un pubblico diverso produce reazioni diverse. Mentre le citazioni che presumibilmente espongono le intenzioni malvagie di figure come Bill Gates – un obiettivo comune di credenze cospirative – possono essere facilmente lette per scherzo, possono anche influenzare gli utenti di Internet a diffidare dei vaccini.

Rivolta contro i vaccini

Una seconda caratteristica comune del discorso anti-vax è la repulsione per gli ingredienti del vaccino. Questo sentimento tende a essere comunicato per mezzo di elenchi che combinano elementi chimici e bestiali. Se estrapolata dal contesto, una raccolta di componenti del vaccino – che menziona mercurio, formaldeide e sangue di mucca – può davvero ispirare paura e disgusto. Quando vengono presentati in questo modo, gli ingredienti di qualsiasi prodotto complesso possono sembrare una miscela di un alchimista o una sinistra miscela di streghe.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I sentimenti di avversione possono essere esacerbati dall’immagine di una siringa, che nei meme anti-vax viene spesso presentata insieme a ingredienti ritenuti dannosi. La maggior parte dei bambini ha paura degli aghi e anche una grande percentuale di adulti. In molti contesti, gli oggetti appuntiti sono associati al danno, non alla salute.

È sorprendente, quindi, che le repliche ironiche del modello siringa più ingredienti circolino online, deridendo le paure dell’anti-vaxxer e il presunto analfabetismo scientifico. Tali sforzi memetici possono mirare a combattere comicamente la disinformazione, ma ciò nonostante diffondono suggerimenti visivi che rafforzano il sospetto. Da questa prospettiva, ci si può persino chiedere se i media popolari contribuiscano alla diffidenza contro il vaccino usando ripetutamente immagini di un ago che buca la pelle.

Gli atteggiamenti nei confronti della vaccinazione vengono comunicati non solo attraverso ciò che è scritto, ma anche attraverso particolari schemi rappresentativi. I formati di meme e gli schemi visivi possono diffondere disinformazione, anche se creati e condivisi con intenti umoristici.

Dopo tutto, la “Legge di Poe” impone che ci sia una linea sottile tra i contenuti satirici e quelli fanatici. Nel contesto diel COVID-19, quella linea viene fin troppo spesso e troppo facilmente superata.