Dal Big Bang all’ipotesi di Omphalos: 5 teorie sull’universo

Queste cinque teorie sono state sviluppate dagli scienziati (e non solo) sulla base di osservazioni o deduzioni. Andiamo dal Big Bang alla teoria di giovedì scorso ma tutte, giuste o sbagliate, sono nate per rispondere agli incredibili dilemmi che ci pone l'Universo

1752
Dal Big Bang all'ipotesi di Omphalos: 5 teorie sull'universo
Dal Big Bang all'ipotesi di Omphalos: 5 teorie sull'universo

—————————————————————————————————–

1. La teoria del Big Bang

Il Big Bang | Credito: Wikimedia Commons
---L'articolo continua dopo la pubblicità---

2. I buchi neri

Il disco di accrescimento di un buco nero è una struttura appiattita che si forma quando il materiale cade verso una forza gravitazionale | Credit: Wikipedia
---L'articolo continua dopo la pubblicità---
---L'articolo continua dopo la pubblicità---

3. Una teoria del ciclo infinito

La forma dell’Universo | Credito: Wikipedia
---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La gravità quantistica ad anello (LQG) è una teoria della gravità quantistica che mira a fondere la meccanica quantistica e la relatività generale, incorporando la materia del Modello Standard nel quadro stabilito per il caso della gravità quantistica pura.

È un tentativo di sviluppare una teoria quantistica della gravità basata direttamente sulla formulazione geometrica di Einstein piuttosto che sul trattamento della gravità come forza.

Come teoria, LQG postula che la struttura dello spazio e del tempo sia composta da anelli finiti intrecciati in un tessuto o rete estremamente fine. Queste reti di loop sono chiamate reti di spin. L’evoluzione di uno spin network, o spin foam, ha una scala superiore all’ordine di una lunghezza di Planck, circa 10 -35 metri, e le scale più piccole non hanno significato. Di conseguenza, non solo la materia, ma lo stesso spazio preferisce una struttura atomica.

Le aree di ricerca, che coinvolgono circa 30 gruppi di studiosi in tutto il mondo, condividono le ipotesi fisiche di base e la descrizione matematica dello spazio quantistico. La ricerca si è evoluta in due direzioni: la più tradizionale gravità quantistica ad anello canonico e la più recente gravità quantistica ad anello covariante, chiamata teoria della schiuma di spin.

La teoria più ben sviluppata che è stata avanzata come risultato diretto della gravità quantistica ad anello è chiamata cosmologia quantistica ad anello (LQC). LQC fa avanzare lo studio dell’universo primordiale, incorporando il concetto di Big Bang nella più ampia teoria del Big Bounce, che immagina il Big Bang come l’inizio di un periodo di espansione che segue un periodo di contrazione, che si potrebbe definire Big Crunch.

4. La teoria del multiverso

5. The Last Thursday-ism Theory o ipotesi di Omphalos

Ci è stato insegnato che l’Universo ha miliardi di anni. Tuttavia, alcune ricerche recenti più o meno credibili contraddicono il fatto presunto e affermano che è tutta una grossa bugia.

Scherzi a parte, l’ipotesi di Omphalos è un tentativo di conciliare l’evidenza scientifica che la Terra ha miliardi di anni con un’interpretazione letterale della narrativa della creazione della Genesi, il che implica che la Terra abbia solo poche migliaia di anni.

Si basa sulla credenza religiosa che l’universo sia stato creato da un essere divino, negli ultimi sei-diecimila anni (in linea con la geologia delle inondazioni), e che la presenza di prove oggettive e verificabili che l’universo sia più antico di circa dieci millenni è dovuto al fatto che il creatore ha introdotto false prove che fanno sembrare l’universo significativamente più antico.

L’idea prende il nome dal titolo di un libro del 1857, Omphalos di Philip Henry Gosse, in cui l’autore sosteneva che affinché il mondo fosse “funzionale”, Dio doveva aver creato la Terra con montagne e canyon, alberi con anelli di crescita, Adamo e Eva con capelli, unghie e ombelico completamente cresciuti (ὀμφαλός omphalos in greco significa “ombelico”), e tutte le creature viventi con caratteristiche evolutive completamente formate, ecc., e che, quindi, nessuna prova empirica sull’età della Terra o dell’universo possono essere considerati affidabili.

Vari sostenitori del creazionismo della Giovane Terra hanno fornito spiegazioni diverse per la loro convinzione che l’universo sia pieno di false prove dell’età dell’universo, inclusa la convinzione che alcune cose dovessero essere state create di una certa età per il funzionamento degli ecosistemi, o la loro convinzione che il creatore abbia messo qui e là deliberatamente prove ingannevoli.

L’idea, che fu ampiamente respinta nel XIX secolo, quando Gosse pubblicò il libro di cui sopra, ha visto una certa rinascita nel 20° secolo da parte di alcuni creazionisti della Giovane Terra, che hanno esteso l’argomento per includere la luce visibile che sembra provenire da stelle e galassie lontane (affrontando il ” problema della luce stellare”).

———————————————————————————————–