Conclusa in anticipo l’accensione di SLS

Il test di accensione statica del core di SLS è l'ultimo test che di quella che la NASA definisce "corsa verde", Purtroppo i quattro propulsori si sono spenti prima del previsto

242

Il core del nuovo vettore della NASA il discusso SLS o Space Launch System ha acceso i suoi quattro potenti propulsori sabato 16 gennaio 2021. I 4 motori però si sono spenti prima del previsto.

Il test di accensione statica è l’ultimo degli otto test che fanno parte di quella che la NASA definisce “corsa verde”, una serie di test effettuati a terra che vogliono garantire che il veicolo sia esente da problemi strutturali o ingegneristici prima di essere messo su una rampa di lancio. Il vettore SLS è il veicolo di lancio più potente che l’agenzia spaziale abbia mai costruito.

Lo Space Launch System è il lanciatore che invierà gli astronauti delle missioni Artemis sulla Luna. Questo vettore si integra con la capsula Orion, che ospiterà gli astronauti fino all’orbita lunare. Una volta in orbita attorno alla Luna la capsula Orion si aggancerà con il veicolo di allunaggio.

Sia il sistema SLS che la navicella Orion sono entrambi veicoli “riciclati” da altri obiettivi e non realizzati esclusivamente per le missioni Artemis. Sia il vettore che la capsula, derivano dal programma di esplorazione interplanetaria della NASA Constellation, nato nel 2005 e cancellato dall’amministrazione Obama nel 2010. Il nuovo sistema di lancio SLS avrebbe dovuto essere un vettore più economico, in quanto la versione base avrebbe portato un carico utile di 70 000 kg in orbita bassa e tecnologie riprese dallo Space Shuttle.

La versione finale dell’SLS, quella che avrà il compito di portare le prime tre missioni Artemis sulla Luna, avrà una capacità di carico di 95 000 kg verso l’orbita terrestre bassa. Questo dato è fornito dalla NASA con la condizione che il secondo stadio sia considerato parte del carico. Le aziende incaricate della costruzione di questo lanciatore sono: Boeing che sta costruendo il core centrale (primo e secondo stadio), Aerojet- Rocketdyne i motori RS-25 che lo alimenteranno, e Northrop Grumman i booster laterali a propellente solido.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il Core centrale del SLS è una delle parti più complesse del vettore, realizzato dalla Boeing ospita due serbatoi, uno di Ossigeno liquido e uno di Idrogeno liquido criogenico. Alla sua base sono installati i 4 motori RS-25, gli stessi dello Space Shuttle, che però sono stati aggiornati e resi più economici e performanti.

Il sistema di lancio SLS avrebbe dovuto mantenere accesi i suoi motori per circa otto minuti, il tempo di funzionamento necessario ai motori per spingere il complesso nelle sue missioni orbitali. Non è ancora chiaro il motivo per cui i motori si siano spenti dopo poco più di un minuto. Il test è stato utile per raccogliere dati e “i team stanno valutando i dati sullo spegnimento anticipato del motore”, ha twittato l’agenzia spaziale americana NASA.

Durante la conferenza stampa di sabato sera, John Honeycutt, il responsabile del programma SLS, ha detto che i funzionari della NASA esamineranno i dati raccolti nel test per identificare il problema.

“Quello che abbiamo imparato è che non avevamo la valvola di pressurizzazione posizionata in modo appropriato”, ha detto Honeycutt.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I funzionari della NASA speravano che il test durasse almeno 250 secondi. La NASA ha spiegato che durante l’accensione statica del sistema SLS, gli ingegneri “accendono tutti i sistemi del palco principale, caricano più di 700.000 galloni di propellente criogenico nei serbatoi e accendono tutti e quattro i motori”.

Non è chiaro se sarà necessario un altro test prima che il razzo venga spedito in Florida, il sito di lancio dove si prevede che il razzo farà il suo primo viaggio nello spazio. Rick Gilbrech, direttore dello Stennis Space Center, ha detto che il suo sito avrebbe bisogno di almeno quattro o cinque giorni per preparare il carburante per un altro test. Lui e il suo team non sono scoraggiati dal test di sabato e sono orgogliosi di ciò che hanno realizzato quest’anno, specialmente durante la pandemia Covid-19.

L’amministratore della NASA Jim Bridenstine ha detto che il test “non è stato un fallimento. Questo non è un fallimento. Questo è un test, e abbiamo testato oggi in un modo che è significativo dove impareremo … faremo aggiustamenti e voleremo sulla luna. Questa è stata una giornata di successo. Non abbiamo ottenuto tutto ciò che volevamo e sì, impareremo, dovremo apportare modifiche. Ma ancora una volta, questo è un test”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il vettore SLS ha ricevuto molte critiche a causa dei lunghi ritardi e dei costi aumentati eccessivamente, a questo si aggiunge l’interruzione prematura del test, il suo lancio potrebbe essere ritardato ancora una volta.

“Abbiamo molti dati che esamineremo e saremo in grado di ordinare e arrivare a un punto in cui possiamo decidere se, sai, il lancio nel 2021 è una possibilità o meno”, ha spiegato Bridenstine.

Il vettore è una parte fondamentale del programma di esplorazione lunare Artemis della NASA, che mira a inviare la prima donna e il prossimo uomo sulla Luna entro il 2024. I funzionari della NASA sperano che il SLS venga utilizzato per raggiungere Marte e altre “destinazioni nello spazio profondo”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

SLS è in fase di sviluppo da un decennio. Sotto l’amministrazione Obama, la NASA stava già pianificando di utilizzare SLS per riportare gli astronauti sulla Luna entro il 2028, e questo è rimasto il piano fino a quando il vicepresidente Mike Pence non ha ordinato all’agenzia spaziale di accelerare drasticamente la sua linea temporale nel 2019.

La Boeing è stata incaricata nel 2012 di realizzare i componenti principali del sistema SLS che avrebbe dovuto volare nel dicembre 2017. La Boeing è stata colpita da diversi rapporti di supervisione governativa per “scarse prestazioni”, costosi slittamenti di programma e spese gonfiate. Ciò ha reso SLS un punto di discussione politico delicato, e molti nell’industria spaziale continuano a sospettare che sia possibile uno sbarco sulla luna nel 2024.

Secondo quanto riferito, Bridenstine ha considerato di saltare il test verde per accelerare lo sviluppo di SLS. Ma più recentemente ha affermato che i test sono essenziali per garantire che il razzo sia abbastanza sicuro da trasportare gli esseri umani nello spazio e per risolvere eventuali problemi di ingegneria prima di tentare un lancio orbitale.

Bridenstine dovrebbe dimettersi quando il presidente eletto Joe Biden assumerà la carica di presidente. Non è chiaro se la NASA riuscirà a inviare la prima missione Artemis nel 2024 sotto la nuova amministrazione, anche se la piattaforma democratica ufficiale richiede “continuità” nei programmi spaziali della NASA tra le amministrazioni presidenziali.

Il razzo SLS è più alto della Statua della Libertà e produce circa il 15% in più di spinta al decollo rispetto ai razzi Saturn V che hanno portato sulla Luna le missioni Apollo circa 50 anni fa.

La missione Artemis I della NASA dovrebbe essere lanciata entro la fine del 2021 con due voli di prova intorno alla luna senza astronauti. Una missione di prova con equipaggio, Artemis II, verrà lanciata nel 2023 in preparazione del ritorno degli astronauti sulla superficie della luna nel 2024 per la prima volta dagli anni ’70.