L’ipotesi siluriana: potrebbe essere esistita una civiltà avanzata milioni di anni prima degli umani?

Indice

In Doctor Who esiste una specie aliena chiamata Siluriani: rettili umanoidi tecnologicamente avanzati che vissero molto prima degli umani, nascondendosi e rimanendo praticamente sconosciuti fino a quando il Signore del Tempo non li ha trovati con la sua astronave/macchina del tempo a forma di cabina telefonica.

Ovviamente, niente che abbia una sia pur remota base scientifica. Tuttavia, nel 2018 due scienziati dell’Università di Cambridge hanno intitolato un loro articolo:  The Silurian hypothesis: would it be possible to detect an industrial civilization in the geological record?

Pubblicato sul Journal of Astrobiology, l’articolo non sosteneva che sia esistita una specie tecnologicamente avanzata molto prima dell’umanità, ma proponeva l’interessante ipotetica domanda se sarebbe possibile trovare nelle registrazioni geologiche “impronte geologiche” di una civiltà passata estintasi milioni di anni fa.

Una delle domande chiave nella valutazione della probabilità di trovare una tale civiltà è la comprensione di quanto spesso, dopo che la vita è sorta e dato alcune specie sono intelligenti, si sviluppa una civiltà industriale” scrivono nell’articolo.

Gli esseri umani sono l’unico esempio che conosciamo e la nostra civiltà industriale è durata (finora) circa 300 anni (dall’inizio, ad esempio, dei metodi di produzione di massa). Questa è una piccola frazione del tempo in cui siamo esistiti come un specie e una minuscola frazione del tempo in cui la vita complessa è esistita sulla superficie terrestre“.

Questo breve periodo di tempo solleva l’ovvia domanda se ciò possa essere accaduto prima“.

Oltre ad essere un’ipotesi interessante su cui riflettere, cercare di rispondere alla domanda potrebbe anche aiutarci a cercare segni di civiltà avanzate sugli esopianeti. Come sottolinea il documento, gli esseri umani hanno lasciato segni notevoli sul pianeta che dureranno sicuramente per molto tempo dopo di noi, alterando il clima e gli ecosistemi del pianeta. Tuttavia, ciò non significa che questi cambiamenti saranno rilevabili tra milioni di anni. In effetti, il record che lasciamo, ad esempio nel sedimento, può essere spesso solo pochi centimetri. Questo può essere vero anche se riusciremo ad esistere ancora per molto tempo.

Più a lungo dura la civiltà umana, maggiori sono le tracce che dovremmo lasciare nel record“, scrive il team. “Tuttavia, più a lungo dura una civiltà, più sostenibili dovrebbero diventare le sue pratiche per sopravvivere. Più una società è sostenibile (ad esempio nella produzione di energia, nella produzione o nell’agricoltura), minore è l’impronta sul resto del pianeta. Ma minore è l’impronta, minore sarà il segnale incorporato nella documentazione geologica“.

Il team discute di altri marcatori che potremmo lasciare per una specie che esaminasse gli strati geologici tra milioni di anni. Alcuni saranno indistinguibili da fenomeni naturali come gli eventi anossici oceanici del Cretaceo e del Giurassico, ma altri sarebbero chiari segni che eravamo qui e che abbiamo lasciato un pesante segno della nostra esistenza.

Ipotizziamo che alcuni traccianti specifici siano molecole sintetiche uniche, specificamente persistenti, plastica e (potenzialmente) ricadute radioattive di lunga durata in caso di catastrofe nucleare“, scrive il team.

In assenza di questi indicatori, l’unicità dell’evento può essere vista nella moltitudine di impronte digitali relativamente indipendenti rispetto a un insieme coerente di cambiamenti associati a un’unica causa geofisica“.

Il team non fornisce una risposta definitiva nell’articolo, ma suggerisce che se ci fossero specie avanzate antiche da trovare, sarebbero scoperte attraverso l’esplorazione di anomalie elementari e compositive nella documentazione dei sedimenti.

Sebbene dubitiamo fortemente che una civiltà industriale precedente sia esistita prima della nostra, porre la domanda in un modo formale che articola esplicitamente quale potrebbe essere l’evidenza di una tale civiltà solleva le proprie utili domande relative sia all’astrobiologia che agli studi sull’antropocene“, hanno concluso.

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Syntrichia caninervis: il muschio pronto per colonizzare Marte

La Syntrichia caninervis, un muschio del deserto, ha dimostrato...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Olimpiadi di Parigi 2024: caldo record, atleti a rischio

Le Olimpiadi di Parigi 2024 si stanno avvicinando rapidamente,...

Blazar S5 1803+78: scoperta affascinante variabilità ottica

I blazar sono tra gli oggetti più enigmatici e...

Ossigeno oscuro: straordinario ritrovamento a 4000 metri

La recente scoperta di un “ossigeno oscuro” prodotto da...

Offerte Amazon di oggi: mini frigo portatili super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi vorrei proporti i...

In che modo lo spray anti-THC garantisce la tua tranquillità?

La cannabis è diventata un argomento di preoccupazione per...

Articoli correlati

Popular Categories