Il Blue Monday è davvero il giorno più triste dell’anno?

Il "Blue Monday" cade ogni anno il terzo lunedì di gennaio, ed è considerato come il giorno più deprimente dell'anno, spesso attribuito a un cocktail di maltempo, pausa post-natalizia, finanze tese e propositi irraggiungibili per il nuovo anno

0
825
Il Blue Monday è davvero il giorno più triste dell'anno?
Il Blue Monday è davvero il giorno più triste dell'anno?

Il “Blue Monday” cade ogni anno il terzo lunedì di gennaio, ed è considerato come il giorno più deprimente dell’anno, spesso attribuito a un cocktail di maltempo, pausa post-natalizia, finanze tese e propositi irraggiungibili per il nuovo anno.

Ma è davvero il giorno più triste dell’anno?

La risposta breve è “no”. Il termine “Blue Monday” è stato coniato per la prima volta nel 2004 da Cliff Arnall, psicologo e oratore motivazionale, dopo essere stato contattato dall’ormai defunta compagnia di viaggi britannica Sky Travel per trovare una formula per determinare il giorno più deprimente dell’anno. Successivamente il Blue Monday è diventato il fulcro di una campagna pubblicitaria di Sky Travel progettata per incoraggiare le prenotazioni di vacanze che, secondo la società, avrebbero alleviato parte della miseria del Blue Monday.

Tuttavia, il calcolo di Arnall è stato categoricamente respinto dalla comunità scientifica e accademica.

“La depressione invernale è una risposta naturale alla pausa natalizia e alla fine dei festeggiamenti, ma patologizzare tali sentimenti normali in una qualche forma di ‘depressione acuta’ come il Blue Monday è sbagliato. L’etica è discutibile nella migliore delle ipotesi. Non ci sono prove di ricerca credibili per dimostrare che il Blue Monday sia più deprimente di qualsiasi altro giorno o che sia il giorno più deprimente dell’anno” ha dichiarato Craig Jackson, professore di psicologia della salute sul lavoro presso la Birmingham City University in Inghilterra. 



Indicatori di salute pubblica, come la mortalità, l’assenza per malattia, la morbilità psichiatrica e persino le stime di morti o tentativi di suicidio non mostrano alcun aumento intorno al terzo lunedì di gennaio di ogni anno rispetto agli altri giorni di gennaio, ha affermato Jackson.

“L’unico modo in cui questa data può essere vista come più deprimente di altre è dovuto al fatto che i media mainstream dicono alle persone che è il Blue Monday e quindi potrebbe verificarsi un effetto di profezia che si autoavvera. Le persone devono sapere che questo non è un fatto scientifico”, ha detto Jackson.

Blue Monday e SAD

Tuttavia, Jackson ha notato che i mesi invernali possono svolgere un ruolo nel catalizzare o aumentare i sentimenti di depressione e ansia. Il disturbo affettivo stagionale (SAD), a volte indicato come “depressione invernale”, è un fenomeno che colpisce dall’1% al 10% delle persone, in base ad un sondaggio pubblicato nel 2015 sulla rivista The Physician and Sportsmedicine.

“In parole povere, il SAD è una forma di depressione, con sintomi che vanno da lievi a gravi, che si verificano principalmente durante i mesi invernali, che possono essere causati o esacerbati dalla mancanza di luce diurna naturale e da ragioni sociali come la riduzione dell’attività e del tempo libero a causa a giorni più brevi e più freddi”, ha detto Jackson.

Ha anche suggerito che potrebbe esserci un legame tra i livelli di malattia e la ridotta attività che potrebbe contribuire ai tassi di depressione durante l’inverno. Un articolo del 2022 pubblicato su The Journal of Allergy and Clinical Immunology, ha scoperto che il freddo può abbassare l’immunità e rendere le persone più suscettibili ai virus.

“Non c’è alcun collegamento tra i malati di SAD e il Blue Monday, tuttavia”, ha dichiarato Jackson.

Una trovata fuorviante

Critici della formula di Arnall, che include la Mental Health Foundation, un’organizzazione senza scopo di lucro nel Regno Unito, è arrivata persino a suggerire che il termine Blue Monday potrebbe essere potenzialmente dannoso per il benessere delle persone.

“È certamente eticamente discutibile usare un espediente per indurre una popolazione a credere di essere quasi destinata a sentirsi infelice quando non è necessario”, ha detto Jackson. Quel che è peggio, tuttavia, è che “L’idea di Blue Monday può essere fuorviante per le persone che lottano con problemi di salute mentale e pensieri suicidi”, che potrebbero erroneamente pensare di essere predestinate a sentirsi tristi quel giorno, o presumere che potrebbero sentirsi meglio una volta passato il Blue Monday.

La depressione è un problema di salute complesso. Dati diffusi dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) suggeriscono che circa 280 milioni di persone in tutto il mondo attualmente soffrono di depressione.

La depressione può causare una serie di sintomi e variare da lieve a grave. Ha anche molte cause, tra cui reazioni chimiche, sociali, a circostanze difficili, eventi avversi dell’infanzia o precedenti esperienze traumatiche, che non sono completamente comprese.

“Sminuire la nostra comprensione della depressione e dell’umore basso non giova a nessuno. Il Blue Monday è irrilevante. Le persone sono libere di ignorarlo e sfidare questo stupido espediente ogni volta che emerge”, ha concluso Jackson.

2