Alzheimer: ad un passo dal vaccino

Gli scienziati hanno fatto una svolta potenzialmente rivoluzionaria nella lotta contro il morbo di Alzheimer. Un team di scienziati del Regno Unito e della Germania ha sviluppato un nuovo metodo che ha il potenziale per aiutare a curare e persino a vaccinare contro il morbo di Alzheimer

1663

Gli scienziati hanno fatto una svolta potenzialmente rivoluzionaria nella lotta contro il morbo di Alzheimer. Un team di scienziati del Regno Unito e della Germania ha sviluppato un nuovo metodo che ha il potenziale per aiutare a curare e persino a vaccinare contro il morbo di Alzheimer, rivela un comunicato stampa.

Per essere precisi, il team ha sviluppato un trattamento a base di anticorpi e un vaccino a base di proteine ​​che ha ridotto i sintomi dell’Alzheimer nei topi. Il prossimo passo cruciale sarà l’esecuzione di studi clinici sull’uomo.

Un approccio diverso al trattamento dell’Alzheimer

Il team, dell’Università di Leicester, del Centro medico universitario di Göttingen e dell’ente benefico per la ricerca LifeArc, ha pubblicato i risultati sulla rivista Molecular Psychiatry. Il nuovo trattamento e il vaccino si concentrano su una forma solubile “troncata” della proteina beta amiloide, che si trova nelle placche nel cervello ed è associata al morbo di Alzheimer. Gli scienziati ritengono che la forma solubile sia la chiave per lo sviluppo e la progressione della malattia del cervello.

“Negli studi clinici, nessuno dei potenziali trattamenti che dissolvono le placche amiloidi nel cervello ha mostrato molto successo in termini di riduzione dei sintomi dell’Alzheimer”, ha spiegato il professor Thomas Bayer, del Centro medico universitario di Göttingen. “Alcuni hanno anche mostrato effetti collaterali negativi “.

“Quindi, abbiamo deciso un approccio diverso”, ha continuato. “Abbiamo identificato un anticorpo nei topi che neutralizzerebbe le forme troncate di beta amiloide solubile ma non si legherebbe né alle forme normali della proteina né alle placche”.

Una struttura proteica a forma di forcina mai vista prima

Nel testare una nuova versione “umanizzata” di questo anticorpo, chiamata TAP01_04, i ricercatori hanno scoperto che si legherebbe alla forma troncata di beta amiloide e formerebbe una struttura a forma di forcina mai vista prima. Ciò ha permesso al team di progettare un frammento stabile di una regione specifica della proteina che potrebbe essere potenzialmente utilizzato per sviluppare un vaccino che innescherebbe il sistema immunitario a produrre anticorpi di tipo TAP01_04.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---


I ricercatori hanno testato la proteina ingegnerizzata nei topi e hanno scoperto che i topi che hanno ricevuto la proteina hanno prodotto l’anticorpo richiesto. Ulteriori test hanno dimostrato che il trattamento e la proteina “vaccino” hanno contribuito a ripristinare la funzione delle cellule nervose, ripristinare la perdita di memoria e ridurre la formazione di placche di beta amiloide nei topi.

La notizia arriva solo una settimana dopo che un team di ricercatori giapponesi ha rivelato che un vaccino di recente sviluppo è stato in grado di uccidere l’HIV nelle scimmie, dando speranza ai 37,7 milioni di persone che  vivono con la malattia autoimmune. Sebbene la scienza per il nuovo trattamento dell’Alzheimer sia nelle sue fasi iniziali, sperimentazioni umane di successo cambierebbero la vita allo stesso modo, migliorando la nostra capacità medica contro l’Alzheimer, che, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, è responsabile di circa il 60-70 percento di tutta la demenza globale di casi.