Un’altra persona è “guarita” dall’HIV

Indice

Un trapianto di cellule staminali ha liberato un uomo di mezza età da ogni segno del virus dell’immunodeficienza umana (HIV) più di nove anni dopo il trattamento.

Al cosiddetto “paziente di Düsseldorf” è stato diagnosticato l’HIV nel 2008 e nel 2010 è stato sottoposto a un ciclo di trattamenti antiretrovirali. L’anno successivo gli è stata diagnosticata la leucemia, che è un tumore dei globuli bianchi nel midollo osseo.

Data la grave combinazione delle malattie dell’uomo, i medici hanno deciso di intraprendere una strada pericolosa. Nel 2013, il paziente è stato sottoposto a trapianto di cellule staminali, prelevando cellule staminali dal midollo osseo o dal sangue di un donatore e utilizzando il campione per sostituire i globuli bianchi del paziente malato.

In questo caso, però, il donatore è stato selezionato perché presentava una mutazione genetica che lo rende resistente all’HIV. L’idea era quella di curare la leucemia del paziente, dandogli allo stesso tempo una resistenza genetica all’HIV.

Nove anni dopo aver ricevuto questo trattamento iniziale e quattro anni dopo aver cessato di utilizzare trattamenti antivirali, i ricercatori hanno annunciato che il paziente non mostra più segni di particelle di HIV funzionali e replicanti nel suo corpo, rendendolo effettivamente privo di virus.

Il paziente di Düsseldorf è stato il terzo paziente ad aver ricevuto questo tipo di trapianto di cellule staminali.

Sebbene non ci sia una linea chiara tra guarito e infettivo, il paziente di Düsseldorf si unisce ad altri quattro ricercatori che hanno ricevuto cellule staminali e sono fiduciosi di aver rimosso dal loro corpo tutte le tracce di genoma funzionale dell’HIV. Gli altri pazienti sono stati soprannominati i pazienti della Città della Speranza, di Londra, di New York e di Berlino.

La parola ‘cura’ è tra virgolette, perché viene fornita con alcuni seri avvertimenti. L’HIV è uno dei virus più difficili da trattare. Ha un suo modo di rimanere latente nel corpo, al di là della portata del sistema immunitario o delle medicine moderne.

I trattamenti con cellule staminali per il cancro come quello descritto sopra sono incredibili perché possono rendere le cellule immunitarie resistenti al virus anche se già presente.

Allo stesso tempo, però, sono anche potenzialmente letali e non sempre funzionanonemmeno per la leucemia. Attualmente vengono utilizzati solo come ultima risorsa e in casi estremi.

Detto questo, il modo in cui alcuni pazienti vengono curati da questo intervento all’avanguardia potrebbe “informare le strategie future per ottenere la remissione a lungo termine dell’HIV-1“, scrivono i ricercatori dell’ospedale universitario di Düsseldorf in Germania.

Un piccolo numero di casi di altri casi di HIV è stata persino controllata senza alcun trattamento con cellule staminali. Questi pazienti sono stati in grado di interrompere l’assunzione di trattamenti antiretrovirali e mantenere ancora una bassa o nessuna evidenza del virus nel loro sistema.

Il motivo rimane poco chiaro, ma gli studi clinici stanno rivelando alcune possibili strade per una cura. Nel 2022, ad esempio, è stato scoperto un comune farmaco contro il cancro capace di “convincere” l’HIV latente a uscire allo scoperto.

Il farmaco non ha “sradicato” l’HIV dai pazienti ma il suo successo suggerisce che ci sono modi per modificare il sistema immunitario in modo che sia più in grado di far fronte al virus anche nei casi cronici.

Storie come quelle del paziente di Düsseldorf danno agli scienziati una speranza per il futuro. Evidentemente è possibile sradicare l’HIV, ora dobbiamo solo capire come farlo per tutti coloro che ne hanno bisogno.

Lo studio è stato pubblicato su Nature Medicine.

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Data center e l’IA: ufficiale impatto negativo in 2 ambiti

Negli ultimi anni, i data center e l'IA (Intelligenza...

RTNet: L’AI che sta imparando a pensare come gli esseri umani

I ricercatori del Georgia Tech hanno sviluppato una rete...

HIV: il 7°paziente guarisce grazie al trapianto di cellule staminali

Un uomo tedesco di 60 anni è probabilmente la...

Beta finale di Android 15: diagnostica efficace per tutti

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

Ramses: la missione di difesa planetaria verso Apophis

Il programma Space Safety dell'ESA ha ricevuto l'autorizzazione a...

Voyager 2, l’eliopausa e, oltre, l’infinito

La Voyager 2 opera attualmente a temperature di circa 3,6 gradi Celsius, e ogni anno che passa la navicella produce 4 watt in meno di energia

Nano transparent screen: da 100 pollici sarà rivoluzionario

Nel mondo della tecnologia, l’innovazione non conosce limiti, e...

Progetto ITER: svolta nell’energia da fusione

Il progetto di energia da fusione ITER ha segnato...

Articoli correlati

Popular Categories