50 anni: pensi di stare invecchiando bene?

I 50 anni arrivano in un lampo, e la nostra salute psicofisica ci dice se abbiamo gestito bene il tempo, ma anche se non fosse così, si è sempre in tempo per rimediare

Nonostante si senta dire spesso che i 50 anni sono i nuovi 30, ognuno di noi invecchia in modo diverso, così come ognuno ha un atteggiamento diverso: è tempo di bilanci, c’è chi si deprime rimanendo un eterno nostalgico dei 20 anni, chi invece lancia nuovi obiettivi per il futuro.

50 anni

Nel ciclo degli “anta” si entra a quarant’anni e se ne esce, se siamo fortunati, alla conclusione dei novanta, varcando la soglia degli “ento” di cui però nessuno parla. In un mondo che respinge la vecchiaia come il peggiore dei delitti, siamo sicuri che il focus anziché sull’eterna giovinezza, non debba essere messo su qualcosa di più importante, proprio a 50 anni?

50 anni: ecco come capire se stai invecchiando bene

Sicuro di voler scambiare tutte le consapevolezze acquisite in cambio di due brufoli? Guarda i millennians e datti una risposta. Per ora abbandoniamo la ricerca del tempo perduto, il profumo di madeleines e altri pensieri strazianti e valutiamo se l’importante tappa dei 50 anni si può festeggiare sentendosi ancora in forma.

Naturalmente una fetta di importanza la detiene la genetica ma anche l’atteggiamento e le buone abitudini sono fondamentali per capire se a 50 anni stai invecchiando bene. “A 50 anni ognuno ha la faccia che si merita”, diceva George Orwell.

Niente paura, se la faccia che hai a 50 anni non ti piace, sei ancora in tempo per cambiare abitudini. Ad esserne convinta è Meg Selig, una consulente in pensione che ha studiato il cambiamento delle abitudini per il suo libro, Silver Sparks: pensieri su come invecchiare, essere più saggi e più felici.

È importante prendere una decisione e quindi fissare alcuni mini-obiettivi che puoi raggiungere a lungo termine“, ha affermato. “Non può essere solo uno sforzo momentaneo. Deve diventare parte del tuo stile di vita”.

Invecchiare bene a 50 anni significa molto più che essere semplicemente sani fisicamente, ha dichiarato Theresa A. Allison, geriatra e Professoressa di medicina all’Università della California, a San Francisco. Anche avere il supporto di cui si ha bisogno e impegnarsi nella comunità è importante.

50 anni

Invecchiare bene significa vivere una vita ricca e significativa”, ha specificato la studiosa: “Ci sono persone con una pressione sanguigna perfetta e un regime di esercizio fisico perfetto che sono infelici, e ci sono persone che vivono bene spostandosi sulla loro sedia a rotelle”.

La Professoressa Allison insieme ad altri esperti rivelano alcuni chiari segnali che stiamo invecchiando bene a 50 anni, sia fisicamente che mentalmente, e offre alcune dritte nel caso invece sia opportuno correggere il tiro.

  1. Avere forti legami sociali. Con l’avanzare dell’età, il rischio di solitudine aumenta anche a 50 anni  e il mantenimento di relazioni forti diventa sempre più importante. Un rapporto delle Accademie nazionali di scienze, ingegneria e medicina ha rilevato che più di un terzo degli adulti di età pari o superiore a 45 anni si sente solo, e un quarto degli adulti over 65 sono socialmente isolati. La solitudine è una crisi di salute pubblica, e l’isolamento sociale è associato a un rischio più elevato di malattie cardiache, ictus, diabete, depressione e demenza.

Gli studi dimostrano che le persone con un forte sostegno sociale sono più felici, più sane e vivono più a lungo. Una analisi di 148 studi ha rilevato che le persone con relazioni sociali più forti hanno aumentato le loro probabilità di sopravvivenza del 50%: “Non c’è niente di sbagliato nell’essere introversi e nel preferire vivere da soli“, ha specificato Allison: “Non siamo tutti estroversi, ma siamo umani. Nessuno di noi è un’isola e abbiamo bisogno l’uno dell’altro in modi diversi”.

  1. L’attività fisica deve far parte dello stile di vita. Chi ha 50 anni e tende a invecchiare bene ha identificato le attività fisiche che gli piacciono e le ha integrate nella sua vita, che si tratti di giardinaggio, di una passeggiata con un amico o giocare a pickleball, afferma James Powers, Professore associato di medicina e geriatra praticante presso il Vanderbilt University Medical Center.

L’attività fisica non si limita a mantenere sani i muscoli, le articolazioni e il cuore. Ricerche recenti dimostrano che può anche migliorare l’umore, aiutare a prevenire malattie croniche come il diabete, la demenza e le malattie cardiache e aggiungere anni alla vita.

Uno studio del 2022 su oltre 5.000 donne anziane pubblicato nel Journal of Aging and Physical Activity ha scoperto che l’attività fisica era collegata a un minor rischio di mortalità, anche in coloro che, a causa della loro genetica, non hanno probabilità di vivere a lungo. Lo studio ha inoltre scoperto che passare più tempo seduti aumenta il rischio di morte.

Abbiamo scoperto che anche un’attività fisica leggera come camminare era associata a un minor rischio di morte“, aha aggiunto l’autore dello studio Aladdin H. Shadyab, che studia invecchiamento e longevità all’Università della California, a San Diego.Non è mai troppo tardi per iniziare a muoversi e sedersi di meno.”

50 anni

  1. A 50 anni è importante seguire la dieta mediterranea. Molte ricerche dimostrano che la dieta mediterranea è il gold standard quando si tratta di mangiare per la salute e la longevità, afferma la neuropsicologa Karen Miller, direttrice senior del Brain Wellness and Lifestyle Program presso il Pacific Neuroscience Institute di Santa Monica, California.

Uno studio del 2022 pubblicato su PLOS Medicine ha scoperto che il passaggio a una dieta mediterranea dalla tipica dieta occidentale può aggiungere anni alla vita, e prima viene adottata, maggiori saranno i benefici che si otterranno.

Se si inizia a mangiare in modo mediterraneo all’età di 60 anni, si può vivere circa otto anni in più, ha rilevato lo studio. Se si adotta la dieta all’età di 80 anni, lo studio ha scoperto che essa aumenta comunque l’aspettativa di vita in media di 3,4 anni. Pensa iniziare a praticare la dieta mediterranea a 50 anni, quanti benefici può apportare alla tua salute!

  1. Impegnarsi in attività significative. Gli studi dimostrano che le persone di età pari o superiore a 50 anni che hanno uno scopo sono più felici e vivono più a lungo.

Ad esempio, uno studio JAMA Network Open del 2019 su quasi 7.000 adulti ha rilevato che coloro che hanno ottenuto il punteggio più alto in una scala che misurava la “vita” scopo” avevano meno probabilità di morire in un periodo di quattro anni rispetto a coloro che avevano ottenuto punteggi più bassi.

I ricercatori ritengono che impegnarsi in attività che per noi sono importanti possa abbassare il livello di stress, riducendo l’infiammazione del corpo collegata a malattie cardiovascolari e altri problemi di salute.

Quando guardo gli anziani che vivono da soli e che conducono una vita ricca e significativa, vedo che stanno facendo cose che riflettono i loro valori e la loro identità“, ha affermato Allison.

Per mettere in pratica ciò che predica, Allison, che ha circa 50 anni, ha detto di aver recentemente iniziato a suonare di nuovo il flauto e di essersi unita a un coro di flauti a San Francisco: “All’improvviso, devo andare in un posto nuovo”, ha detto: “Devo imparare nuova musica e sappiamo che imparare cose nuove è importante man mano che invecchiamo. Sto incontrando nuove persone. E sono impegnata in un’attività comunitaria che si traduce in un servizio alla comunità, perché alla fine daremo un concerto gratuito”

  1. Dormire almeno sette ore a notte. Risparmiare sul sonno non ci rende solo irritabili e bisognosi di più caffè. Aumenta anche il rischio di problemi di salute cronici, tra cui obesità, diabete, depressione, ipertensione e malattie cardiache. Gli studi mostrano anche un legame tra la durata del sonno e il rischio di sviluppare l’Alzheimer o la demenza.

Il sonno dà al nostro corpo il tempo di rimuovere le tossine dal cervello e riparare le connessioni neurali danneggiate: “Se non dormiamo abbastanza, non otteniamo quella riparazione”, dice Miller. “Pensiamo a tutti i buoni antiossidanti che si ottengono da frutta e verdura. Non possono fare il loro lavoro se si dormono sette ore”.

  1. Avere una visione positiva. Gli studi dimostrano che le persone ottimiste tendono a vivere una vita più lunga, più felice e più sana rispetto a quelle che hanno una visione negativa: ” Avere 50 anni è solo un numero, ma il modo in cui ci si sente al riguardo è molto importante”, ha spiegato il geriatra John A. Batsis, Professore associato nella divisione di medicina geriatrica presso la UNC School of Medicine: “Ho persone che si sentono vecchie a metà o fine degli anni ’60. Ne ho altri alla fine degli anni ’80 che si sentono giovani. Avere una prospettiva positiva, avere cose da aspettarsi, promuove davvero il benessere e la qualità della vita”.

È stato dimostrato che avere un atteggiamento positivo nei confronti dell’invecchiamento riduce il rischio di demenza e aumenta la durata della vita di circa sette anni e mezzo, afferma Selig. Perché? I ricercatori dicono che è perché credere agli stereotipi legati all’età può essere una profezia che si autoavvera.

Le persone con convinzioni positive sull’età hanno maggiori probabilità di prendersi cura di se stesse perché immaginano un futuro attivo, felice e significativo“, ha detto Selig. “Hanno anche meno paura dell’invecchiamento, riducendo i livelli di sostanze chimiche nocive per lo stress nel sangue.” Quindi il segreto non è temere i 50 anni, ma accoglierli come una nuova e felice fase della propria vita.

50 anni

  1. Essere coscienziosi. Le persone coscienziose tendono a presentarsi agli appuntamenti dal medico, a prendere i farmaci, a perseguire abitudini sane ed evitare abitudini dannose come il fumo, l’alcol e le droghe. È più probabile che seguano le prescrizioni del medico per gestire la pressione sanguigna, il livello di colesterolo e i livelli di zucchero nel sangue.

Tutte queste buone abitudini contribuiscono a migliori risultati in termini di salute, ha continuato Selig: “Le persone coscienziose vivono più a lungo, hanno un rischio ridotto di demenza, tendono ad essere più sane e più ricche e si sentono meglio con se stesse”.

Uno studio condotto su 1.954 persone ha scoperto che coloro che erano più coscienziosi avevano il 22% in meno di probabilità di sperimentare un deterioramento cognitivo. Un altro ha mostrato una riduzione del rischio di morte prematura del 35%.

  1. Fare le cose giuste per il nostro cervello. La perdita di capacità intellettuali non è una parte inevitabile dell’invecchiamento.Uno studio del maggio 2023 pubblicato su The Journals of Gerontology ha coinvolto gli adulti di età compresa tra 58 e 86 anni è stato assegnato ciascuno da tre a cinque lezioni in materie tra cui spagnolo, disegno e composizione musicale per tre mesi. A metà dello studio, avevano potenziato le loro capacità cognitive al livello di adulti di 20-30 anni più giovani. Pensa se inizi a farlo a 50 anni! Il tuo cervello sarà quello di un adolescente.

Articoli più letti

Related articles