X-59 aircraft: per la Nasa il futuro ha un silenzio supersonico

La NASA ha finalmente inaugurato il tanto atteso X-59 aircraft che rivoluzionerà l'aviazione commerciale grazie al suo motore supersonico silenzioso

0
588
X-59 aircraft

La NASA ha inaugurato l’X-59 aircraft di venerdì 12 gennaio. Questo evento segna una pietra miliare significativa nella missione QUESST della NASA , volta a rendere il volo supersonico commerciale una realtà.

X-59 aircraft

X-59 aircraft: il volo supersonico commerciale diventa realtà

La presentazione è stata trasmessa in diretta su NASA+, NASA Television, YouTube e sul sito web dell’agenzia governativa statunitense e che ha mostrato il risultato di decenni di ricerca nel campo dell’aeronautica e del volo supersonico.

È raro che abbiamo l’opportunità di ospitare così tanti visitatori allo Skunk Works, ed è ancora più raro che siamo riusciti a svelare pubblicamente uno dei nostri aerei“, ha affermato John Clark, vicepresidente e direttore generale di Lockheed Martin Skunk Works, il giorno dell’inaugurazione.

Questo è un momento a cui le generazioni future guarderanno con stupore e ammirazione“, ha dichiarato Greg Ulmer, vicepresidente aeronautico di Lockheed Martin. “Il mantra Skunk Works di velocità, silenziosità e qualità assume un significato completamente nuovo. Mentre inauguriamo le speranze di una nuova era di viaggi supersonici silenziosi, resi possibili grazie alla nostra collaborazione con la NASA”.



Ospitata dall’appaltatore principale Lockheed Martin Skunk Works, la cerimonia ha offerto uno sguardo sulla tecnologia innovativa che potrebbe rimodellare il futuro dei viaggi aerei. Il focus dell’rvento, l’X-59, non è solo un altro aereo ad alta velocità: è una rivoluzione silenziosa nel volo supersonico.

Il volo supersonico tradizionale comporta un effetto collaterale fastidioso: il famigerato boom sonico. Quando un oggetto rompe la barriera del suono, genera onde d’urto che possono causare disagi al suolo.

Queste onde d’urto, sebbene impercettibili per coloro che si trovano all’interno dell’aereo in corsa, possono danneggiare le strutture, spaventare gli animali e creare un fastidio generale per coloro che si trovano nelle vicinanze. L’X-59, non è stato progettato per eliminare del tutto il boom sonico ma per trasformarlo in un “tonfo sonico” più accettabile.

L’X-59 aircraft è il risultato della collaborazione di Lockheed Martin con la NASA: è un jet monomotore in grado di volare a 16.700 metri, raggiungendo velocità fino a 925 miglia all’ora o Mach 1,4. Ciò che lo distingue è il rumore percepito minimo, che si aggira intorno ai 75 PLdB (livello di rumore percepito in decibel), paragonabile al suono della portiera di un’auto che si chiude.

Originariamente previsto per il debutto nel 2023, l’X-59 ha riscontrato ritardi attribuiti alle necessarie integrazioni di sistema, sfide informatiche, test strutturali e valutazioni a terra. Queste battute d’arresto, pur spingendo i tempi, sottolineano l’impegno a garantire che le capacità dell’aereo siano state verificate prima del suo volo inaugurale.

X-59 aircraft

Il ruolo dell’X-59 nella missione QUESST della NASA è fondamentale. Studiando il suono e mirando a mitigare l’impatto dirompente del classico boom sonico, questo velivolo sperimentale aspira a ridefinire il volo supersonico. I ritardi affrontati dal progetto X-59 servono come testimonianza del rigoroso processo di test e perfezionamento.

Sebbene l’obiettivo iniziale fosse il debutto nel 2023, il tempo extra investito nell’affrontare integrazioni di sistema, complessità informatiche, valutazioni strutturali e valutazioni del terreno sottolinea l’impegno della NASA per la sicurezza e l’efficienza.

In caso di successo, l’X-59 potrebbe essere il catalizzatore per la revoca del divieto di volo supersonico commerciale sulla terra, inaugurando un’era di viaggi aerei più accessibili ed efficienti in termini di tempo.

La prima A della NASA sta per aeronautica. E il nostro focus è l’innovazione aerospaziale rivoluzionaria“, ha affermato Melroy. “L’X-59 continua con orgoglio questa eredità, rappresentando l’avanguardia della tecnologia che fa avanzare l’aviazione”.

L’ultimo X-plane della NASA (“X” per “sperimentale”) è il culmine di decenni di ricerca e ha coinvolto approcci di produzione radicalmente diversi, tra cui nuovi sistemi di realtà aumentata, perforazione robotica e tecniche di modellazione 3D.

Questo non è solo un aereo, è un X-plane“, ha aggiunto Melroy. “È la manifestazione di un genio collaborativo”. Melroy ha affermato che questo sistema ha il potenziale per rivoluzionare la progettazione degli aeromobili.

Non ci siamo sentiti a nostro agio nel mettere a punto un veicolo di volo con equipaggio senza prima averlo testato. Quindi questa tecnologia innovativa è davvero un faro che ci guida verso un futuro in cui le barriere di visibilità nella progettazione degli aeromobili possono essere superate con questa soluzione inventiva“.

X-59 aircraft

Jim Free, amministratore associato della NASA, ha m sottolineato che l’X-59 è semplicemente l’ultimo di una lunga serie di aerei X della NASA che hanno rivoluzionato l’aviazione nel corso della storia dell’agenzia.

Anche tra gli altri aerei X, l’X-59 è speciale. Ogni aereo che riceve la designazione di aereo X ha uno scopo specifico per testare nuove tecnologie o concetti aerodinamici“, ha detto Free, “Questi aerei speciali spingono il volo oltre i limiti di ciò che è possibile. E una volta che hanno dimostrato questi concetti, spesso vanno nei musei. E questo è davvero ciò che rende l’X-59 diverso”.

Free ha inteso che l’X-59 effettuerà più voli su aree residenziali selezionate negli Stati Uniti al fine di raccogliere dati su come le persone a terra sperimentano e reagiscono al suono che si crea.

 

2