Starship: Musk spiega il fallimento del secondo test

Dopo il rinvio delle missioni Artemis della NASA, Elon Musk ha dichiarato che la Starship non è pronta ad andare in orbita

0
237
SpaceX tra poco effettuerà il secondo test di lancio della Starship

La NASA ha già ritardato il programma delle missioni Artemis II e III a causa di diverse problematiche tecniche. Tra questi, la Starship di SpaceX è una probabile causa. Il colossale razzo ammiraglio dell’azienda spaziale di Elon Musk, che mira a portare gli esseri umani su Marte e oltre, a Novembre 2023 è volato fino ai confini dello spazio nel suo secondo volo di prova integrato.

SpaceX tra poco effettuerà il secondo test di lancio della Starship

Il lancio da Boca Chica, Texas, è stato impeccabile, la Starship si è separata con successo dal booster Super Heavy, il primo stadio che fornisce la spinta iniziale, e ha attraversato la linea Kármán, il confine tra l’atmosfera terrestre e lo spazio esterno.

Perché la Starship di SpaceX non è ancora pronta?

Il volo della Starship ha presentato alcuni problemi. L’astronave e il booster Super Heavy sono esplosi a mezz’aria poco dopo la separazione. La causa degli incidenti non è chiara e molti hanno ipotizzato che sia stato attivato il sistema di terminazione del volo, un meccanismo di sicurezza che distrugge il razzo se devia dalla traiettoria pianificata.

Due mesi dopo, il fondatore e CEO di SpaceX, Elon Musk, ha finalmente fatto luce su ciò che è accaduto durante una presentazione di aggiornamento dell’azienda a Starbase, il sito di lancio e impianto di produzione di Starship. Il miliardario ha rivelato che il razzo è troppo leggero per raggiungere l’orbita.



Il volo 2 in realtà è quasi riuscito a raggiungere l’orbita. In effetti, ironicamente, se avesse avuto un carico utile, sarebbe riuscito a raggiungerla. Il motivo per cui in realtà non è riuscito a raggiungerla è stato che abbiamo scaricato l’ossigeno che ha portato ad un incendio e ad un’esplosione.

Abbiamo voluto far sfogare l’ossigeno liquido perché normalmente non avremmo avuto quell’ossigeno liquido se avessimo un carico utile. Quindi, ironicamente, se avesse avuto un carico utile avrebbe raggiunto l’orbita“, ha cercato di spiegare Musk riguardo le sue perplessità sulla Starship.

Musk ha altresì aggiunto che il motivo esatto del guasto del booster Super Heavy durante il boost back burn, una manovra che lancia il razzo e lo rallenta per l’atterraggio, è ancora sconosciuto.

L’obiettivo della missione era far decollare la Starship e portarla nello spazio appena prima della quota orbitale, quindi il ritorno nell’atmosfera terrestre per un ammaraggio al largo delle coste delle Hawaii. Il lancio è stato programmato per il 17 Novembre 2023, ma è stato posticipato di un giorno per uno scambio dell’ultimo minuto dell’hardware di controllo del volo.

La NASA teme ritardi per la missione Artemis 3, Starship

Musk, tuttavia, è ancora determinato nonostante perdita dell’hardware e ha affermato che è disposto a sacrificare più razzi se ciò significasse rendere la Starship operativa quanto prima: “È sempre meglio sacrificare l’hardware piuttosto che sacrificare il tempo. Ad esempio, il tempo è l’unica vera valuta“, ha affermato.

Musk inoltre delineato i nuovi obiettivi per il terzo volo di prova integrato, previsto per febbraio, in attesa dell’approvazione della Federal Aviation Administration (FAA). Questi includono l’esecuzione di un’accensione del motore nello spazio da un serbatoio di testata, un serbatoio di propellente più piccolo che alimenta i motori durante l’atterraggio e la deorbitazione sicura del veicolo spaziale.

SpaceX prevede inoltre di testare la tecnologia di trasferimento del propellente, che consentirebbe alla Starship di fare rifornimento in orbita, e la porta di carico utile e il meccanismo per il dispiegamento dei suoi satelliti Starlink, la costellazione di satelliti che forniscono Internet che funge anche da fonte di entrate per l’azienda.

SpaceX è pronta per il lancio di Starship Flight Test 2

Starship è l’ambizioso progetto che Musk spera possa rivoluzionare l’esplorazione e la colonizzazione dello spazio.

Il razzo riutilizzabile, alto 120 metri e in grado di trasportare fino a 100 tonnellate di carico e 100 passeggeri, è progettato per essere lanciato dalla Terra, atterrare sulla Luna o su Marte e tornare sulla Terra. SpaceX ha già ottenuto contratti con la NASA per utilizzare la Starship per missioni lunari, e Musk ha detto che vuole inviare la prima missione con equipaggio su Marte nel 2026.

2