Starship si è persa durante il secondo volo di prova. È stato un fallimento, ma è stato anche un successo

SpaceX non ha portato a termine l'intera missione e sia la navicella spaziale Starship che il booster Super Heavy sono esplosi sull'oceano ma il secondo volo di test della Starship ha segnato una serie di successi fondamentali

SpaceX non ha portato a termine l’intera missione e sia la navicella spaziale Starship che il booster Super Heavy sono esplosi sull’oceano ma il secondo volo di test della Starship ha segnato una serie di successi fondamentali.

Il razzo è arrivato molto più in profondità nel suo profilo di volo rispetto al primo tentativo di volo di aprile, quando la Starship ha iniziato a cadere con la coda sopra la testa circa quattro minuti dopo il decollo. L’astronave non si era mai nemmeno separata dal booster Super Heavy durante quel test.

Questa volta, tuttavia, SpaceX ha raggiunto questo traguardo: dopo circa due minuti e mezzo di volo, l’astronave ha acceso i suoi motori e si è staccata con successo utilizzando un metodo nuovo di zecca chiamato “hot staging“.

Questa fase ha segnato un momento cruciale per SpaceX, poiché si prevedeva che l’hot staging fosse “la parte più rischiosa del volo“, come aveva dichiarato il CEO di SpaceX Elon Musk in ottobre. SpaceX aveva già detto che avrebbe considerato la missione un successo se Starship avesse superato quel punto. E così è stato.

Le cose, però, non sono andate esattamente come previsto. Il booster Super Heavy ha perso il controllo subito dopo la separazione ed è esploso sul Golfo del Messico pochi istanti dopo. SpaceX sperava di riaccendere i motori del Super Heavy e guidarlo verso un atterraggio controllato.

Tuttavia, perdere il booster non è considerato un grosso problema.

Inizialmente, Starship ha continuato senza problemi il suo volo dopo essersi staccata dal Super Heavy. Circa 8 minuti dopo il decollo, si sono sentiti applausi echeggiare in tutto il controllo della missione mentre l’astronave si stava avvicinando alla fine del consumo del motore, mettendola su un percorso verso l’orbita terrestre.

9 minuti dopo il lancio, SpaceX ha chiarito di aver perso il segnale video con Starship. Dopo circa 11 minuti e mezzo di volo, la compagnia ha confermato di aver perso la telemetria. Ciò indicava che l’astronave non stava volando come previsto.

L’ingegnere John Insprucker, che ha ospitato il live streaming di SpaceX, ha poi confermato che SpaceX è stata costretta a distruggere la Starship in modo che non andasse fuori rotta. L’azienda sottolinea già che, a suo avviso, questo test è stato un successo.

Abbiamo ottenuto così tanti dati e questi ci aiuteranno a migliorare per il nostro prossimo volo“, ha affermato Kate Tice, responsabile tecnico dei sistemi di qualità di SpaceX, durante il live streaming.
Il capo della NASA, Bill Nelson, si è congratulato dopo il volo della Starship.

La NASA sta pagando a SpaceX oltre 4 miliardi di dollari per Starship. L’agenzia spaziale intende utilizzare la navicella spaziale per far atterrare gli astronauti sulla Luna nell’ambito del suo programma di punta Artemis.

Il primo atterraggio con un veicolo Starship è previsto per dicembre 2025. Ma la NASA ha precedentemente espresso preoccupazione sul fatto che Starship non sarà pronta in tempo, avvertendo che la missione potrebbe slittare al 2026 o che la NASA potrebbe essere costretta a progettare un nuovo profilo di volo.

La Federal Aviation Administration, che oggi ha concesso la licenza per il volo di prova della Starship, ha appena rilasciato una dichiarazione: Sabato 18 novembre si è verificato un incidente durante il lancio della SpaceX Starship OFT-2 da Boca Chica, Texas. L’anomalia ha provocato la perdita del veicolo. Non si segnalano feriti o danni a cose pubbliche.

Si prevede che l’agenzia avvierà un’indagine sugli eventuali incidenti del lancio, come avviene di routine dopo ogni missione spaziale che non va esattamente secondo i piani. Ci sono voluti più di quattro mesi perché la FAA completasse l’ultima indagine sull’incidente dopo il volo di prova della Starship in aprile.

Per SpaceX non è un problema grosso se i razzi che esplodono nelle prime fasi di sviluppo.

Questo perché l’azienda utilizza un approccio completamente diverso alla progettazione dei razzi rispetto, ad esempio, alla NASA. L’agenzia spaziale si concentra sulla costruzione di un razzo e sulla sua strenua progettazione e sperimentazione a terra prima del suo primo volo, impiegando anni ma garantendo quasi il successo al primo lancio.

SpaceX, invece, costruisce rapidamente nuovi prototipi ed è disposta a testarli fino al punto di rottura perché di solito ce n’è uno di riserva nelle vicinanze. Oggi, quattro astronavi Starship e almeno due booster Super Heavy erano visibili nella base spaziale di Boca Chica.

f93059b8 3ed4 449f 9a43 b124d99548ed

Quanta distanza ha viaggiato la Starship oggi?

Dopo essersi separata dal razzo Super Heavy, la navicella spaziale Starship è salita a un’altitudine di circa 150 chilometri prima che SpaceX perdesse il contatto, secondo una dichiarazione rilasciata dalla compagnia.

Per contestualizzare, il governo degli Stati Uniti considera il confine dello spazio esterno 80 chilometri sopra la superficie terrestre. A livello internazionale, la linea Kármán, situata a 100 chilometri sopra il livello del mare, viene spesso utilizzata per segnare il confine tra il nostro pianeta e lo spazio.

Articoli più letti

Related articles