Perché l’Islanda è così vulcanicamente attiva?

Migliaia di terremoti nelle ultime settimane hanno scosso la cittadina di pescatori di Grindavík, in Islanda, a circa 50 chilometri a sud-ovest della capitale Reykjavik, innescando evacuazioni e avvertimenti che un'eruzione vulcanica potrebbe essere imminente

0
201
Perché l'Islanda è così vulcanicamente attiva?
Perché l'Islanda è così vulcanicamente attiva?

Migliaia di terremoti nelle ultime settimane hanno scosso la cittadina di pescatori di Grindavík, in Islanda, a circa 50 chilometri a sud-ovest della capitale Reykjavik, innescando evacuazioni e avvertimenti che un’eruzione vulcanica potrebbe essere imminente.

L’idea di una risalita del magma è senza dubbio spaventosa per i turisti che visitano il vicino centro termale geotermico Laguna Blu, chiuso per precauzione, ma i residenti islandesi hanno imparato nel corso dei secoli a convivere con la geologia iperattiva della loro isola.

Allora perché l’Islanda è così vulcanicamente attiva?

Le risposte sono due: una ha a che fare con ciò che i geologi chiamano senza fantasia un hotspot, e l’altra riguarda gigantesche placche tettoniche che si stanno separando proprio sotto l’isola. 

L’Islanda sul bordo di due placche tettoniche

Quando negli anni ’60 emerse la teoria della tettonica a placche, i geologi si resero conto che molti vulcani si trovano in zone in cui le placche tettoniche si incontrano. Le placche tettoniche sono pezzi giganteschi dello strato esterno rigido della Terra che trasportano sia i continenti che gli oceani e sono costantemente in movimento. Coprono il pianeta come grandi pezzi di un puzzle sferico.



Molti di questi vulcani si trovano in zone di subduzione, come l’Anello di Fuoco del Pacifico, dove le placche oceaniche più sottili affondano lentamente nel mantello terrestre. Questi sono gli stratovulcani come il Monte Fuji, in Giappone, o il Monte Rainier, fuori Seattle. A causa del loro alto contenuto di gas, tendono a eruttare in modo catastrofico, sparando cenere nell’atmosfera con l’energia delle bombe nucleari, come fece Mount St. Helens nel 1980.

Un secondo tipo di vulcano, tipicamente più silenzioso, si forma dove le placche si separano. L’attività vulcanica vicino a Grindavík è direttamente correlata a questo tipo di movimento tettonico delle placche. La dorsale medio atlantica tra la placca eurasiatica e quella nordamericana taglia proprio quella parte dell’isola.

Infatti al Parco Nazionale di Thingvellir si può letteralmente camminare tra le due placche tettoniche. Si possono vedere le cicatrici topografiche della spaccatura nelle lunghe valli lineari che si estendono a nord-est da Grindavík. 

I dati satellitari radar dell’Ufficio meteorologico islandese mostrano che un’ampia area intorno a Grindavík è affondata di circa 1 metro in 10 giorni e la stazione GPS in città si è spostata di circa 1 metro a sud-est rispetto al nord, mentre grandi crepe hanno rotto strade e case a Grindavík.

Laddove le placche si allontanano l’una dall’altra, il mantello sottostante risale verso la superficie per riempire lo spazio vuoto, portando con sé il suo calore e spostandosi in un’area di pressione inferiore. Questi due processi causano lo scioglimento in profondità e l’attività vulcanica in superficie.

A partire dall’ottobre 2023, questo magma pressurizzato ha iniziato a farsi strada lungo una fessura verso la superficie, innescando sciami sismici e creando la possibilità di un’eruzione.

Sopra un hotspot

In Islanda, anche i grandi vulcani dell’interno sembrano trovarsi sopra un pennacchio di mantello, simile alle Hawaii.

Questo tipo di vulcano erutta tipicamente lava basaltica, che si scioglie a temperatura molto elevata e tende a scorrere facilmente. Le eruzioni generalmente non sono esplosive perché la lava che cola permette ai gas di fuoriuscire. Questo è il motivo per cui i turisti spesso possono osservare in sicurezza i flussi di lava alle Hawaii o in Islanda.

Ciò che esattamente provoca l’innalzamento del materiale nei punti caldi è ancora dibattuto, ma l’idea più comunemente accettata è che siano causati da pennacchi di roccia surriscaldata che hanno origine nella transizione tra il nucleo metallico della Terra e il mantello roccioso. Gli hotspot sono un meccanismo che consente alla Terra di cedere parte del suo calore interno.

Se si verificasse un’eruzione in Islanda, la lava basaltica molto probabilmente scorrerà in modo relativamente pacifico verso il basso, come è successo quando il vulcano Fagradalsfjall ha eruttato nel 2021-22 appena a est di Grindavík, fino a raggiungere il mare. Tuttavia, quando la lava a circa 1.000 gradi Celsius colpisce l’acqua, si trasforma in vapore, provocando esplosioni che possono spargere cenere su una vasta area.

Un lato positivo dei vulcani in Islanda

Vivere in una zona vulcanica attiva presenta alcuni vantaggi, soprattutto a livello energetico.

L’Islanda ricava il 30% della sua elettricità da fonti geotermiche che utilizzano il calore sotterraneo per azionare le turbine e produrre energia. È quasi come una versione controllata di un flusso di lava che colpisce il mare e contribuisce a rendere l’Islanda una delle economie più pulite della terra.

Un impianto idrotermale chiamato Svartsengi, vicino a Grindavík, utilizza il calore sotterraneo per fornire acqua calda a diverse migliaia di case oltre a 75 megawatt di elettricità. L’impianto pompa l’acqua attraverso pozzi scavati nel campo vulcanico. Quest’acqua bolle in vapore, che viene poi alimentato alle turbine che generano energia e agli scambiatori di calore che producono acqua calda per il riscaldamento diretto delle case.

Quella centrale elettrica è anche uno dei motivi per cui la Laguna Blu è così popolare.

Quando la centrale fu costruita nel 1976, il piano era di scaricare le acque reflue ancora calde in una zona bassa adiacente, aspettandosi che penetrassero nel terreno. Tuttavia, l’acqua geotermica era carica di silice disciolta, che si trasformava in minerali quando l’acqua si raffreddava, creando uno strato impermeabile. E così cominciò a formarsi un piccolo lago.

A causa del suo alto contenuto di silice, l’acqua di questo lago ha uno spettacolare colore blu che ha ispirato la creazione del centro termale geotermico. La Laguna Blu è oggi una delle principali attrazioni turistiche del paese.

2