Islanda: ipotesi continente sommerso

Secondo una nuova teoria proposta da un team internazionale di geofisici e geologi, l'Islanda potrebbe essere l'ultimo residuo esposto di un continente grande quasi quanto il Texas, chiamato Icelandia, che affondò sotto l'Oceano Atlantico settentrionale circa 10 milioni di anni fa

0
1135

Secondo una nuova teoria proposta da un team internazionale di geofisici e geologi, l’Islanda potrebbe essere l’ultimo residuo esposto di un continente grande quasi quanto il Texas, chiamato Icelandia, che affondò sotto l’Oceano Atlantico settentrionale circa 10 milioni di anni fa.

La teoria va contro le idee di lunga data sulla formazione dell’Islanda e del Nord Atlantico, ma i ricercatori affermano che la nuova teoria spiegherebbe sia le caratteristiche geologiche del fondale oceanico e sia il motivo per cui la terra sotto l’Islanda sia molto più spessa di quanto dovrebbe essere.

Esperti esterni non affiliati alla ricerca sostengono di essere scettici su questa ipotesi sulla base delle prove raccolte finora.

Se gli studi geologici confermassero la teoria, l’idea radicalmente nuova di un continente sommerso potrebbe avere implicazioni per la proprietà di qualsiasi combustibile trovato sotto il fondo del mare.

“La regione che ha materiale continentale al di sotto, si estendeva dalla Groenlandia alla Scandinavia”, ha affermato Gillian Foulger, autrice principale di “Icelandia”, un capitolo del nuovo libro “Sulle orme di Warren B. Hamilton: New Ideas in Earth Science” (Geological Society of America, 2021), che descrive la nuova teoria.



Alcuni di essi a ovest e ad est sono ora sprofondati sotto la superficie dell’acqua, ma sono ancora in piedi più in alto di quanto dovrebbero. Se il livello del mare scendesse di 600 metri, allora vedremmo molta più terra sopra la superficie dell’oceano”, ha detto a WordsSideKick.com Foulger, professore emerito di geofisica alla Durham University nel Regno Unito.

Il continente perduto

La regione del Nord Atlantico una volta era una terra completamente asciutta che da circa 335 milioni a 175 milioni di anni fa componeva il supercontinente Pangea, ha affermato Foulger. I geologi hanno a lungo pensato che il bacino dell’Oceano Atlantico settentrionale si sia formato quando la Pangea ha iniziato a frantumarsi 200 milioni di anni fa e che l’Islanda si sia formata circa 60 milioni di anni fa sopra un pennacchio vulcanico vicino al centro dell’oceano.

Ma Foulger e i suoi coautori suggeriscono una teoria diversa, ovvero che gli oceani iniziarono a formarsi all’incirca a sud e nord, ma non a ovest e a est dell’Islanda quando la Pangea si sciolse. I geologi sostengono invece, che le aree ad ovest e ad est siano rimaste collegate a quelle che oggi sono la Groenlandia e la Scandinavia

Secondo la nuova teoria, la Pangea non si è divisa in modo netto, e il continente perduto dell’Islanda è rimasto come una striscia ininterrotta di terraferma larga almeno 300 chilometri, che è rimasta al di sopra delle onde fino a circa 10 milioni di anni fa. Alla fine, anche le estremità orientale e occidentale dell’Islanda sono affondate, e solo l’Islanda è rimasta in superficie.

La teoria spiegherebbe perché le rocce crostali sotto la moderna Islanda hanno uno spessore di circa 40 km invece di circa 8 km, cosa che ci si aspetterebbe se l’Islanda si fosse formata su un pennacchio vulcanico, hanno detto i geologi.

“Quando abbiamo considerato la possibilità che questa spessa crosta fosse continentale, i nostri dati hanno improvvisamente avuto un senso”, ha detto Foulger in una nota“Questo ci ha portato immediatamente a capire che la regione continentale è molto più grande della stessa Islanda: c’è un continente nascosto proprio lì sotto il mare”.

Piattaforma continentale

Foulger e i suoi colleghi hanno stimato che un tempo l’Islanda si estendeva su più di 600.000 chilometri quadrati di terraferma tra la Groenlandia e la Scandinavia, un’area un po’ più piccola del Texas. Oggi, l’Islanda misura circa 103.000 km quadrati.

Hanno suggerito che esistesse anche una regione adiacente di dimensioni simili, che costituiva la “Grande Islanda” a ovest, dove oggi ci sono la Gran Bretagna e l’Irlanda. Ma anche quella regione è sprofondata sotto le onde.

 

Il geografo Philip Steinberg, direttore del Center for Borders Research dell’Università di Durham, ha affermato che la nuova teoria dell’Islanda potrebbe avere implicazioni per la proprietà dei combustibili fossili sotto il fondo del mare; secondo il diritto internazionale, i paesi possono rivendicare quei combustibili fossili se le prove dimostrano che le risorse risiedono sotto la piattaforma continentale di quel paese, una regione relativamente poco profonda del fondo marino che può estendersi per centinaia di miglia oltre la costa. 

Steinberg, che non è stato coinvolto nella ricerca sull’Islanda, ha osservato che i paesi di tutto il mondo stanno spendendo grandi quantità di denaro nella ricerca geologica che potrebbe consentire loro di rivendicare diritti esclusivi sui minerali sotto le loro piattaforme continentali.

“Ricerche come quella del professor Foulger, che ci costringe a ripensare alla relazione tra fondale marino e geologia continentale, possono avere un impatto di vasta portata per i paesi che cercano di determinare quale area del fondale sia la loro riserva esclusiva”, ha affermato Steinberg nella dichiarazione.

Il concetto di Icelandia va contro le teorie prevalenti per la formazione della regione del Nord Atlantico, e diversi eminenti geologi e geofisici sono critici all’idea.

Ian Dalziel, un geologo dell’Università del Texas di Austin, che il mese scorso ha vinto la Medaglia Penrose per il suo lavoro sulla geografia antica e sui supercontinenti del passato, ha affermato di poter vedere ben poco per giustificare la proposta. 

A differenza del continente sommerso della Zealandia, ad esempio, che i geologi hanno stabilito fosse composto da crosta continentale che si separò dall’Antartide e poi affondò, non c’era abbastanza materiale di crosta continentale nella regione del Nord Atlantico per formare l’Islanda.

I geofisici Carmen Gaina, direttrice del Center for Earth Evolution and Dynamics di Oslo, e Alexander Minakov dell’Università di Oslo hanno dichiarato che la proposta è una “affermazione audace” ed improbabile. 

Ad esempio, i rilievi magnetici del fondo marino nella regione mostrano “strisce” che indicano quando strati successivi di crosta fusa sono stati depositati sul fondo marino del Nord Atlantico quando il campo magnetico terrestre ha cambiato polarità nel corso di milioni di anni – un chiaro segno di crosta vista anche in grandi altopiani oceanici nell’Oceano Pacifico.

Ma “la loro visione concettuale è un buon punto di partenza per discussioni e, cosa più importante, per una raccolta di dati più ampia e pertinente”, hanno affermato Gaina e Minakov, come ulteriori perforazioni geologiche sul fondo del mare e indagini sismiche che possono misurare la crosta dai suoi echi sismici di esplosioni calibrate effettuate da navi da ricerca.

2