Atacama: il deserto più arido della Terra è in fiore

Il deserto di Atacama, nel Cile settentrionale, è uno dei luoghi più aridi della Terra, ma distese di sabbia solitamente sterile sono attualmente ricoperte da una colorata fioritura di fiori bianchi e viola.

deserto di Atacama

La fioritura del deserto di Atacama

Il deserto di Atacama è noto come Disierto Florida (il “deserto fiorito“) perché ogni pochi anni si ricopre di fiori, quando i giusti livelli di pioggia e temperatura coincidono e risvegliano i semi dormienti del deserto.

Di solito questo avviene in primavera, ma l’attuale fioritura è insolitamente precoce, nel bel mezzo dell’inverno dell’emisfero australe, grazie alle precipitazioni alimentate da El Niño, un fenomeno climatico naturale che influenza il meteo globale.

La fioritura solitamente coincide con El Niño, durante il quale le temperature nella regione sono più calde, provocando una maggiore evaporazione e, di conseguenza, più precipitazioni. Secondo un’analisi del 2022 della Pontificia Università Cattolica del Cile, negli ultimi 40 anni si sono verificati circa 15 eventi straordinari.

Una fioritura precoce

Le fioriture non sono ancora abbastanza estese da essere ufficialmente considerate parte Disierto Florida, ha detto Cesar Pizarro, a capo della conservazione della biodiversità per la Corporazione forestale nazionale (CONAF), un’organizzazione gestita dal governo cileno.

Si prevede però che pioverà ancora di più, il che significa che i fiori potrebbero diffondersi su un’area più ampia, ha aggiunto. Nel 2022, il governo cileno ha annunciato la creazione di un nuovo parco nazionale nel deserto di Atacama, nel tentativo di proteggere queste rare fioriture e la fauna selvatica, tra cui insetti, rettili e uccelli, che contribuiscono a sostenere l’ecosistema.

Il deserto di Atacama si estende su un tratto di terra di circa 1.000 chilometri incuneato tra la catena montuosa costiera Cordillera de la Costa e le Ande. La regione vanta formazioni geologiche sbalorditive e ha offerto agli scienziati una vasta gamma di opportunità di ricerca.

L’Atacama è il deserto più antico della Terra e ha sperimentato condizioni semiaride per circa gli ultimi 150 milioni di anni. Gli scienziati hanno stimato che il nucleo interno del deserto sia stato iperarido per circa 15 milioni di anni, grazie a una combinazione di condizioni geologiche e atmosferiche uniche nella zona.

Questa regione desertica interna perfettamente arida si estende per circa 130.000 km quadrati, secondo lo scienziato Ronald Amundson dell’Università della California, Berkeley.

L’Atacama è nascosto all’ombra delle Ande innevate, che bloccano le precipitazioni da est. A ovest, la risalita di acqua fredda dalle profondità dell’Oceano Pacifico favorisce condizioni atmosferiche che ostacolano l’evaporazione dell’acqua di mare e impediscono la formazione di nuvole e pioggia.

In altri deserti del mondo, come il Sahara, il mercurio può salire oltre i 130 gradi Fahrenheit (50 gradi Celsius). Ma le temperature nell’Atacama sono relativamente miti durante tutto l’anno. La temperatura media nel deserto è di circa 63 gradi F (18 gradi C).

Conclusioni

Le periferie dell’Atacama ospitano comunità di organismi che si sono adattati a prosperare in condizioni difficili. Il nucleo iperarido del deserto, tuttavia, è in gran parte privo di vita vegetale e animale, fatta eccezione per alcuni ceppi di vita microbica. Gli scienziati sperano che studiare le condizioni secche e polverose dell’Atacama rivelerà segreti sulla chiave della vita in altre parti dell’Universo, come Marte.

Non è la biologia a rendere gli scienziati desiderosi di studiare nel deserto di Atacama, è la mancanza di biologia“, ha affermato Henry Sun, astrobiologo del Desert Research Institute di Las Vegas, Nevada. I ricercatori hanno ipotizzato che i microbi che abitano il nucleo iperarido del deserto, che scivolano in una sorta di stasi durante i periodi di aridità, potrebbero sopravvivere alla vita sul Pianeta Rosso.

“È davvero interessante vedere quanto sia tenace la vita sulla Terra e quali siano i limiti climatici alla vita così come la conosciamo“, ha affermato Amundson, ma anche le forme di vita più tenaci possono essere distrutte.

In media, la parte più secca dell’Atacama riceve meno di un millimetro di pioggia all’anno. In rari casi, cadono torrenti di pioggia e la vita risponde. Nel 2017, i fiori selvatici sono sbocciati dopo un acquazzone.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Scoperte 21 probabili stelle di neutroni in orbita attorno a stelle simili al Sole

La maggior parte delle stelle nel nostro Universo si...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

In Tendenza

Pulsar: ne sono state scoperte 10 in Terzan 5

Nel cuore della nostra galassia, la Via Lattea, un...

Industria 4.0, il futuro è già qui

Ebbene sì, siamo in piena IV rivoluzione industriale, ovvero...

Ramses: la missione di difesa planetaria verso Apophis

Il programma Space Safety dell'ESA ha ricevuto l'autorizzazione a...

Asma: il 20% degli atleti olimpici ne soffrono

C'è un disturbo comune tra gli atleti di alto...

Simulatori quantistici: centri di spin aprono nuove frontiere

I ricercatori della UC Riverside hanno sviluppato simulatori quantistici...

Dinastia Tang: rivoluzionario murale in tomba di 1200 anni

Nel 2018, durante dei lavori stradali nei pressi della...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Articoli correlati

Popular Categories