Voyager 1: individuato il disguido tecnico

Gli ingegneri hanno confermato che una piccola porzione di memoria danneggiata in uno dei computer a bordo della Voyager 1 della NASA ha causato l'invio di dati scientifici e ingegneristici illeggibili sulla Terra da Novembre 2023

1
475
Voyager 1: forse la sua missione è arrivata al capolinea

Gli ingegneri hanno confermato che una piccola porzione di memoria danneggiata in uno dei computer a bordo della Voyager 1 della NASA ha causato l’invio di dati scientifici e ingegneristici illeggibili sulla Terra da Novembre 2023.

Voyager 1: forse la sua missione è arrivata al capolinea

Chiamato sottosistema dati di volo (FDS), il computer è responsabile del confezionamento dei dati scientifici e ingegneristici della sonda prima che l’unità di modulazione della telemetria (TMU) e il trasmettitore radio inviino i dati sulla Terra.

Voyager 1: memoria danneggiata in uno dei computer

All’inizio di marzo 2024 , il team ha emesso un comando “poke” per richiedere al Voyager 1 di inviare una lettura della memoria FDS, che include il codice del software del computer e le variabili (valori utilizzati nel codice che possono cambiare in base ai comandi o alla lo stato del veicolo spaziale).

Utilizzando la lettura, il team ha confermato che circa il 3% della memoria FDS è stata danneggiata, impedendo al computer di svolgere le normali operazioni.



Il team ha sospettato che un singolo chip responsabile della memorizzazione di parte della porzione interessata della memoria FDS non funzionasse. Gli ingegneri non hanno potuto determinare con certezza cosa abbia causato il problema. Due possibilità sono che il chip possa essere stato colpito da una particella energetica proveniente dallo Spazio o che semplicemente si sia consumato dopo 46 anni.

NASA: le sonde Voyager potrebbero restare operative fino al 2035

Anche se potrebbero volerci settimane o mesi, gli ingegneri sono ottimisti di poter trovare un modo per far funzionare normalmente l’FDS senza l’hardware di memoria inutilizzabile, il che consentirebbe a Voyager 1 di iniziare nuovamente a inviare dati scientifici e ingegneristici.

Lanciata nel 1977, la navicella spaziale gemella Voyager 1 è stata inviata vicino a Saturno e Giove, mentre la Voyager 2 ha orbitato vicino a Urano e Nettuno. Entrambi stanno esplorando lo Spazio interstellare, al di fuori della bolla di particelle e campi magnetici creata dal Sole, chiamata eliosfera. Voyager 2 continua a funzionare normalmente.

I problemi di Voyager 1

Dal Novembre 2023, la navicella spaziale Voyager 1 della NASA ha inviato un segnale radio costante alla Terra, ma il segnale non contiene dati utilizzabili. La fonte del problema è sembrata essere uno dei tre computer di bordo, il sottosistema dei dati di volo (FDS), che è responsabile del confezionamento dei dati scientifici e ingegneristici prima che vengano inviati sulla Terra dall’unità di modulazione della telemetria.

Il 3 Marzo 2024, il team della missione Voyager ha notato un’attività da una sezione dell’FDS che differiva dal resto del flusso di dati illeggibili del computer. Il nuovo segnale non era ancora nel formato utilizzato da Voyager 1 quando l’FDS funziona correttamente, quindi inizialmente il team non era sicuro di cosa farne.

Un ingegnere del Deep Space Network dell’agenzia, che gestisce le antenne radio che comunicano sia con le Voyager che con altri veicoli spaziali in viaggio verso la Luna e oltre, è stato in grado di decodificare il nuovo segnale e ha scoperto che conteneva una lettura dell’intera memoria FDS.

Voyager 1

La memoria FDS include il suo codice, o istruzioni su cosa fare, nonché variabili o valori utilizzati nel codice che possono cambiare in base ai comandi o allo stato del veicolo spaziale. Contiene anche dati scientifici o ingegneristici per il downlink.

Poiché la Voyager 1 si trova a più di 24 miliardi di chilometri dalla Terra, occorrono 22,5 ore affinché un segnale radio raggiunga la navicella spaziale e altre 22,5 ore affinché la risposta della sonda raggiunga le antenne a terra.

Quindi il team ha ricevuto i risultati del comando il 3 Marzo 2024 . Il 7 Marzo 2024 gli ingegneri hanno iniziato a lavorare per decodificare i dati e il 10 Marzo 2024 hanno stabilito che contenevano una lettura della memoria.

Cos’è la missione Voyager 1?

La Voyager 1 esplora il nostro sistema solare da oltre 45 anni. La sonda si trova ora nello Spazio interstellare, la regione al di fuori dell’eliopausa, o la bolla di particelle energetiche e campi magnetici provenienti dal Sole.

Voyager 1

La Voyager 1 è stata la prima navicella spaziale ad attraversare l’eliosfera, il confine dove le influenze esterne al nostro sistema solare sono più forti di quelle del nostro Sole. Si tratta del primo oggetto creato dall’uomo pet avventurarsi nello Spazio e ha scoperto un sottile anello attorno a Giove e due nuove lune gioviane: Tebe e Metis. Su Saturno ha trovato cinque nuove lune e un nuovo anello chiamato Anello G.

2