4.5 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaUna stella a spirale a due passi da casa

Una stella a spirale a due passi da casa

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Gli astronomi hanno trovato un tipo insolito, ma non raro, di stella nella Via Lattea. In una nuova ricerca basata sugli avvistamenti del telescopio Atacama Large Millimeter Array (ALMA) in Cile, i ricercatori affermano di aver scoperto una stella circondata da un disco protostellare a spirale, una specie di fango spaziale primordiale vorticoso che nutre la stella durante la sua giovinezza.

Curiosamente, l’immagine sembra ricordare una galassia a spirale in miniatura. Una stella come questa non è mai stata vista così vicino alla Terra, a soli 26.000 anni luce di distanza.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il telescopio ALMA è in realtà una serie di 66 diversi radiotelescopi che lavorano insieme per raggiungere obiettivi condivisi. In questo caso, un team di quattro scienziati che lavorano in Cina, Germania e Stati Uniti ha puntato ALMA su una parte della Via Lattea chiamata Central Molecular Zone (CMZ). Questa regione ha proprietà insolite rispetto. La formazione stellare in alcune parti gassose della CMZ è notevolmente soppressa rispetto al resto del quartiere, ha scritto un altro team di ricercatori nel 2017 .

Si tratta di una zona decisamente insolita, infatti in essa nascono meno nuove stelle di un fattore più di dieci volte rispetto al resto della galassia, come hanno sottolineato i ricercatori. Gli scienziati teorizzano che sia perché la CMZ è composta da gas molto più denso, con un profilo generale che si comporta in modo diverso sotto spettroscopia rispetto al resto del “disco galattico” della Via Lattea.

La temperatura varia enormemente anche nella ZCM, da zero quasi assoluto (la temperatura più bassa possibile, alla quale le particelle si muovono a malapena) a centinaia di gradi Fahrenheit. Le stelle, una volta che esistono, sono variabili e resistenti e spesso molto, molto più calde di così, ma questo succede quando stanno cercando di emergere dal disco protostellare, addensandosi intorno ad un centro di gravità.

Quindi nella CMZ emergono molte meno stelle che in un’area di dimensioni simili in altre parti della galassia. E forse questo influisce sulla ricerca di stelle speciali e strane in quella zona, dove è meno probabile che altre stelle le disturbino.

Le stelle dotate di dischi protostellari sono piuttosto comuni in tutta la galassia, dopo tutto, ogni stella, a quanto ci risulta, si forma da un disco protostellare. Il nostro universo è costellato da un’incredibile serie di cose in ogni possibile fase del loro sviluppo, dalle nubi vorticose che alla fine diventeranno stelle, ai resti nuvolosi da tempo morti di altre stelle.

un'illustrazione mostra una stella a spirale e un oggetto che passa accanto ad essa in una serie di cinque intervalli temporali progressivi

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Una vista schematica della storia del disco di accrescimento e dell’oggetto intruso. I tre grafici a partire dal basso a sinistra sono istantanee della simulazione numerica, raffiguranti il ​​sistema al momento dell’evento di sorvolo, rispettivamente 4.000 anni dopo e 8.000 anni dopo. L’immagine in alto a destra è tratta dalle osservazioni di ALMA, che mostra il disco con le spirali e due oggetti attorno ad esso, corrispondenti al sistema 12.000 anni dopo l’evento di sorvolo. – OSSERVATORIO ASTRONOMICO DI SHANGHAI (SHAO)

La cosa più sconcertante è il fatto che la stella sembra girare a spirale, come la figura centrale in una minuscola galassia a sé stante. Ora, il team di scienziati ha presentato la sua spiegazione su come il disco protostellare si sia trasformato in una spirale, perché ha identificato un oggetto relativamente vicino tre volte più grande del Sole che credono abbia sfiorato il disco protostellare. Questo “passaggio ravvicinato” ha agitato il disco protostellare, inviandolo in uno schema a spirale che probabilmente è durato per molte migliaia di anni.

C’è anche qualcos’altro di interessante. I ricercatori hanno studiato e speculato a lungo sulla natura della formazione stellare. Il processo di rotazione della polvere che alla fine si accumula e diventa una stella è stato osservato solo per le piccole stelle, quelle più vicine alla massa del nostro Sole. I ricercatori si sono chiesti se dischi come questi potessero formare stelle davvero grandi, anche otto volte la massa del nostro sole, o se stelle massicce si formano in altri modi. ALMA ha risolto questa domanda e ora gli scienziati hanno prove che anche stelle più massicce, oltre 30 volte la massa del sole, si formano da un disco protostellare.

Articoli più letti