La città perduta nelle profondità dell’Oceano Atlantico

Ci sarebbe una città perduta nelle profondità dell'Oceano Atlantico: si tratterebbe di una meraviglia inimmaginabile

5742
Una città perduta nelle profondità dell'Oceano Atlantico
Una città perduta nelle profondità dell'Oceano Atlantico

Una città perduta potrebbe trovarsi nelle profondità dell’Oceano Atlantico: si tratterebbe di una meraviglia che va oltre la nostra immaginazione.

Essa sarebbe situata vicino alla cima di una montagna sottomarina a ovest della dorsale medio atlantica. Qui dall’oscurità si erge un paesaggio frastagliato di torri. Le loro pareti e colonne di carbonato cremoso appaiono di un blu spettrale alla luce di un veicolo telecomandato inviato in esplorazione. Variano in altezza: alcune hanno dimensioni insignificanti, altre molto più grandi, raggiungendo anche i 60 metri. Questa è la città perduta.

Scoperto dagli scienziati nel 2000, a più di 700 metri sotto la superficie, il campo idrotermale della Città Perduta è l’ambiente di ventilazione più longevo conosciuto nell’oceano. Non è mai stato trovato nient’altro di simile.

Poseidone, il re del mare

Le fumarole nere producono principalmente minerali ricchi di ferro e zolfo, mentre i camini della Città Perduta producono fino a 100 volte più idrogeno e metano. Le prese d’aria di calcite della Città Perduta sono anche molto, molto più grandi delle fumarole nere, il che suggerisce che sono attive da più tempo. Il più alto dei monoliti si chiama Poseidone, dal nome del dio greco del mare, e si estende per più di 60 metri di altezza. Appena a nord-est della torre, nel frattempo, c’è una scogliera con brevi periodi di attività.
I ricercatori dell’Università di Washington descrivono le prese d’aria qui come “piangenti” di fluido per produrre “grappoli di delicate escrescenze carbonatiche a più punte che si estendono verso l’esterno come le dita delle mani all’insù”.

A rischio distruzione

Sfortunatamente, gli scienziati non sono gli unici ad essere attratti da quel terreno insolito. Nel 2018 è stato annunciato che la Polonia si fosse aggiudicata i diritti per estrarre le acque profonde intorno alla città perduta.

Anche se non ci sono risorse preziose da recuperare nel campo termico vero e proprio, la distruzione dei dintorni della città potrebbe avere conseguenze indesiderate. Alcuni esperti chiedono quindi che la Città perduta sia inserita nell’elenco dei Patrimoni dell’umanità, per proteggere la meraviglia naturale prima che sia troppo tardi. Per decine di migliaia di anni, la Città Perduta è stata una testimonianza della forza duratura della vita.

Advertisement

---L'articolo continua dopo la pubblicità---