L’oceano atlantico si sta allargando?

In passato, l'idea prevalente era che i continenti venissero separati mentre le placche tettoniche sotto l'oceano atlantico muovendosi in direzioni opposte andavano a impattare contro altre placche, piegandosi sotto gli effetti della forza di gravità

0
2033

L’Oceano Atlantico si sta allargando, esercitando una spinta sulle Americhe, l’Europa e l’Africa. Questa spinta non ha ancora una spiegazione certa.

Un nuovo studio ha indicato che al di sotto della crosta terrestre, in uno strato chiamato mantello, rocce ad alta temperatura si alzano e spingono sulle placche tettoniche, che sono i “puzzle” di rocce che compongono la crosta terrestre e che si incontrano sotto l’Atlantico. 

In passato, l’idea prevalente era che i continenti venissero separati mentre le placche tettoniche sotto l’oceano atlantico muovendosi in direzioni opposte andavano a impattare contro altre placche, piegandosi sotto gli effetti della forza di gravità. Il nuovo studio suggerisce che questa spiegazione non è corretta.

La ricerca è iniziata nel 2016, quando un gruppo di ricercatori è salpato verso la parte più ampia dell’Oceano Atlantico tra il Sud America e l’Africa; “nel mezzo del nulla”, come ha detto l’autore principale Matthew Agius, che all’epoca era un ricercatore post-dottorato dell’Università di Southampton nel Regno Unito, mentre ora è all’Università Roma Tre in Italia. 

Il tratto, come ha raccontato Agius, era abbastanza isolato e si vedevano per lo più balene e delfini che nuotavano e un segnale fugace dal Wi-Fi. 



Il tratto di oceano atlantico poggia su un punto geologico incredibilmente importante: la dorsale medio atlantica, il più grande confine tettonico del pianeta che si estende per 16.093 chilometri, dall’Oceano Artico alla punta meridionale dell’Africa. 

Questo è il punto in cui le placche sudamericane e nordamericane si allontanano dalle placche eurasiatica e africana, a una velocità di circa 4 centimetri all’anno, e per questo l’Oceano Atlantico si sta allargando.

Agius e il suo team hanno trascorso cinque settimane su una piccola porzione della cresta, circa1.000 km, posizionando dei sismometri sul fondo del mare. Dopo un anno hanno recuperato i sismometri.

Fino ad ora, “non abbiamo mai avuto buone immagini di ciò che sta accadendo sotto l’oceano”, ha detto Agius. Poiché le onde sismiche si comportano in modo diverso a seconda del materiale attraverso cui si propagano, i ricercatori potrebbero utilizzare i dati per creare immagini, per scrutare i vari strati della Terra. 

In quell’anno di ascolto nelle profondità dell’oceano atlantico, i sismometri hanno rilevato le vibrazioni dei terremoti che si sono propagati da varie parti del mondo e attraverso il mantello profondo della Terra, uno strato di roccia per lo più solida e calda di circa 2.900 km di spessore.

L’obiettivo originale del team era quello di scoprire come sono nate le placche e come sono evolute, ma i ricercatori hanno trovato prove di un fenomeno più profondo.

Nuove scoperte nel fondale dell’oceano atlantico

Il team ha scoperto che in quell’area all’interno della cresta, la zona di transizione del mantello, una regione a densità più elevata funge da gatekeeper tra gli strati superiore e inferiore del mantello, una regione più sottile della media, il che probabilmente significa che è più calda del normale. 

Le temperature più alte della zona di transizione probabilmente hanno facilitato un “risveglio” di roccia calda dal mantello inferiore della Terra al mantello superiore che ha spinto le placche, ha detto Agius.

I ricercatori in passato pensavano che le placche divergessero l’una dall’altra a causa di una “trazione” nelle zone di subduzione, luoghi in cui le placche entrano in collisione e una affonda sotto l’altra, riciclando il materiale nel mantello. 

Quindi, se una placca viene tirata su un lato (e si scontra con un’altra piastra in una zona di subduzione), e un’altra placca viene tirata sull’altro lato (di nuovo scontrandosi con un’altra piastra in una zona di subduzione), creerebbe creste al centro, dove il materiale caldo dal basso sale per riempire il vuoto risultante. 

Le scoperte suggeriscono che mentre le zone di subduzione separano le placche, le risalite al di sotto delle creste potrebbero contribuire attivamente a separarle. Tuttavia, non è chiaro se questo processo sia solo correlato alla dorsale medio atlantica o se tutte le creste del mondo si comportano allo stesso modo.

lo studio ha una portata limitata avendo preso in esame solo una piccola porzione del fondo marino dell’oceano Atlantico, quindi non è chiaro se le scoperte sono valide lungo l’intera dorsale medio atlantica o anche in altre dorsali medio oceaniche. Potrebbero esserci altre spiegazioni per la zona di transizione più calda del normale.

Vedran Lekic, professore associato presso il Dipartimento di geologia dell’Università del Maryland che non è stato coinvolto nello studio, concorda sul fatto che la loro spiegazione è plausibile “ma non l’unica possibile per spiegare i risultati”

Questi e altri risultati simili potrebbero anche alterare le nostre mappe. Circa 300 milioni di anni fa, tutti e sette i continenti erano riuniti in un unico supercontinente noto come Pangea

Con il passare dei milioni di anni, le placche hanno diviso i continenti, creando i confini dell’oceano e la mappa moderna. Ma l’allargamento dell’Oceano Atlantico e il restringimento dell’Oceano Pacifico stanno lentamente, in modo discreto, invecchiando quelle mappe e rendendole sempre più imprecise.

2