La Navajo Nation si oppone alla sepoltura sulla Luna di resti umani

La Navajo Nation si è opposta alla sepoltura lunare di corpi umani cremati e DNA in quanto ritiene dissacrante questa pratica poiché, per popolo Navajo, la Luna occupa un posto sacro nella cosmologia tribale

0
245
La Navajo Nation si oppone alla sepoltura sulla Luna di resti umani
La Navajo Nation si oppone alla sepoltura sulla Luna di resti umani

La Casa Bianca ha convocato una riunione dell’ultimo minuto per discutere di una missione privata sulla Luna, il cui lancio è previsto a giorni, dopo che la Navajo Nation, che rappresenta il gruppo più numeroso di nativi americani negli Stati Uniti, ha chiesto all’amministrazione di ritardare il volo perché trasporterà esseri umani cremati resti destinati ad una sepoltura lunare.

Che cosa c'è dentro la Luna?, Navajo Nation

Sepoltura lunare: ecco perche la Navajo Nation si oppone

In caso di successo, la missione commerciale prevista per il lancio e soprannominata Peregrine Mission One, sarà la prima volta che un veicolo spaziale di fabbricazione americana atterrerà sulla superficie lunare dalla fine del programma Apollo nel 1972. Ma il Presidente della Navajo Nation, Buu Nygren, ha affermato che permettere ai resti di atterrare sarebbe un affronto a molte culture indigene, che venerano la luna.

La luna occupa un posto sacro nella cosmologia Navajo“, ha detto Nygren in una dichiarazione giovedì. “L’idea di trasformarla in un luogo di riposo per i resti umani è profondamente inquietante e inaccettabile per il nostro popolo e per molte altre organizzazioni tribali”.

Le società private che forniscono questi servizi di sepoltura lunare, Celestis ed Elysium Space, sono solo due dei numerosi clienti paganti che chiedono un passaggio sulla luna sul lander lunare Peregrine di Astrobotic Technology con sede a Pittsburgh. Si prevede che la navicella spaziale senza equipaggio decollerà con il volo inaugurale del razzo Vulcan Centaur della United Launch Alliance dalla stazione spaziale della Cape Canaveral, in Florida.



Il carico utile di Celestis, chiamato Tranquility Flight, comprende 66 ” capsule commemorative ” contenenti “resti cremati e DNA“, che rimarranno sulla superficie lunare “come tributo permanente alle anime intrepide che non hanno mai smesso di raggiungere le stelle“, secondo il rapporto del sito web dell’azienda.

Siamo consapevoli delle preoccupazioni espresse dal signor Nygren, ma non le troviamo sostanziali“, ha dichiarato alla CNN il CEO di Celestis, Charles Chafer, a proposito della protesta della Navajo Nation.

Respingiamo l’affermazione secondo cui la nostra missione commemorativa di volo spaziale dissacra la luna”, ha continuato Chafer: “Proprio come i memoriali permanenti per i defunti sono presenti su tutto il pianeta Terra e non sono considerati profanazione, il nostro memoriale sulla Luna è gestito con cura e riverenza, è un monumento permanente che non espelle intenzionalmente capsule di volo sulla Luna. È una celebrazione toccante e adatta per i nostri partecipanti: l’esatto opposto della profanazione, è una celebrazione”.

Elysium Space non ha risposto alla richiesta di commento della CNN, ma il sito web della compagnia descrive il suo “Memoriale Lunare” come la consegna di “una porzione simbolica di resti sulla superficie della Luna, contribuendo a creare la commemorazione per antonomasia“.

Sono rimasto deluso dal fatto che questa conversazione sia arrivata così tardi“, ha affermato John Thornton, CEO di Astrobotic Technology: “Mi sarebbe piaciuto avere questa conversazione molto tempo fa. Abbiamo annunciato il primo carico utile di questo tipo per la nostra missione nel 2015. Un secondo nel 2020. Stiamo davvero cercando di fare la cosa giusta e spero che potremo trovare un buon compromesso con la Navajo Nation”.

La coda magnetica della Terra potrebbe formare acqua sulla Luna, Navajo t

Questa non è la prima volta che la Navajo Nation esprime preoccupazione per le sepolture sulla luna. In una lettera di dicembre all’amministratore della NASA Bill Nelson e al segretario ai trasporti Pete Buttigieg, Nygren ha fatto riferimento alla missione Lunar Prospector della NASA, che nel 1999 fece deliberatamente schiantare un veicolo spaziale sulla luna trasportando i resti dell’ex astronauta Eugene Shoemaker.

All’epoca, il presidente della Navajo Nation Albert Hale espresse le nostre obiezioni riguardo questa azione. In risposta, la NASA ha rilasciato scuse formali e promesso di consultare le tribù prima di autorizzare ulteriori missioni che trasportano resti umani sulla Luna”, ha detto Nygren.

Sebbene la NASA sia il cliente principale di questa missione, è ancora uno dei tanti clienti che pagano per mettere tecnologia e carico sul lander lunare di Astrobotic.

L’agenzia spaziale ha pagato ad Astrobotic 108 milioni di dollari per sviluppare il lander e portare esperimenti scientifici sulla Luna, ha spiegato Sandra Connelly, vice amministratrice associata della direzione delle missioni scientifiche della NASA, in una conferenza stampa venerdì. L’agenzia spaziale ha anche sviluppato gli Accordi Artemis, un documento che delinea cosa dovrebbe e non dovrebbe essere consentito sulla Luna e che è stato firmato dagli Stati Uniti e da 32 dei suoi alleati.

Riconosciamo che alcuni carichi utili commerciali non NASA possano essere motivo di preoccupazione per alcune comunità, e tali comunità potrebbero non capire che queste missioni sono commerciali. Non sono missioni del governo americano“, ha affermato il dottor Joel Kearns, vice amministratore associato della NASA per l’esplorazione.

Peregrine Mission One segna l’inizio dell’iniziativa Commercial Lunar Payload Services, o CLPS, della NASA, che consente all’agenzia spaziale statunitense di esternalizzare il lancio e il trasporto del suo carico lunare a società private. La missione è agli albori dell’economia lunare e le regole sono ancora in evoluzione.

Le aziende americane che portano attrezzature, merci e carichi utili sulla Luna sono un settore totalmente nuovo, un settore nascente in cui tutti stanno imparando”, ha affermato Kearns. “Prendiamo molto, molto sul serio le preoccupazioni espresse dalla Navajo Nation”.

Nygren, che rappresenta i circa 430.000 membri iscritti della Navajo Nation, afferma che la tribù “non è contraria al progresso scientifico o all’esplorazione spaziale”, ma continua a nutrire “profonde preoccupazioni riguardo alla mancanza di supervisione e regolamentazione dei carichi utili commerciali non NASA, in particolare quando tali carichi utili includono resti umani”.

L’Ufficio per il trasporto spaziale commerciale della Federal Aviation Administration è responsabile della concessione delle licenze per tutti i lanci spaziali privati negli Stati Uniti. Ma per legge, l’ufficio ha la supervisione solo su questioni che riguardano “la salute e la sicurezza pubblica, la sicurezza delle proprietà, la sicurezza nazionale e gli interessi di politica estera degli Stati Uniti”.

Il ruolo della Federal Aviation Administration è statutariamente limitato a garantire che i voli spaziali non rappresentino una minaccia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti“, ha detto alla CNN un portavoce del Dipartimento dei trasporti.

Ma il direttore esecutivo dell’ufficio di Washington della Navajo Nation, Justin Ahasteen, definisce questo argomento “assurdo”.

In sostanza suggeriscono che è possibile inviare qualsiasi cosa nello spazio. Ciò significa che le persone possono inviare farmaci? Ciò significa che le persone possono inviare materiale pericoloso? La mancanza di controllo è, penso, davvero preoccupante per la nazione”, ha detto Ahasteen della Navajo Nation alla CNN.

Intuitive Machines: il primo lander lunare , volerà a febbraio, Navajo Nation

Il dibattito ha sollevato nuove domande all’alba di una corsa per colonizzare la Luna su chi controlla l’unico satellite naturale della Terra.

Nessuno e nessuna religione possiede la luna”, ha detto alla CNN il CEO di Celestis. “Se si considerassero le credenze delle molteplici religioni del mondo, è molto probabile che nessuna missione verrebbe mai approvata. In poche parole, non lasciamo e non abbiamo mai permesso che le credenze religiose dettassero gli sforzi spaziali dell’umanità. Non c’è e non dovrebbe esserci un test religioso”.

Ahasteen sostiene che l’intento della Navajo Nation non è quello di rivendicare la luna.

Stiamo dicendo di essere rispettosi. Stiamo trasformando la luna in un cimitero e la stiamo trasformando in un sito di rifiuti“, ha chiarito Ahasteen. “A che punto ci fermeremo e diremo che dobbiamo iniziare a proteggere la luna come facciamo con il Grand Canyon?”

All’incontro di venerdì convocato dalla Casa Bianca parteciperanno rappresentanti della NASA, della FAA, del Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti e del Dipartimento del Commercio. Ma i funzionari della Navajo Nation hanno poche speranze di riuscire a fermare il lancio di lunedì.

Sulla base di ciò che stiamo vedendo, e la NASA sta già tenendo il briefing pre-lancio, non sembra che abbiano alcuna intenzione di fermare il lancio o rimuovere i resti“, ha concluso il rappresentante della Navajo Nation.

2