L’udito funziona ancora in chi è in coma mentre sta morendo

L'evidenza dell'attività cerebrale supporta l'idea che una persona morente e non reattiva potrebbe avere ancora l'udito attivo ma non può confermare se le persone sono consapevoli di ciò che stanno ascoltando

L’udito è considerato l’ultimo senso che si spegne nel processo di morte. Ora i ricercatori dell’UBC hanno prove che alcune persone potrebbero essere ancora in grado di sentire mentre si trovano in uno stato di non reattività alla fine della loro vita.

Questa ricerca, pubblicata su Scientific Reports, è la prima a indagare sull’udito negli esseri umani quando sono vicini alla morte.

Usando l’elettroencefalografia, che misura l’attività elettrica nel cervello, i ricercatori hanno analizzato i dati raccolti su partecipanti sani di controllo, su pazienti di un hospice mentre erano ancora coscienti e dagli stessi pazienti di hospice quando hanno smesso di essere reattivi agli stimoli. I pazienti stavano ricevendo cure palliative al St. John Hospice di Vancouver.

Nelle ultime ore prima di una morte naturale prevista, molte persone entrano in una fase di non reattività“, afferma l’autrice principale dello studio Elizabeth Blundon, dottoranda nel dipartimento di psicologia. “I nostri dati mostrano che un cervello morente può reagire al suono, anche in uno stato inconscio, fino alle ultime ore di vita“.

Questa nuova visione della risposta del cervello morente ai suoni può aiutare la famiglia e gli amici a portare conforto a una persona negli ultimi momenti.

I ricercatori hanno monitorato la risposta del cervello a voci e suoni usando l’EEG e hanno scoperto che alcuni pazienti morenti, anche a poche ore dalla morte e mentre erano ormai non reattivi, rispondevano in modo simile a come reagivano i cervelli dei soggetti di controllo giovani e sani, anche quando erano a poche ore dalla morte, suggerendo che, probabilmente, l’udito è ancora attivo in questa fase.

Siamo stati in grado di identificare specifici processi cognitivi sia dai partecipanti neuro-tipici che dai pazienti ospedalieri“, afferma Lawrence Ward, professore nel dipartimento di psicologia della UBC. “Abbiamo dovuto esaminare attentamente i dati dei partecipanti al controllo individuale, per vedere se ognuno di loro mostrava un particolare tipo di risposta cerebrale prima di sentirci sicuri che il cervello del paziente non rispondente avesse reagito in modo simile“.

Questo studio è stato adattato da uno studio europeo che ha esplorato le risposte del cervello al suono nei singoli partecipanti sani e nei pazienti con lesioni cerebrali minimamente coscienti e non rispondenti. I ricercatori dell’UBC hanno applicato un paradigma simile ai pazienti che non rispondono attivamente mentre stanno morendo.

Blundon e Ward hanno collaborato con la dott.ssa Romayne Gallagher, un medico specilista in cure palliative presso il St. John Hospice. La ricerca ha richiesto ai pazienti di dare il loro consenso in anticipo. Tredici famiglie hanno partecipato e le registrazioni del cervello sono state ottenute da cinque pazienti non più reattivi.

Gallagher, durante i suoi trent’anni di attività nel trattamento di pazienti morenti, ha assistito a reazioni positive nelle persone quando i loro cari gli parlavano durante gli ultimi momenti. Gallagher e i suoi colleghi sono arrivati ad ipotizzare che l’udito fosse l’ultimo senso ad andarsene, da qui la collaborazione con Ward per vedere se questa ipotesi potesse essere dimostrata.

Questa ricerca dà credito al fatto che infermieri e medici dell’hospice hanno notato che le voci dei loro cari davano più serenità alle persone in procinto di morire“, afferma Gallagher. “E, per me, aggiunge significativo sostegno agli ultimi giorni e ore di vita delle persone dimostrando che essere presenti, di persona o per telefono, è importante. È un conforto poter dire addio ed esprimere amore”.

Blundon dice che mentre l’evidenza dell’attività cerebrale supporta l’idea che una persona morente e non reattiva potrebbe avere ancora un udito attivo ed essere in grado di sentire, anche non può confermare se le persone sono consapevoli di ciò che stanno ascoltando.

Il loro cervello ha risposto agli stimoli uditivi, ma non possiamo assolutamente sapere se stanno ricordando, identificando le voci o capendo il linguaggio“, afferma Blundon. “Ci sono tutte queste altre domande che non hanno ancora ricevuto risposta. Questo primo sguardo supporta l’idea che dobbiamo continuare a parlare con le persone mentre stanno morendo anche se ci appaiono non reattive perché qualcosa ancora sta funzionando nel loro cervello“.

Articoli più letti

Related articles