Trovato un estimabile tesoro d’oro dell’Età del Ferro

Un cacciatore di tesori dilettante che brandisce un metal detector ha scoperto uno straordinario tesoro d'oro sepolto da un capo dell'età del ferro nel VI secolo in quella che oggi è la Danimarca

Un cacciatore di tesori dilettante che brandisce un metal detector ha scoperto uno straordinario tesoro d’oro sepolto da un capo dell’età del ferro nel VI secolo in quella che oggi è la Danimarca. La scorta include gioielli sontuosi, monete romane e un ornamento che potrebbe rappresentare un dio nordico.

Il cacciatore di tesori, Ole Ginnerup Schytz, ha scoperto il tesoro dell’età del ferro su un terreno di proprietà di uno dei suoi ex compagni di classe nella città di Vindelev, guadagnandosi il nome di “tesoro di Vindelev“. Nel giro di poche ore dal rilevamento dell’area con il suo metal detector appena acquistato, Schytz ha sentito il segnale acustico rivelatore di un possibile tesoro. Si è rivelato essere uno dei “tesori d’oro più grandi, più ricchi e più belli della storia danese“, hanno affermato i rappresentanti dei musei Vejle in una dichiarazione

Il tesoro di 1.500 anni contiene quasi 2,2 libbre (1 chilogrammo) d’oro

Il tesoro di 1.500 anni contiene quasi 2,2 libbre (1 chilogrammo) d’oro, inclusi grandi medaglioni delle dimensioni di un piattino noti come bratteati. Uno scavo del sito condotto dagli archeologi dei musei di Vejle, in collaborazione con il Museo nazionale della Danimarca, ha rivelato che gli oggetti di valore in oro erano sepolti in una casa lunga, il che potrebbe indicare che Vindelev era un potente villaggio durante l’età del ferro.

Una persona di alto rango all’epoca probabilmente seppellì il tesoro, ipotizzarono gli archeologi“Solo un membro della crema assoluta della società sarebbe stato in grado di raccogliere un tesoro come quello trovato qui”, ha detto nella dichiarazione Mads Ravn, capo della ricerca presso i musei Vejle. 

Brattea con il volto di un uomo, un cavallo e rune
Brattea con il volto di un uomo, un cavallo e rune

La città di Vindelev si trova a circa 5 miglia (8 chilometri) da Jelling, un hotspot culturale dove governarono i primi monarchi quando unirono (o riunirono) il paese nel X secolo. Fino ad ora, “non c’era nulla che indicasse che un signore della guerra o un capo prima sconosciuto vivesse qui (a Vindelev), molto prima che sorgesse il regno di Danimarca nei secoli successivi”, ha aggiunto Ravn

Tuttavia, sembra che il capo che possedeva questo tesoro sia riuscito a raccogliere ricchezza e ad attirare abili artigiani che hanno creato i tesori. 

Il tesoro contiene diversi bratteati, oltre a monete romane modellate in gioielli usando una tecnica unica che non era mai stata vista prima, hanno notato gli archeologi. Alcuni dei motivi e delle iscrizioni runiche dei manufatti d’oro probabilmente fanno riferimento a sovrani contemporanei, ma altri potrebbero fare riferimento alla mitologia norrena. Ad esempio, un bratteato mostra un uomo con i capelli intrecciati circondato da immagini di un cavallo, un uccello e un altro uomo, oltre a rune (lettere antiche o misteriose) che possono essere tradotte in “houaʀ” o “l’alto”.

È possibile che “l’alto” si riferisca a un sovrano, forse anche al capo che ha seppellito il tesoro. Ma secondo la successiva mitologia norrena, questo termine è associato alla divinità Odino, hanno detto gli archeologi.

Il tesoro ha anche monete più antiche dell’Impero Romano, tra cui una pesante moneta d’oro raffigurante Costantino il Grande (272-337 d.C.), il primo imperatore romano a convertirsi al cristianesimo. 

Catastrofe vulcanica

Quel capo potrebbe aver seppellito la scorta sulla scia di una grande eruzione vulcanica che ha scosso l’Europa nel 536 d.C., quando ha inviato una nuvola di solfato e cenere nell’atmosfera che bloccò la luce solare e abbassò le temperature nell’emisfero settentrionale. Non è chiaro dove si trovasse il vulcano, ma la sua eruzione può essere probabilmente attribuita alla carestia, alle pandemie e al declino socioeconomico che ne sono seguiti, secondo uno studio del 2015 sulla rivista Nature

Negli anni successivi all’eruzione, molte persone in Scandinavia hanno seppellito tesori, forse per proteggerli dai nemici o per placare gli dei, secondo Vejle Museums. In effetti, in Danimarca sono state trovate più di 88 libbre (40 kg) di oro sepolto durante l’età del ferro, hanno detto i rappresentanti del museo. 

Il tesoro di Vindelev sarà esposto nella mostra Viking di Vejle Museums, che si aprirà il 3 febbraio 2022. La mostra, una collaborazione con il Moesgaard Museum danese, approfondirà la storia delle connessioni e alleanze orientali di Harald Bluetooth.

 
 
 
 
 

 
 

Articoli più letti

Related articles