Trovato in Polonia lo scheletro di una donna ritenuta un vampiro

Lo scheletro di una donna, probabilmente ritenuta un vampiro, è stato ritrovato in un cimitero polacco del XVII secolo, con una falce bloccata sopra al collo per impedirle di risorgere dai morti

0
340

Lo scheletro di una donna, probabilmente ritenuta un vampiro, è stato ritrovato in un cimitero polacco del XVII secolo, con una falce bloccata sopra al collo per impedirle di risorgere dai morti.

Il professor Dariusz Poliński dell’Università Nicholas Copernicus ha guidato lo scavo archeologico che ha portato alla scoperta dei resti. Lo scheletro indossava un berretto di seta e presentava un dente sporgente nell’arcata superiore, come riferisce il Daily Mail.

La falce non era distesa ma posizionata sul collo in modo tale che se il defunto avesse cercato di alzarsi… la testa sarebbe stata tagliata o ferita“, ha spiegato Poliński al Daily Mail.

Nell’XI secolo, nell’Europa orientale era abbastanza diffuso il timore dei vampiri e si adottarono rituali anti-vampiri per scongiurare il ritorno dei morti, secondo quanto riporta la rivista Smithsonian, poiché si credeva che “alcune persone che morivano si sarebbero fatte strada fuori dalla tomba dopo essere diventati mostri succhiasangue”.

Nel XVII secolo tali pratiche di sepoltura “divennero comuni in tutta la Polonia in risposta a una presunta epidemia di vampirismo“.

Altri modi per proteggersi dal ritorno dei morti includono tagliare loro la testa o le gambe, posizionare il defunto a faccia in giù, bruciarlo e fracassarlo con una pietra“, come ha spiegato Poliński al New York Post.



Sebbene altri metodi di sepoltura anti-vampiri comuni includessero un’asta di metallo martellata attraverso lo scheletro, i resti in Polonia sono stati trovati con la falce sul collo e un piede fissato con un lucchetto.

Lucchetto avvolto intorno alla punta dello scheletro
Lucchetto avvolto intorno al piede dello scheletro femminile di “vampiro”. (Mirosław Blicharski)
2