Quale sarà l’eredità dell’umanità nell’Universo?

Gli ultimi 70 anni ci hanno portato più lontano dei precedenti 70.000. Ma possiamo ottenere di più che creare un disco dicendo: "eravamo qui"?

310

Quando la Terra si formò per la prima volta, l’Universo esisteva già da circa 9,3 miliardi di anni. Centinaia di miliardi di stelle nella sola Via Lattea erano nate prima del nostro Sole e miliardi e miliardi erano già morte, arricchendo il mezzo interstellare per le generazioni future. Elementi pesanti, molecole complesse e persino composti organici esistevano tutti prima della formazione della Terra. Poco dopo che la Terra finì di formarsi, su di essa sorse la vita. In una catena ininterrotta di eventi che dura da oltre 4 miliardi di anni, la vita è sopravvissuta, prosperata e diversificata in tutto il nostro pianeta, culminando nell’umanità, la sola forma di vita capace di osare sognare di lasciare il pianeta e di esplorare l’universo.

È solo negli ultimi cento anni, tuttavia, che l’umanità è diventata tecnologicamente avanzata in un modo che un osservatore esterno sarebbe in grado di rilevare. Solo dagli albori della rivoluzione industriale abbiamo modificato il nostro pianeta e/o l’ambiente circostante in modi che una civiltà extraterrestre avanzata e intelligente potrebbe rilevare. Anche così, un osservatore abbastanza avanzato dovrebbe guardare la Terra da non più di circa 250 anni luce per determinare che qui sta accadendo qualcosa di speciale. Negli ultimi diecimila anni, l’umanità è diventata la forma di vita dominante sul pianeta. I dinosauri, al contrario, hanno dominato la Terra per decine di milioni di anni, ma la loro eredità per l’Universo ora esiste solo nella documentazione fossile.

Possiamo lasciare un’eredità più grande di quella dei dinosauri? È possibile, ma solo se lavoreremo insieme per farlo. Ecco come.

Concetto artistico delle meteore che colpiscono la Terra antica. Alcuni scienziati pensano che tali impatti possano aver fornito acqua e altre molecole utili alla vita emergente sulla Terra, mentre altri pensano che la formazione della Terra stessa abbia fornito tutti i semi necessari per la nascita della vita e che la vita si sia sviluppata nonostante, piuttosto che a causa di, questi impatti meteorici. Credito : Laboratorio di immagini concettuali del Goddard Space Flight Center della NASA)

Nel corso della storia naturale del pianeta Terra, sono state raggiunti una serie di importanti traguardi. In primo luogo, la vita è nata sul nostro pianeta da precursori non viventi. Queste entità biologiche primitive hanno trovato il modo di metabolizzare le risorse del loro ambiente e anche di riprodursi per fare copie di se stesse. Ad un certo punto, l’accumulo di risorse è diventato possibile, probabilmente attraverso lo sviluppo di una membrana capace di “tenere dentro le cose buone” così come di “tenere fuori le cose cattive“, consentendo anche scambi desiderabili. Nel tempo si sono evolute caratteristiche come la fotosintesi, la respirazione aerobica, la riproduzione sessuale e la multicellularità.

Gli ultimi circa 600 milioni di anni hanno visto molte specie complesse e differenziate sorgere per dominare il loro ambiente, molte delle quali sono diventate l’organismo all’apice del pianeta in un’ampia varietà di parametri. Eppure, nonostante i loro successi di una volta, cosa hanno da dimostrare oggi? Del resto, cosa ha da mostrare il pianeta Terra?

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Solo un ricordo, codificato nella documentazione fossile e nei codici genetici dei loro discendenti, della loro antica presenza sulla Terra. I resti naturali che persistono sono solo l’equivalente di un bambino che scolpisce un albero, semplicemente affermando “eravamo qui“.

I ritmi di marea, come la formazione Touchet mostrata qui, possono permetterci di determinare quale fosse la velocità di rotazione terrestre in passato. Durante l’emergere dei dinosauri, la nostra giornata era più vicina a 23 ore, non 24. Miliardi di anni fa, poco dopo la formazione della Luna, un giorno era più vicino a durare 6-8 ore, anziché 24 (Credito : Williamborg/Wikimedia Commons)

Ma l’umanità è, per quanto ne sappiamo, una classe di animali fondamentalmente diversa. Molte specie, in passato, a modo loro, per così dire, hanno conquistato il mondo. Dai predatori all’apice alle specie con la biomassa più grande a quelle con i codici genetici più lunghi e ricchi di informazioni, la Terra ha visto un’enorme varietà di forme di vita complesse e differenziate.

  • Ma nessuno di loro era intelligente come lo sono gli umani, almeno, per come definiamo l’intelligenza.
  • Nessuno di loro è diventato tecnologicamente avanzato, alterando consapevolmente e volontariamente la composizione atmosferica del pianeta su scala globale.
  • Nessuno di loro ha costruito grattacieli, veicoli sommergibili, dispositivi per realizzare voli a motore o razzi in grado di sfuggire all’attrazione gravitazionale della Terra.
  • E nessuno di loro, per quanto ne sappiamo, ha mai fatto alcun tentativo riuscito di comprendere l’Universo che li circonda.

Sebbene tutte queste prodezze siano, a modo loro, risultati straordinari, è l’ultimo – comprendere l’Universo – che ci separa davvero da ogni altra creatura vivente che sia mai venuta prima di noi.

A destra sono illustrati i bosoni di gauge, che mediano le tre forze quantistiche fondamentali del nostro Universo. C’è solo un fotone per mediare la forza elettromagnetica, ci sono tre bosoni che mediano la forza debole e otto che mediano la forza forte. Ciò suggerisce che il modello standard è una combinazione di tre gruppi: U(1), SU(2) e SU(3). (Credito : Daniel Domingues/CERN)

Non si può sopravvalutare quanto sia rivoluzionario sapere contemporaneamente:

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
  • di cosa è fatto l’Universo sulle scale più piccole e fondamentali,
  • come quei minuscoli costituenti della realtà interagiscono con se stessi, gli uni con gli altri e con l’Universo più grande nel suo insieme,
  • e come quei costituenti si assemblano e si legano insieme per formare strutture su tutte le scale cosmiche, dalla nascita del nostro Universo come lo conosciamo in un caldo Big Bang fino ai giorni nostri, 13,8 miliardi di anni dopo.

Ogni progresso tecnologico che migliora la vita che abbiamo sviluppato negli ultimi cento anni è stato condizionato dalle conoscenze acquisite da questi progressi scientifici. Molte tecnologie derivate che ora diamo per scontate, inclusi i trasporti moderni, il riscaldamento e il raffreddamento, la distribuzione di merci e le capacità di telecomunicazione, sono nate semplicemente perché stavamo perseguendo la conoscenza oltre le attuali frontiere scientifiche. In termini di ritorno sull’investimento, probabilmente non c’è modo migliore per avvantaggiare il futuro a lungo termine della nostra specie che aumentare i nostri investimenti nella ricerca e sviluppo di base e fondamentali.

In effetti, non è affatto una forzatura sostenere che i progressi che si sono verificati negli ultimi 30, 70 o 100 anni superano facilmente i progressi cumulativi dell’umanità nei precedenti 100.000 anni.

Nel corso di 50 giorni, con un totale di oltre 2 milioni di secondi di tempo di osservazione totale (l’equivalente di 23 giorni completi), l’Hubble eXtreme Deep Field (XDF) è stato costruito da una parte della precedente immagine Hubble Ultra Deep Field. Combinando la luce dall’ultravioletto con la luce visibile e fino al limite del vicino infrarosso di Hubble, l’XDF rappresenta la visione più profonda dell’umanità del cosmo: un record che è rimasto fino al rilascio del primo campo profondo del JWST l’11 luglio 2022. (Credit : NASA, ESA , G. Illingworth, D. Magee e P. Oesch (Università della California, Santa Cruz), R. Bouwens (Università di Leiden) e il team HUDF09)

Pensa all’immagine sopra e a tutto ciò che rivela. All’interno di quel quadrato viola c’è, al momento, la nostra visione più profonda dell’Universo mai presa: Hubble eXtreme Deep Field. Compilata da un totale di 23 giorni di osservazioni effettuate con il telescopio spaziale Hubble, questa finestra sull’abisso dello spazio si estende solo per 1/32.000.000° dell’intero cielo. Eppure, in questo minuscolo quadrato, si possono trovare ben 5.500 galassie – galassie grandi, massicce e luminose.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Gli oggetti più vicini mostrati qui sono deboli stelle all’interno della Via Lattea, la cui luce che stiamo ricevendo ha solo migliaia di anni. Gli oggetti più distanti, in confronto, sono galassie della prima infanzia dell’Universo, la cui luce arriva solo dopo un viaggio durato oltre 13 miliardi di anni. A causa dell’espansione dell’Universo, questi oggetti ultradistanti si trovano attualmente a oltre 30 miliardi di anni luce da noi. Anche se tentassimo di raggiungerli, partendo oggi e viaggiando alla velocità della luce, non ci arriveremmo mai; l’Universo in espansione li allontana da noi a una velocità tale che non potremmo raggiungerli finché saremo limitati dalle leggi della fisica che conosciamo.

Questo potrebbe sembrare, scientificamente, come il coronamento della nostra specie. Ma in realtà, è semplicemente rappresentativo di un altro passo avanti che abbiamo fatto nella nostra comprensione di ciò che esiste, e potrebbe facilmente essere seguito da un altro passo da gigante ancora più grande.

I flussi stellari strappati da una delle galassie che interagiscono tra i membri del Quintetto di Stephan brillano in questa immagine, ma ancora più spettacolare è la ricca selezione di galassie sullo sfondo che possono essere viste in gloriosi dettagli dietro gli oggetti vicini in primo piano. Con le capacità senza precedenti di JWST, gli “studi di base sulle galassie” possono essere condotti come ulteriore scienza bonus in cima alla maggior parte delle ricerche previste eseguite con JWST. Credito : NASA, ESA, CSA e STScI)

Quando pensi all’eredità e all’impronta che l’umanità potrebbe lasciare nell’Universo, dove ti portano i tuoi sogni?

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
  • Ti portano in luoghi in cui abbiamo risolto i problemi dei nostri giorni: guerra, violenza, disordini, disuguaglianza, povertà, carestia e catastrofe ambientale?
  • Ti portano in un futuro tecnologicamente avanzato, in cui gli umani si muovono liberamente da pianeta a pianeta, da sistema stellare a sistema stellare, persino da galassia a galassia?
  • Ti portano in luoghi in cui viviamo vite ricche, appaganti e connesse, dove sfruttamento, malattie e crudeltà deliberatamente inflitte sono reliquie del passato?

Questi sogni non devono rimanere semplici fantasie; possiamo trasformarli in obiettivi. Il modo in cui raggiungiamo questi obiettivi inizia in piccolo: investendo nella ricerca scientifica di base necessaria per risolvere i nostri problemi sottostanti, comprendere l’Universo e le regole su cui si basa e mettere insieme le varie componenti in modo tale da poter, passo dopo passo, raggiungere questi vari traguardi.

Tutti sogniamo per ciò che può essere la nostra civiltà: per quanto può essere duratura e come, nonostante le nostre origini umili e cosmicamente insignificanti, possiamo non solo comprendere l’Universo, ma esplorarlo mentre ci godiamo il nostro tempo al suo interno. E mentre – come puoi facilmente vedere sopra – il James Webb Space Telescope (JWST) sta nuovamente trasformando ciò che sappiamo di tutta l’esistenza. Anche questo è solo un altro passo che ci costringe a farne un altro ancora.

Una combinazione di dati a raggi X, ottici e infrarossi rivela la pulsar centrale al centro della Nebulosa del Granchio, inclusi i venti e i deflussi che le pulsar curano nella materia circostante. Il punto centrale bianco violaceo luminoso è, infatti, la pulsar del granchio, che a sua volta ruota a circa 30 volte al secondo. Un osservatorio a raggi X di nuova generazione potrebbe rivelare caratteristiche, attraverso nuove energie e risoluzioni superiori, che oggi possiamo solo sognare. (Credito : raggi X: NASA/CXC/SAO; Ottico: NASA/STScI; Infrarossi: NASA-JPL-Caltech)

Per il resto degli anni ’20 e per gli anni ’30, continueremo a esplorare l’Universo – e scopriremo cosa lo compone e come è diventato così – in una varietà di modi nuovi ed eccitanti. Avremo due nuovi osservatori a terra che ci forniranno le immagini di oggetti nello spazio con la più alta risoluzione di sempre: il Giant Magellan Telescope e l’European Extremely Large Telescope. Non solo rileveremo le onde gravitazionali da terra, ma anche nello spazio, grazie alla prossima missione LISA. E impareremo di più sui neutrini e altre particelle che viaggiano verso di noi da sorgenti intergalattiche, poiché i nostri rivelatori e le nostre strutture diventano più sensibili che mai.

Ma c’è molto altro là fuori che ci aspetta da scoprire, il tutto che richiede solo un investimento relativamente irrisorio per aiutarci ad arrivarci. Una nuova serie di radiotelescopi, il Very Large Array di prossima generazione, potrebbe essere la svolta necessaria per entrare in contatto con una specie extraterrestre intelligente. Un proposto telescopio Super-Hubble potrebbe essere l’osservatorio rivoluzionario che finalmente ci permetterà di trovare pianeti abitati oltre il nostro Sistema Solare. E una nuova flotta di grandi osservatori – che coprono lunghezze d’onda come i raggi X e il lontano infrarosso – potrebbe rappresentare un miglioramento ancora più grande di quello rappresentato da JWST rispetto a tutto ciò che lo ha preceduto.

Se nella nostra galassia esistono altri pianeti abitati, la tecnologia del prossimo futuro che sarà a nostra disposizione entro questo secolo, o forse anche entro il 2040, potrebbe essere in grado di scoprirlo. Dotata sia di un coronografo che di uno specchio primario più grande, la prossima missione ammiraglia della NASA dopo il Nancy Roman Telescope, nome in codice provvisorio LUVex, potrebbe essere esattamente l’osservatorio per trovare per primo un pianeta abitato. (Credito : NASA Ames/JPL-Caltech/T.Pyle)

L’intera portata di questa visione per il progresso scientifico, delineata nel rapporto decennale Astro2020 consegnato dalle National Academies, potrebbe essere realizzata investendo un magro $ 2 miliardi all’anno nel budget di astrofisica della NASA. Non 2 miliardi di dollari in più all’anno, ma un totale di 2 miliardi di dollari all’anno (Per inciso: riesci a credere a tutto ciò che abbiamo già appreso sull’Universo, con un budget annuale dedicato all’astrofisica della NASA significativamente inferiore a $ 2 miliardi all’anno?). Con quel livello di investimento, sostenuto nei prossimi ~ 20 –30 anni, potremmo realizzare pienamente questa visione proposta: una vera e propria trasformazione per la nostra comprensione scientifica di cos’è l’Universo e di come è diventato così.

Per anni, l’unica notizia che qualcuno ha sentito su JWST riguardava i suoi problemi. Quanto era fuori budget, quanto era mal gestito, quanto era in ritardo rispetto al programma, ecc. Con la sua piena potenza ora in mostra, tuttavia, non solo siamo tutti entusiasti delle viste mozzafiato dell’Universo che sta fornendo, ma siamo sbalorditi da quanto si sta comportando meglio di quanto avessimo persino osato immaginare. Con una migliore efficienza e una risoluzione superiore rispetto a ciò per cui è stato progettato, oltre a più del doppio dell’ottimistica durata della missione prevista (20+ anni, rispetto ai 5,5-10 anni per cui è stata progettata), illustra davvero ciò che potremo raggiungere quando osiamo cimentarci nella scienza su scala di civiltà.

Questa immagine composita quasi perfettamente allineata mostra la prima vista del campo profondo JWST del nucleo del cluster SMACS 0723 e la contrasta con la vecchia vista di Hubble. Osservare i dettagli dell’immagine che sono assenti dai dati Hubble ma presenti nei dati JWST ci mostra quanto potenziale di scoperta attende gli scienziati che lavorano con JWST. (Credito : NASA, ESA, CSA e STScI; NASA/ESA/Hubble (STScI); composito di E. Siegel)

Non c’è dubbio che qui e ora, sulla Terra a metà del 2022, viviamo in una società fratturata in modo allarmante. Una combinazione di grandi e crescenti disuguaglianze, cibo, acqua e insicurezza energetica, pandemie mortali, disordini politici e conflitti globali tra di loro serve solo ad amplificare questo. Potresti essere tentato di chiedere: “con tutti i problemi che il mondo ha, perché preoccuparsi di investire le nostre limitate risorse nella ricerca scientifica di base?

Sebbene ci siano molte ragioni pratiche per farlo, tra cui un ritorno sull’investimento praticamente garantito maggiore di 1, una serie di nuove tecnologie spin-off che sicuramente emergeranno e progressi che promettono di rivoluzionare il modo in cui ci vediamo nell’Universo, c’è un altro motivo più alto per farlo.

È perché c’è di più in questa esistenza oltre ai nostri litigi sulle risorse presenti sulla nostra palla di roccia, importante ma alla fine banale, che tutti chiamiamo casa. C’è un intero Universo là fuori da esplorare e capire, e questa è una prospettiva che tutti possiamo condividere e su cui interrogarci. In molti modi, la ricerca di ciò che sta al di là delle attuali frontiere di ciò che sappiamo può servire come il mortaio di cui abbiamo bisogno per tenere insieme la nostra società fratturata. Un investimento sostenuto nella scienza, per il bene di tutta l’umanità per sempre, potrebbe essere esattamente ciò di cui abbiamo bisogno in questo momento critico per lo sviluppo della nostra specie.

Questa immagine a tre pannelli mostra la vista simulata dello stesso obiettivo astronomico, NGC 3603, visto con Hubble (a sinistra), il Very Large Telescope con ottica adattiva (al centro) e l’European Extremely Large Telescope attualmente in costruzione ( A destra). L’aumento della nitidezza è un riflesso della maggiore risoluzione che deriva dall’avere uno specchio primario più grande, nonché una strumentazione superiore con cui lavorare. (Credito : ESO)

È sempre possibile, quando guardiamo a tutti i problemi affrontati dagli esseri umani in tutto il mondo, che uno dei tanti eventi che potrebbero portare alla fine della civiltà umana possa verificarsi. Potremmo impegnarci in una guerra nucleare, spazzando via ogni essere umano dal pianeta nel processo. Una piaga, un vulcano o un impatto dal cielo potrebbero distruggere completamente la nostra civiltà moderna, così come l’avvelenamento del nostro ambiente o la distruzione sfrenata di ecosistemi vitali. Eventi minori, come un forte brillamento solare, potrebbero portare a una serie di disastri minori a lungo termine che minacciano il nostro modo di vivere moderno, uccidendo miliardi di persone nel processo. C’è un rischio esistenziale che potremmo distruggere noi stessi: essere gli artefici della nostra stessa caduta nonostante le nostre conoscenze e capacità tecnologiche senza precedenti.

Ma c’è un rovescio della medaglia. In questo momento critico, potremmo anche diventare gli eroi di cui il mondo ha bisogno in questo momento. Potremmo affrontare le sfide che il nostro pianeta deve affrontare con i più grandi strumenti a nostra disposizione: la nostra conoscenza scientifica collettiva e le nostre capacità tecnologiche. Possiamo investire su di loro ulteriormente e generosamente. La nostra eredità, se ce la faremo, può essere molto più di un semplice segno banale nel nostro angolo locale del cosmo, lasciando un’iscrizione metaforica che “eravamo qui”. Invece, potremmo mostrare a ogni altra civiltà che deve ancora venire come è fatta. Invece di “eravamo qui“, il nostro messaggio potrebbe essere: “ecco fino a che punto siamo arrivati, e forse puoi andare ancora più lontano seguendo le nostre orme“. È giunto il momento per noi di scavare in profondità e arrivare alle risposte definitive.