Vulcani: il mondo non è pronto per la prossima super eruzione

I vulcani possono essere meno esotici delle palle di fuoco dallo spazio, ma questo è un motivo in più per rispettarli: i vulcani, a differenza degli asteroidi, sono già qui sulla Terra. Sono sparsi in tutto il pianeta, spesso ricoperti da paesaggi pittoreschi che nascondono il loro potenziale distruttivo

0
491

Anche se l’umanità riuscirà a non autodistruggersi con la guerra o il cambiamento climatico, ci sono altre minacce esistenziali alla nostra esistenza.

Uno dei pericoli più appariscenti viene dagli asteroidi, come ci insegna l’impatto che 65 milioni di anni fa provocò l’estinzione dei dinosauri non aviari, per cui ci stiamo preparando ad affrontare questo pericolo, sviluppando la nostra capacità di monitoraggio degli asteroidi e sperimentando sistemi per deviarne la rotta in caso ne individuassimo uno in rotta di collisione con il nostro pianeta.

Ma, come sottolineano due ricercatori in un nuovo commento pubblicato sulla rivista Nature, non dovremmo lasciare che l’ansia da asteroidi oscuri un altro pericolo colossale in agguato sotto i nostri piedi: i vulcani.

Nel prossimo futuro è molto più probabile che si verifichno eruzioni vulcaniche su larga scala piuttosto che un asteroide di grandi dimensioni impatti il nostro pianeta“, scrivono Michael Cassidy, professore di vulcanologia all’Università di Birmingham, e Lara Mani, ricercatrice associata presso il Center for the Study of Existential Risk dell’Università di Cambridge. Sebbene la preparazione per gli asteroidi sia prudente, stiamo facendo troppo poco per l’evento più probabile di una “super-eruzione” vulcanica, sostengono Cassidy e Mani.

I governi e le agenzie spaziali del mondo spendono centinaia di milioni di dollari all’anno per la difesa planetaria, scrivono, compreso il nuovo esperimento statunitense per respingere le rocce spaziali.



La missione Double Asteroid Redirection Test (DART) della NASA testerà presto la fattibilità della deflessione di un asteroide cercando di spostare un asteroide fuori rotta. La missione DART costa circa 330 milioni di dollari e, sebbene sia un affare se ci insegnerà come salvarci da un asteroide, Cassidy e Mani notano che non ci sono investimenti comparabili per prepararsi a una super eruzione.

Questo deve cambiare“, scrivono i due ricercatori.

I vulcani possono essere meno esotici delle palle di fuoco dallo spazio, ma questo è un motivo in più per rispettarli: i vulcani, a differenza degli asteroidi, sono già qui sulla Terra. Sono sparsi in tutto il pianeta, spesso ricoperti da paesaggi pittoreschi che nascondono il loro potenziale distruttivo.

E mentre gli umani hanno assistito a molte terribili eruzioni nei tempi moderni, la maggior parte di queste impallidisce in confronto alla distruzione che possono portare i supervulcani che eruttano ogni 15.000 anni circa.

L’ultima super eruzione di questo tipo è avvenuta circa 22.000 anni fa, secondo l’US Geological Survey (una “super-eruzione” è quella di magnitudo 8, la valutazione più alta dell’indice di esplosività vulcanica, o VEI).

L’ultima eruzione di magnitudo 7 si è verificata nel 1815 al Monte Tambora, in Indonesia, uccidendo circa 100.000 persone. La cenere e il fumo emessi dal vulcano hanno ridotto in media le temperature globali di circa 1 grado Celsius, provocando un “anno senza estate” nel 1816. Ci furono diffusi problemi con i raccolti, che portarono a carestie, focolai di malattie e violenze.

Il monitoraggio del vulcano è migliorato dal 1815, così come la nostra capacità di portare soccorso e sostegno a livello globale in caso di calamità, ma non abbastanza per compensare tutti i rischi che dobbiamo affrontare.

La popolazione umana della Terra si è moltiplicata dall’inizio del 1800, notano Cassidy e Mani, e alcune grandi aree urbane sono fiorite vicino a pericolosi vulcani. Anche noi dipendiamo maggiormente dal commercio globale, quindi sconvolgimenti in un luogo possono provocare carenza di cibo e altre crisi altrove.

Il pericolo rappresentato dai vulcani potrebbe anche essere maggiore di quanto pensiamo. In uno studio del 2021 basato sui dati di antiche carote di ghiaccio, i ricercatori hanno scoperto che gli intervalli tra le eruzioni catastrofiche sono centinaia o addirittura migliaia di anni più brevi di quanto si credesse in precedenza.

La storia di molti vulcani rimane oscura, rendendo difficile anticipare le future eruzioni e concentrare le risorse dove i rischi sono maggiori. Abbiamo bisogno di più ricerche sulle carote di ghiaccio, nonché sui documenti storici e geologici, scrivono Cassidy e Mani, comprese le carote marine e lacustri, specialmente nelle regioni ad alto rischio ma povere di dati come il sud-est asiatico.

Abbiamo anche bisogno di una maggiore ricerca interdisciplinare per aiutarci a prevedere come una super eruzione potrebbe paralizzare la civiltà, aggiungono, identificando i rischi per il commercio, l’agricoltura, l’energia e le infrastrutture, oltre a “punti critici” geografici in cui i rischi vulcanici si sovrappongono alle reti commerciali.

È fondamentale anche un monitoraggio più completo dei vulcani, compreso il monitoraggio da terra e l’osservazione aerea e satellitare. I ricercatori notano che i vulcanologi desiderano da tempo un satellite specializzato per l’osservazione dei vulcani, che potrebbe aumentare la preparazione oltre l’attuale sistema di condivisione dei satelliti esistenti con altri scienziati.

La consapevolezza e l’educazione della comunità sono un’altra chiave per la resilienza. Le persone hanno bisogno di sapere se vivono in zone di pericolo vulcanico, come prepararsi per un’eruzione e cosa fare quando si verifica.

Oltre alla sensibilizzazione preparatoria, le autorità hanno anche bisogno di modi per trasmettere avvisi pubblici quando i vulcani eruttano, scrivono Cassidy e Mani, come messaggi di testo con dettagli sulle evacuazioni, suggerimenti per sopravvivere a un’eruzione o indicazioni per rifugi e strutture sanitarie.

2