Teoria della foresta oscura: perché dovremmo evitare gli alieni

Il termine deriva da una serie intitolata The Three Body Problem dell'autore di fantascienza cinese Liu Cixin. La teoria della foresta oscura spiega perché non riceviamo segnali alieni postulando che questi stiano intenzionalmente tacendo

0
2212
Teoria della foresta oscura: perché dovremmo evitare gli alieni
Teoria della foresta oscura: perché dovremmo evitare gli alieni

Il termine deriva da una serie di romanzi di fantascienza intitolata The Three Body Problem dell’autore cinese Liu Cixin. La teoria della foresta oscura spiega perché non riceviamo segnali alieni postulando che questi stiano intenzionalmente tacendo

Nessuno sa se esistono civiltà extraterrestri e se siano rare o numerose. Da quando Fermi enunciò il suo famoso paradosso (dove sono tutti quanti?) sono state moltissime le persone, scienziati e no, che si sono cimentate nel trovare una risposta al silenzio che ci circonda.

Ci sono concetti come il Grande Filtro che limitano l’esistenza di civiltà extraterrestri. Ma alcuni scienziati ritengono che il numero di civiltà altamente avanzate nel nostro cosmo dovrebbe essere direttamente proporzionale alla loro vita media. La vita media potrebbe essere compresa tra un secolo e un milione di anni. Le civiltà sopravvissute per un milione di anni dovrebbero essersi sviluppate in civiltà super avanzate, quindi, la civiltà più vicina a noi potrebbe essere abbastanza vicina da rilevare i nostri segnali elettromagnetici o trovarsi nel mirino dei nostri telescopi. Alcune stime hanno valutato la distanza media reciproca tra civiltà tecnologiche nella nostra galassia in 200 anni luce.

Qui sulla Terra, Darwin notò che non tutti gli individui iniziano con lo stesso insieme di tratti, pertanto, le forze che influenzano la sopravvivenza non pesano allo stesso modo sugli individui e sulle specie; ci sono sempre variazioni, alcune delle quali si rivelano favorevoli e conferiscono qualche vantaggio rispetto ad altre.

Nella ricerca della vita interstellare e delle sue forme, noi (umani) abbiamo sviluppato molte teorie per ottenere risposte ai misteri nascosti della vita. Una di queste teorie è la Foresta Oscura, un’ipotesi abbastanza preoccupante.



Prima di arrivare alla teoria della Foresta Oscura, vediamo alcuni importanti concetti chiave che hanno portato alla formulazione dell’ipotesi.

Questi concetti includono:

L’equazione di Drake:

La seguente sequenza di otto termini ha portato una rivoluzione nel campo della ricerca di civiltà extraterrestri. La sequenza è la seguente:

N = R* · fP · Ne · fl · fi · fc · L

N = numero di civiltà con cui l’uomo potrebbe comunicare
R* = tasso medio di formazione stellare
fP = frazione di stelle che hanno pianeti
Ne = numero medio di pianeti che potrebbero sostenere la vita per stella con pianeti
fl = frazione di pianeti che supportano la vita che si sviluppano vita
fi = frazione di pianeti con vita in cui la vita sviluppa intelligenza
fc = frazione di civiltà intelligenti che sviluppano la comunicazione
L = durata media del tempo in cui le civiltà possono comunicare

Scienziati come Frank Drake, morto lo scorso 2 settembre, hanno formulato equazioni per determinare la probabilità di vita extraterrestre. L’equazione (equazione di Drake) viene utilizzata per stimare il numero di di civiltà extraterrestri attive nella Via Lattea in grado di comunicare su distanze interstellari. L’equazione di Drake fornisce un riassunto dei fattori che influenzano la “probabilità” che potremmo rilevare la comunicazione radio dalla vita extraterrestre intelligente.

Purtroppo, ad oggi, non è stato rilevato alcun segnale radio di certa origine aliena.

Il paradosso di Fermi

Il paradosso di Fermi è sempre rimasto un argomento caldo nel campo delle teorie sull’esistenza di intelligenze extraterrestri dotate di tecnologia.

Secondo il ragionamento di Fermi, ci sono miliardi di stelle nella nostra galassia della Via Lattea e alcune di queste stelle devono avere pianeti simili alla Terra, inoltre alcune devono essere molto più antiche del nostro sole, quindi potrebbero aver evoluto una vita intelligente milioni di anni fa. Alcune di queste civiltà potrebbero aver esplorato modi di viaggiare interstellare quindi, la terra potrebbe essere stata visitata da quegli esseri interstellari molto tempo fa. Ma se fosse così, perché non abbiamo trovato tracce di queste visite sulla Terra e non abbiamo notizie (segnali radio) dell’esistenza di queste civiltà? Insomma, dove sono tutti quanti?

L’esistenza di un gran numero di pianeti potenzialmente abitabili e l’assenza di segni di vita, rispettivamente, sono i due aspetti del paradosso di Fermi che sono supportati da dati empirici. La prima affermazione, che ci sono diversi pianeti adatti, è stata fatta da Fermi molto prima che individuassimo il primo pianeta extrasolare ma ora è supportata dalla scoperta di migliaia di esopianeti avvenuta negli ultimi vent’anni.

Secondo i modelli attuali, la Via Lattea contiene miliardi di pianeti potenzialmente abitabili. Attualmente è in corso uno studio scientifico sulla seconda parte del paradosso, che afferma che non ci sono prove della vita extraterrestre visibili agli esseri umani. Ciò copre sia le ricerche generali di vita che le ricerche mirate specificamente a trovare la vita intelligente. Molte di queste ricerche sono in corso dal 1960.

Metodi

Tra il 1950 e il 1970, gli scienziati ritenevano che l’unico metodo per contattare civiltà aliene fosse la comunicazione tramite segnali elettromagnetici. A causa di ciò, molti progetti come SETI, OZMA, CETI, ecc. hanno iniziato a prendere forma in termini di ascolto e invio di segnali verso lo spazio profondo.

Ma fino ad ora nulla del genere è stato confermato con precisione. La mancanza di prove dell’esistenza di civiltà extraterrestri viene chiamata Great Silence (dal saggio di David Brin – The Great Silence – Polemica sulla vita intelligente extraterrestre) e ha cambiato il modo in cui gli esseri umani percepiscono l’intelligenza.

Il messaggio Morse consisteva in una trasmissione radio inviata in codice Morse verso Venere, che gli scienziati dell’epoca pensavano ancora fosse potenzialmente abitabile. Un altro metodo è con l’aiuto dei segnali radio: Active SETI (Active Search for Extra-Terrestrial Intelligence) è il tentativo di ricevere messaggi radio alla vita extraterrestre intelligente.
Simile è METI (Messaggistica per l’intelligenza extraterrestre). La scienza nota come SETI si occupa della ricerca di messaggi dagli alieni. METI si occupa della creazione e trasmissione di messaggi agli alieni.

Un messaggio METI dice: “Non sei solo!”

Tipi di vita extraterrestre che possiamo aspettarci:

Non esiste una definizione scientifica precisa della vita. Inoltre, non esiste un unico metodo per definire la presenza o l’assenza di vita. Quando parliamo di vita pensiamo a ciò che vediamo sul nostro pianeta ma altrove la vita potrebbe essere molto diversa. Ad esempio, diamo il nome di vita a qualcosa che ha le seguenti proprietà: a base di carbonio, ha una membrana, utilizza energia, richiede acqua liquida, esegue la divisione cellulare, cresce e si riproduce e ha attività metabolica.

Esseri intelligenti: come noi, o delfini, scimpanzé, scimmie o forse umani, specie simili alla nostra.

Esseri sapienti: Sapienza significa saggezza e essere sapiente significa l’essere che agisce con saggezza.

Sconosciuto/non si può dire/veloce e più avanzato: non possiamo nemmeno prevedere qualcosa su questi eventuali esseri extraterrestri. Non sappiamo come e quali caratteristiche potrebbero avere.

Carl Sagan supervisionò un’ampia gamma di studi di laboratorio alla Cornell che hanno tentato di imitare la superficie e la chimica atmosferica di pianeti, lune e comete. I risultati hanno dimostrato che in un’ampia varietà di osservazioni del sistema solare, le fonti di energia dominanti (come i raggi UV e le scariche elettriche) possono incoraggiare la formazione di molecole organiche complesse, compresi i costituenti chimici della vita, con rese elevate. Questi risultati furono inizialmente accolti con un certo scetticismo ma ora è noto che questi materiali esistono nelle nubi interstellari e sulla superficie di numerosi pianeti nel sistema solare esterno. Sembra che ci siano molti elementi costitutivi della vita in tutto l’universo. Sagan presumeva che l’esistenza della vita fosse onnipresente.

I benefici possibili dall’incontro con una civiltà extraterrestre

In un possibile incontro con una civiltà extraterrestre tecnologicamente evoluto potremmo ricavare i seguenti benefici:

Tecnologia — Se una civltà aliena ci raggiungesse, avrebbe un’evidente superiorità tecnologica. Avremmo l’occasione di imparare da loro come viaggiare per tutta la galassia ed oltre.

Connessione — Non vogliamo restare soli. Per anni siamo rimasti soli in un angolo oscuro dell’universo. Vogliamo uscire da questo abisso. Vogliamo comunicare.

La nostra sopravvivenza — Abbiamo una quantità limitata di risorse. Con il passare del tempo, la nostra popolazione crescerà. Non basterebbe una sola terra per i nostri bisogni. Con l’aiuto di una benevola civiltà extraterrestre, potremmo imparare a sopravvivere in condizioni estreme. Questo punto della sopravvivenza è l’idea centrale della Teoria della Foresta Oscura.

Esplorare lo spazio — È possibile che potremo esplorare lo spazio, ampliando le nostre prospettive e comprendere i misteri irrisolti del cosmo.

Questi sono alcuni dei possibili vantaggi acquisibili con la comunicazione o con il contatto con l’intelligenza extraterrestre. Veniamo ora alle cose da tenere a mente “prima di comunicare”.

La teoria della foresta oscura

Come dicevamo all’inizio, questa ipotesi deriva da una serie intitolata The Three Body Problem dell’autore di fantascienza cinese Liu Cixin. La teoria della foresta oscura spiega perché non riceviamo segnali alieni postulando che questi stiano intenzionalmente tacendo. Il succo della teoria è:

“L’universo è una foresta oscura. Ogni civiltà è un cacciatore armato che si aggira tra gli alberi come un fantasma, spingendo delicatamente da parte i rami che bloccano il sentiero e cercando di camminare senza fare rumore. Anche la respirazione è fatta con cura. Il cacciatore deve stare attento, perché ovunque nella foresta ci sono altri cacciatori, furtivi come lui. Se trova un’altra vita – un altro cacciatore, un angelo o un demone, un bambino delicato o un vecchio barcollante, una fata o un semidio – c’è solo una cosa che può fare: aprire il fuoco ed eliminarli. In questa foresta, l’inferno sono le altre persone. Un’eterna minaccia che qualsiasi vita che esponga la propria esistenza sarà rapidamente spazzata via. Questa è l’immagine della civiltà cosmica. È la spiegazione del Paradosso di Fermi».
― Liu Cixin, La foresta oscura

Ci sono due cose che stanno alla base del concetto:

  • La sopravvivenza è il requisito principale di ogni civiltà
  • La crescita della civiltà è necessaria e l’espansione non si può fermare

Anche il fisico teorico Stephen Hawking ha affermato che l’umanità deve rimanere in silenzio e non attirare l’attenzione, poiché le civiltà aliene potrebbero essere attratte dalla Terra, possedere i mezzi per viaggiare più velocemente della luce e venire alla ricerca delle nostre preziose risorse.

Importanza della teoria della foresta oscura

La Teoria della foresta oscura ha dato una nuova dimensione al pensiero. Non abbiamo idea se una civiltà extraterrestre altamente avanzata sarebbe amichevole o ostile. Quelle civiltà potrebbero considerarci partner, cacciatori o persino prede. Le risorse necessarie per la sopravvivenza sono rare e ogni civiltà del genere avrebbe un disperato bisogno di ottenere le risorse per la sua espansione e sopravvivenza. Ora, sappiamo che c’è una ragione per il silenzio nello spazio – forse civiltà altamente avanzate hanno paura di essere rilevate – questa potrebbe essere la ragione per cui non hanno inviato alcun segnale finora.

La mancanza di comprensione tra la nostra civiltà e la civiltà extraterrestre potrebbe sollevare sospetti. Non possiamo conoscere le reali intenzioni delle specie aliene né loro possono conoscere le nostre. Quindi, nel dubbio, la considerazione di attaccare l’altra civiltà sarebbe considerata un passo saggio. In questo modo, l’ipotesi della foresta oscura potrebbe avere una base di realtà. E la decisione più saggia potrebbe davvero essere quella di rimanere in silenzio e non rivelarsi.

C’è una sorta di somiglianza tra la teoria dell’evoluzione di Darwin e la Foresta Oscura. La teoria darwiniana dell’evoluzione per selezione naturale si basa su tre elementi importanti: variazione, riproduzione ed ereditabilità. La parte della variazione è strettamente correlata alla sopravvivenza. Le variazioni nelle caratteristiche fisiche degli organismi che tendono ad avvantaggiare una specie nella lotta per l’esistenza vengono preservate e tramandate, poiché gli individui che le possiedono tendono a sopravvivere. Simile è il caso della teoria della foresta oscura.

L’ipotesi della Foresta Oscura ci ricorda l’istinto di sopravvivenza e sottolinea che il principio della sopravvivenza del più adatto potrebbe essere applicabile non solo al nostro pianeta ma all’intero cosmo e deve essere presa in debita considerazione quando inviamo segnali nello spazio profondo.

2