Nuove conferme per la fosfina su Venere

I dati recentemente raccolti, ottenuti utilizzando il James Clark Maxwell Telescope (JCMT) alle Hawaii, sono considerati completi. Rivelano la presenza di fosfina nell'atmosfera superiore di Venere e forniscono la prova della sua esistenza sopra alle nuvole del pianeta

0
914
Nuove conferme per la fosfina su Venere

[tta_listen_btn]

Tre anni fa, gli astronomi annunciarono di aver rilevato la presenza di fosfina, una molecola associata all’attività biologica sulla Terra, nelle nubi di Venere. Questa scoperta inaspettata accese un’ondata di eccitazione e dibattito all’interno della comunità scientifica.

Ora, il team dietro la scoperta ha svelato nuove prove, rivelando che la fosfina è stata rilevata ancora più in profondità nell’atmosfera di Venere, fino alle nuvole.

Guidato dalla professoressa Jane Greaves dell’Università di Cardiff, il team ha raccolto dati per un anno, evidenziando la sua robustezza aggiuntiva dovuta all’utilizzo di uno strumento diverso. Inoltre, ora sarà possibile tenere traccia dei cambiamenti nella fosfina nel tempo. Il professor Greaves ha presentato le sue scoperte all’attesissimo National Astronomy Meeting 2023.

Abbiamo compiuto progressi significativi da quando abbiamo ottenuto i dati iniziali nel 2017“, ha condiviso il professor Greaves con IFLScience. “Ora abbiamo scoperto la fosfina in cinque diverse occasioni, permettendoci di analizzarne il comportamento. L’obiettivo non è più solo trovarla, ma capire come cambia nel tempo e quali implicazioni potrebbe avere“.

Inizialmente, il team ha segnalato la scoperta nel 2020 sulla base di due osservazioni indipendenti. Tuttavia, uno studio successivo, che includeva membri del team originale, non è riuscito a riprodurre i risultati, anche se hanno riconosciuto che la loro ricerca era limitata alle regioni superiori delle nubi di Venere, lasciando la possibilità che la fosfina esistesse negli strati più profondi.



I dati recentemente raccolti, ottenuti utilizzando il James Clark Maxwell Telescope (JCMT) alle Hawaii, sono considerati completi. Rivelano la presenza di fosfina nell’atmosfera superiore di Venere e forniscono la prova della sua esistenza sopra alle nuvole del pianeta. Ciò suggerisce al team che la fonte della fosfina si trova all’interno delle nuvole o al di sotto di esse.
Trovare fosfina in queste regioni dimostra che esiste davvero una fonte, sia all’interno che al di sotto delle nuvole“, ha spiegato il professor Greaves. “Questo è particolarmente intrigante perché le nuvole sono la parte più interessante… c’è una remota possibilità che qualche forma di vita possa esistere tra le nuvole di Venere“.

Vita su Venere

L’idea di vita su Venere ha generato un’immensa eccitazione nel 2020, generando numerosi titoli che proclamavano la scoperta. Tuttavia, è importante notare che attualmente non ci sono prove dirette a sostegno di questa affermazione.

Il team ritiene che alcuni aspetti dei dati diano credito a questo scenario improbabile. Ad esempio, la quantità di fosfina rilevata non mostra fluttuazioni significative tra le diverse osservazioni. Al contrario, l’anidride solforosa, associata all’attività vulcanica su Venere, può variare notevolmente, più di dieci volte in vari periodi di tempo.

La quantità di fosfina sembra cambiare al massimo di un fattore due, aumentando o diminuendo. È relativamente stabile, il che è significativo quando si interpretano i dati“, ha sottolineato il professor Greaves.

Il team continua a studiare i misteri che circondano questa enigmatica molecola su Venere e anticipa con impazienza le prossime missioni verso la “stella del mattino“. La NASA ha pianificato molteplici missioni su Venere (anche se una ha incontrato ritardi), mentre l’Agenzia spaziale europea sta preparando una missione per studiare l’atmosfera del pianeta.

Tuttavia, la professoressa Greaves e il suo team sono particolarmente entusiasti di una missione più piccola avviata da Breakthrough Initiatives, che mira a inviare una sonda per indagare sulle nuvole di Venere alla ricerca di fosfina e della potenziale presenza di vita.

Mentre ci avventuriamo più a fondo nell’esplorazione dei corpi celesti nostri vicini, i misteri di Venere continuano ad affascinare la nostra immaginazione. Indipendentemente dal fatto che la fosfina su Venere segnali veramente la presenza della vita, il suo rilevamento ha indubbiamente acceso un rinnovato interesse per questo pianeta enigmatico, spingendoci ulteriormente verso la scoperta dei segreti dei nostri vicini cosmici.

2