L’Africa potrebbe dividersi in due continenti

Un'enorme spaccatura sta lentamente lacerando l'Africa, il secondo continente più grande. Questa depressione - nota come East African Rift - è una rete di valli che si estende per circa 3.500 chilometri

213
L'Africa potrebbe dividersi in due continenti
L'Africa potrebbe dividersi in due continenti

Un’enorme spaccatura sta lentamente lacerando l’Africa, il secondo continente più grande. Questa depressione – nota come East African Rift – è una rete di valli che si estende per circa 2.175 miglia (3.500 chilometri), dal Mar Rosso al Mozambico, secondo la Geological Society of London.

Quindi l’Africa si separerà completamente e, in tal caso, quando si separerà?

Per rispondere a questa domanda, diamo un’occhiata alle placche tettoniche della regione, le parti esterne della superficie del pianeta che possono scontrarsi tra loro, formando montagne, o separarsi, creando vasti bacini.

Lungo questo colossale strappo nell’Africa orientale, la placca tettonica somala sta tirando verso est dalla parte più grande e più antica del continente, la placca tettonica nubiana, secondo l’Osservatorio della Terra della NASA. 

Anche le placche somale e nubiane si stanno separando dalla placca araba a nord. Queste placche si intersecano nella regione di Afar in Etiopia, creando un sistema di spaccature a forma di Y, ha osservato la Geological Society of London.

Una pausa lenta

L’East African Rift iniziò a formarsi circa 35 milioni di anni fa tra l’Arabia e il Corno d’Africa nella parte orientale del continente, sostiene Cynthia Ebinger, cattedra di geologia alla Tulane University di New Orleans e consulente scientifico del Bureau of African Affari. Questa spaccatura si è estesa nel tempo verso sud, raggiungendo il nord del Kenya 25 milioni di anni fa.

La spaccatura è costituita da due serie di fratture sostanzialmente parallele nella crosta terrestre. La spaccatura orientale attraversa l’Etiopia e il Kenya, mentre la spaccatura occidentale corre in un arco dall’Uganda al Malawi. Il ramo orientale è arido, mentre il ramo occidentale si trova al confine della foresta pluviale congolese.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’esistenza delle fratture orientali e occidentali e la scoperta di zone offshore di terremoti e vulcani indicano che l’Africa si sta lentamente aprendo lungo diverse linee, che insieme ammontano a più di 0,25 pollici (6,35 millimetri) all’anno, ha detto Ebinger.

Advertisement

“Il rifting in questo momento è molto lento”, ha dichiarato Ken Macdonald, illustre professore emerito di Scienze della Terra presso l’Università della California, Santa Barbara.

L’East African Rift molto probabilmente si è formato a causa del calore che scorre dall’astenosfera – la parte più calda, più debole, superiore del mantello terrestre – tra il Kenya e l’Etiopia. Questo calore ha causato l’espansione e l’innalzamento della crosta sovrastante, portando allo stiramento e alla frattura della fragile roccia continentale. Ciò ha portato a una sostanziale attività vulcanica, inclusa la formazione del Monte Kilimanjaro, la montagna più alta dell’Africa.

Tuttavia, ci sono idee diverse su come l’Africa potrebbe dividersi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Uno scenario vede la maggior parte della placca somala che si separa dal resto del continente africano, con un mare che si forma tra di loro. Questa nuova massa continentale includerebbe Somalia, Eritrea, Gibuti e le parti orientali di Etiopia, Kenya, Tanzania e Mozambico, ha affermato Ebinger. “Un altro scenario ha solo la Tanzania orientale e il Mozambico che si separano”, ha aggiunto.

Se il continente africano dovesse rompersi, “la spaccatura in Etiopia e in Kenya potrebbe dividersi per creare una placca somala nei prossimi 1-5 milioni di anni”, ha detto Ebinger.

Tuttavia, l’Africa potrebbe anche non dividersi.

Le forze geologiche che guidano la spaccatura potrebbero rivelarsi troppo lente per separare le placche somale e nubiane, ha affermato Ebinger. Un esempio notevole di spaccatura fallita in altre parti del globo è il Midcontinent Rift, che curva per circa 1.900 miglia (3.000 km) attraverso l’Upper Midwest del Nord America, secondo una recensione del 2022 sulla rivista GSA Today.

Advertisement

“Le spaccature fallite segnano le masse continentali in tutto il mondo”, ha aggiunto Ebinger.

Il ramo orientale dell’East African Rift potrebbe essere una spaccatura fallita, secondo la Geological Society of London. Tuttavia, il ramo occidentale è ancora attivo.

“Quello che non sappiamo è se questa spaccatura continuerà al suo ritmo attuale per aprire alla fine un bacino oceanico, come il Mar Rosso, e poi in seguito a qualcosa di molto più grande, come una piccola versione dell’Oceano Atlantico”, ha concluso Macdonald

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Fonte: The Geological Society

Advertisement