Le nuove tecnologie: 7 invenzioni che cambieranno il mondo

Secondo i futurologi, cosa ci aspetta ancora? Dagli esseri umani bionici alle nuove tecnologie che potrebbero risolvere la crisi climatica, queste sono solo alcune delle più grandi idee

0
11335
Le nuove tecnologie: 7 invenzioni che cambieranno il mondo
Le nuove tecnologie: 7 invenzioni che cambieranno il mondo

Non ce ne rendiamo conto perchè l’abbiamo vissuto, ma il tasso di progresso nell’ultimo mezzo secolo è stato sbalorditivo in campi vasti come l’informatica, la medicina, le comunicazioni e la scienza dei materiali.

Secondo i futurologi, cosa ci aspetta ancora? Dagli esseri umani bionici alle invenzioni per risolvere la crisi climatica, queste sono le nuove tecnologie che potrebbero cambiare il mondo

Latticini fatti in laboratorio

Hai sentito certamente parlare di “carne” coltivata e di bistecche Wagyu coltivate cellula per cellula in un laboratorio, ma che dire di altri alimenti di origine animale? Un numero crescente di aziende biotecnologiche in tutto il mondo sta studiando le nuove tecnologie per produrre prodotti lattiero-caseari in laboratorio, tra cui latte, gelato e formaggio.

Rispetto alla carne, il latte non è in realtà così difficile da creare in laboratorio. Piuttosto che coltivarlo da cellule staminali, la maggior parte dei ricercatori tenta di produrlo in un processo di fermentazione, cercando di produrre le proteine ​​del latte e la caseina.

Alcuni prodotti sono già sul mercato negli Stati Uniti, da aziende come Perfect Day, con un lavoro in corso focalizzato sulla riproduzione della sensazione in bocca e dei benefici nutrizionali del normale latte di mucca.



Oltre a ciò, i ricercatori stanno lavorando alla mozzarella prodotta in laboratorio che si scioglie perfettamente sopra una pizza, così come altri formaggi e gelati.

“Gemelli” digitali che monitorano la salute

La dashboard di Q Bio in cui gli utenti possono monitorare la propria salute. In Star Trek , dove sono germogliate molte delle nostre idee sulle nuove tecnologie, gli esseri umani possono entrare nell’infermeria e farsi scansionare digitalmente l’intero corpo alla ricerca di segni di malattia e lesioni.

Farlo nella vita reale, affermano i creatori di Q Bio, migliorerebbe i risultati sulla salute e allo stesso tempo allevierebbe il carico sui medici.

L’azienda statunitense ha costruito uno scanner che misurerà centinaia di biomarcatori in circa un’ora, dai livelli ormonali all’accumulo di grasso nel fegato, ai marcatori di infiammazione o qualsiasi numero di tumori.

Intende utilizzare questi dati per produrre un avatar digitale 3D del corpo di un paziente, noto come gemello digitale, che può essere monitorato nel tempo e aggiornato ad ogni nuova scansione.

Jeff Kaditz, CEO di Q Bio, spera che in futuro porti a una nuova era di medicina preventiva e personalizzata in cui le grandi quantità di dati raccolti non solo aiutano i medici a stabilire le priorità su quali pazienti devono essere visitati più urgentemente, ma anche a sviluppare metodi più sofisticati per diagnosticare le malattie.

Le nuove tecnologie: funerali verdi

La vita sostenibile sta diventando una priorità per gli individui che si confrontano con la realtà della crisi climatica, ma che dire della morte ecologica?

La morte tende ad essere un processo ad alto contenuto di carbonio, un ultimo segno della nostra impronta. Secondo quanto riferito, la cremazione media rilascia 400 kg di anidride carbonica nell’atmosfera, ad esempio. Quindi, qual è un modo più ecologico di andarsene da questo mondo?

Nello Stato di Washington, negli Stati Uniti, potresti invece essere compostato. I corpi vengono deposti in camere con corteccia, terra, paglia e altri composti che promuovono la decomposizione naturale. Entro 30 giorni, il tuo corpo si riduce a terra che può essere restituita in un giardino o in un bosco.

Recompose“, la società che gestisce il processo, afferma di utilizzare un ottavo dell’anidride carbonica di una cremazione.

Tra le nuove tecnologie, utilizzare i funghi. Nel 2019, il compianto attore Luke Perry è stato sepolto in un “vestito a fungo” fatto su misura progettato da una start-up chiamata Coeio. L’azienda rivendica la sua causa, realizzata con funghi e altri microrganismi che aiutano la decomposizione e neutralizzano le tossine che si producono quando un corpo di solito si decompone.

La maggior parte dei modi alternativi di smaltire i nostri corpi dopo la morte non si basano su nuove tecnologie; stanno solo aspettando l’accettazione della società per recuperare il ritardo.

Un altro esempio è l’idrolisi alcalina, che comporta la scomposizione del corpo nei suoi componenti chimici in un processo di sei ore in una camera pressurizzata. È legale in un certo numero di stati degli Stati Uniti e utilizza meno emissioni rispetto ai metodi più tradizionali.

Le nuove tecnologie: gli occhi artificiali

Gli occhi bionici sono stati un pilastro della fantascienza per decenni, ma ora la ricerca nel mondo reale sta iniziando a raggiungere la fantasia dei narratori lungimiranti. Sul mercato stanno arrivando le nuove tecnologie che restituiscono la vista a persone con diversi tipi di disabilità visive.

Nel gennaio 2021, i chirurghi israeliani hanno impiantato la prima cornea artificiale al mondo in un uomo di 78 anni cieco bilateralmente. Quando le sue bende sono state rimosse, il paziente poteva leggere e riconoscere immediatamente i membri della famiglia. L’impianto si fonde anche naturalmente con il tessuto umano senza che il corpo del ricevente lo rifiuti.

Allo stesso modo, nel 2020, gli scienziati belgi hanno sviluppato un’iride artificiale montata su lenti a contatto intelligenti che correggono una serie di disturbi della vista. E, tra le nuove tecnologie, stanno persino lavorando su impianti cerebrali wireless che aggirano del tutto gli occhi.

I ricercatori della Montash University in Australia stanno lavorando alla sperimentazione di un sistema in cui gli utenti indossano un paio di occhiali dotati di una fotocamera. Questo invia i dati direttamente all’impianto, che si trova sulla superficie del cervello e dà all’utente un rudimentale senso della vista.

Smartwatch alimentati dal sudore

Le nuove tecnologie – Gli ingegneri dell’Università di Glasgow hanno sviluppato un nuovo tipo di supercondensatore flessibile, che immagazzina energia, sostituendo gli elettroliti presenti nelle batterie convenzionali con il sudore.

Può essere completamente caricato con appena 20 microlitri di fluido ed è abbastanza robusto da resistere a 4.000 cicli dei tipi di flessioni e curve che potrebbe incontrare durante l’uso. Il dispositivo funziona rivestendo un panno di cellulosa di poliestere in un sottile strato di un polimero, che funge da elettrodo del supercondensatore.

Mentre il tessuto assorbe il sudore di chi lo indossa, gli ioni positivi e negativi del sudore interagiscono con la superficie del polimero, creando una reazione elettrochimica che genera energia.

Le batterie convenzionali sono più economiche e più abbondanti che mai, ma sono spesso costruite utilizzando materiali non sostenibili e dannosi per l’ambiente“, afferma il professor Ravinder Dahiya , capo del gruppo Bendable Electronics and Sensing Technologies (Best), con sede presso l’Università di James Watt School of Engineering di Glasgow.

Ciò li rende difficili da smaltire in modo sicuro e potenzialmente dannoso in dispositivi indossabili, dove una batteria rotta potrebbe versare liquidi tossici sulla pelle. “Quello che siamo stati in grado di fare per la prima volta è dimostrare che il sudore umano offre una reale opportunità per eliminare completamente quei materiali tossici, con eccellenti prestazioni di carica e scarica”.

Tra le nuove tecnologie, i robot viventi

Piccoli robot ibridi realizzati utilizzando cellule staminali da embrioni di rana potrebbero un giorno essere utilizzati per nuotare intorno al corpo umano in aree specifiche che richiedono medicinali o per raccogliere microplastiche negli oceani.

Queste sono nuove macchine viventi“, ha detto Joshua Bongard, scienziato informatico ed esperto di robotica presso l’Università del Vermont, che ha co-sviluppato i robot di larghezza millimetrica, noti come xenobot.

Non sono né un robot tradizionale né una specie nota di animali. È una nuova classe di artefatti: un organismo vivente e programmabile”.

Le nuove tecnologie: realtà virtuale tattile

I ricercatori della Northwestern University hanno sviluppato un prototipo di dispositivo che mira a mettere il tocco alla portata della realtà virtuale, utilizzando un materiale flessibile dotato di minuscoli componenti vibranti che possono essere fissati alla pelle.

Il sistema, noto come VR epidermico, potrebbe essere utile anche in altri casi, da un bambino che tocca un display che trasmette il gesto a un familiare che si trova altrove, ad aiutare le persone con amputazioni a rinnovare il senso del tatto.

Nel gioco, potrebbe avvisare i giocatori quando si verifica un colpo sulla parte del corpo corrispondente del personaggio del gioco.

Il design del team prevede 32 attuatori vibranti su un sottile polimero siliconico da 15 cm per 15 cm che si attacca alla pelle senza nastro o cinghie ed è privo di batterie e fili di grandi dimensioni. Usa la tecnologia NFC (Near Field Communication), utilizzata oggi in molti smartphone per il pagamento mobile, per trasferire i dati.

Il risultato è un sistema sottile e leggero che può essere indossato e utilizzato senza limitazioni a tempo indeterminato“, afferma il professor John A Rogers , che ha lavorato al progetto.

Gli scienziati sperano che le nuove tecnologie possano alla fine trovare la strada anche nell’abbigliamento, consentendo alle persone con protesi di indossare magliette VR che comunicano il tocco attraverso la punta delle dita.

2