Apocalisse nel 2046? l’asteroide probabilmente ci mancherà

Un asteroide a cui inizialmente era stata data una possibilità su 600 di spazzare via un'intera città il giorno di San Valentino del 2046 dovrebbe ora quasi sicuramente sfrecciare accanto a noi senza provocare alcun incidente

0
1538
Apocalisse nel 2046? l'asteroide probabilmente ci mancherà

L’Apocalisse probabilmente non avverrà nel 2046. Un asteroide che si temeva avrebbe potuto spazzare via un’intera città il giorno di San Valentino di quell’anno, sfiorerà solamente la Terra.

Del resto le probabilità che una cosa del genere accadesse erano pari a una su seicento. L’asteroide, conosciuto col nome di 2023 DW, dovrebbe solamente sfrecciare accanto al nostro pianeta. A rassicurarci su questo punto è la NASA. 2023 DW è stato scoperto lo scorso 27 febbraio e misura circa 50 metri di diametro. Apocalisse scongiurata? Pare di sì!

L’asteroide 2023 DW non ci colpirà

Inizialmente si era parlato di una piccola probabilità di un impatto diretto dal Planetary Defense Coordination Office della NASA. La minaccia rappresentata dall’asteroide ha generato una raffica di notizie che consigliavano ai lettori di riconsiderare qualsiasi piano romantico fatto per il 2046.

Ora, la NASA ha rivisto questa stima, ponendo le possibilità dell’asteroide di colpire la Terra a circa 1 su 770, il che significa che ha una probabilità del 99,87% di mancarci. Il Centro di coordinamento degli oggetti vicini alla Terra dell’Agenzia spaziale europea (ESA) ha anche abbassato la sua stima del rischio, abbassando le probabilità di impatto da una possibilità su 625 a circa 1 su 1.584.

Richard Moissl: “Le probabilità di impatto sono destinate a calare”

Richard Moissl è capo dell’ufficio di difesa planetaria dell’ESA. Moissl ha dichiarato nel corso di un’intervista ad Agence France Press dello scorso 14 marzo: “Adesso le probabilità scenderanno con ogni osservazione fino a raggiungere lo zero in un paio di giorni al massimo“. E inoltre: “Nessuno deve essere preoccupato per questo ragazzo (così 2023 DW è denominato scherzosamente da Moissl nda)”.



La NASA tiene traccia delle posizioni e delle orbite di circa 28.000 asteroidi, seguendoli con l’Asteroid Terrestrial-impact Last Alert System (ATLAS), una serie di quattro telescopi in grado di eseguire una scansione dell’intero cielo notturno ogni 24 ore. 

L’agenzia spaziale contrassegna qualsiasi oggetto spaziale che si trovi entro 120 milioni di miglia (193 milioni di chilometri) dalla Terra come “oggetto vicino alla Terra” e classifica qualsiasi oggetto di grandi dimensioni entro 7,5 milioni di km dal nostro pianeta come “potenzialmente pericoloso”.

Le stime della NASA

La NASA ha stimato le traiettorie di tutti questi oggetti vicini alla Terra oltre la fine del secolo. La Terra non deve affrontare alcun pericolo noto da una collisione asteroide apocalittica per almeno i prossimi 100 anni, secondo la NASA.

Se 2023 DW si schiantasse sulla Terra, non sarebbe un evento paragonabile a quello dell’ asteroide che uccise i dinosauri largo 12 km che colpì la Terra 66 milioni di anni fa. Ma questo non significa che gli asteroidi più piccoli delle sue dimensioni non siano pericolosi.

Nel marzo 2021, ad esempio, una meteora delle dimensioni di una palla da bowling è esplosa sul Vermont con la forza di200 chilogrammi di tritolo. Ancora più drammaticamente, un’esplosione del 2013 di una meteora larga 18 m sopra Chelyabinsk, in Russia, ha generato un’esplosione approssimativamente pari a circa 400-500 kilotoni di TNT, o da 26 a 33 volte l’energia rilasciata dalla bomba di Hiroshima , e ferì circa 1.500 persone.

Come deviare un impatto?

Le agenzie spaziali di tutto il mondo stanno già lavorando su possibili modi per deviare un pericoloso asteroide se mai fosse diretto verso di noi. Il 26 settembre, il veicolo spaziale Double Asteroid Redirection Test (DART) ha reindirizzato l’asteroide Dimorphos (non dannoso per noi) speronandolo fuori rotta , alterando l’orbita dell’asteroide di 32 minuti nel primo test del sistema di difesa planetaria della Terra. Da allora la NASA ha salutato la missione come un successo oltre ogni aspettativa.

I piani della Cina 

La Cina ha anche suggerito di essere nelle prime fasi di pianificazione di una missione di reindirizzamento di asteroidi. Lanciando 23 razzi Long March 5 contro l’asteroide Bennu, che oscillerà entro 7,4 milioni di km dall’orbita terrestre tra gli anni 2175 e 2199, il paese spera di deviare la roccia spaziale da un impatto potenzialmente catastrofico con il nostro pianeta.

2