L’asteroide 2023 DW potrebbe colpire la Terra nel 2046

Un asteroide appena scoperto, soprannominato 2023 DW, potrebbe avvicinarsi pericolosamente alla Terra tra circa 20 anni, con una possibilità su 600 di scontrarsi direttamente con il nostro pianeta

0
1151
L'asteroide 2023 DW potrebbe colpire la Terra nel 2046
L'asteroide 2023 DW potrebbe colpire la Terra nel 2046

Un asteroide appena scoperto, soprannominato 2023 DW, potrebbe avvicinarsi pericolosamente alla Terra tra circa 20 anni, con una possibilità su 600 di scontrarsi direttamente con il nostro pianeta, hanno comunicato in un tweet i funzionari dell’Ufficio di coordinamento della difesa planetaria della NASA.

Sebbene questo sia un livello di rischio superiore alla media per gli asteroidi vicini alla Terra, è ancora una “possibilità molto piccola” di impatto, e si prevede che tale livello di rischio diminuirà man mano che saranno disponibili osservazioni più chiare dell’asteroide.

L’asteroide è classificato 1 su 10 nella lista dei rischi della NASA

Sulla base delle proiezioni dei dati dell’Agenzia spaziale europea, l’asteroide 2023 DW ha una possibilità su 625 di colpire la Terra, anche se il sistema Sentry del Jet Propulsion Laboratory della NASA stima invece una probabilità su 560. La roccia spaziale è l’unico oggetto sulla lista dei pericoli della NASA valutato 1 su 10. Sebbene l’asteroide sia in cima alla lista, la sua valutazione 1 significa solo che “la possibilità di collisione è estremamente improbabile e senza motivo di attenzione pubblica o interesse pubblico”, secondo il Jet Propulsion Laboratory, mentre un punteggio 0 indica che “la probabilità di una collisione è zero, o è così bassa da essere effettivamente zero”.

L’asteroide 2023 DW

Il Planetary Defense Coordination Office della NASA, un’organizzazione di difesa planetaria fondata nel 2016 con la missione di cercare e catalogare corpi celesti potenzialmente pericolosi che potrebbero avere un impatto sul nostro pianeta, ha rilevato per la prima volta l’asteroide 2023 DW il 27 febbraio. Si stima che l’asteroide misuri circa 165 piedi (50 metri) di diametro, all’incirca come la lunghezza di una piscina olimpionica. Si prevede che l’asteroide effettuerà un avvicinamento pericoloso alla Terra il 14 febbraio 2046.

“Spesso, quando vengono scoperti per la prima volta nuovi oggetti, sono necessarie diverse settimane di dati per ridurre le incertezze e prevedere adeguatamente le loro orbite negli anni futuri”, ha twittato la NASA. “Gli analisti di Orbit continueranno a monitorare l’asteroide 2023 DW e aggiorneranno le previsioni man mano che arriveranno più dati”.



La probabilità di impatto può cambiare nel tempo

“Questo oggetto non è particolarmente preoccupante”, ha spiegato Davide Farnocchia, ingegnere di navigazione presso il Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, in California. I funzionari della NASA hanno avvertito che le probabilità di impatto potrebbero essere drasticamente modificate man mano che vengono raccolte più osservazioni e vengono eseguite ulteriori analisi.

Un impatto diretto con una tale roccia non sarebbe catastrofico come l’asteroide che uccise i dinosauri che aveva un diametro di circa 7,5 miglia (12 chilometri) e si schiantò sulla Terra 66 milioni di anni fa. Tuttavia, 2023 DW potrebbe causare gravi danni se dovesse atterrare vicino a una grande città o a un’area densamente popolata. Una meteora di dimensioni inferiori alla metà dell’asteroide 2023 DW che esplose su Chelyabinsk, in Russia, nel 2013, generò un’onda d’urto che danneggiò migliaia di edifici e ferì circa 1.500 persone.

Mentre un impatto con 2023 DW ha bassissime probabilità, gli scienziati stanno rapidamente sviluppando metodi per proteggere la Terra da asteroidi potenzialmente pericolosi come questo. La scorsa settimana, gli scienziati della NASA hanno pubblicato quattro studi che confermano che la missione DART (Double Asteroid Redirection Test) dell’agenzia, ha alterato con successo la traiettoria di un piccolo asteroide dopo avervi sbattuto contro un veicolo spaziale. Sono attualmente in corso missioni di follow-up per affinare ulteriormente l’efficacia di questa tecnica di difesa planetaria.

2