Trovati fossili di Euglenidi: qual è la loro natura biologica?

Biologi e paleontologi hanno avuto difficoltà a catalogare antichi fossili di Euglenidi rinvenuti in una vasta traccia cartacea

0
301
fossili di Euglenidi

Un team internazionale di scienziati sostiene di aver trovato antichi fossili di Euglenidi nascosti in “una vasta traccia cartacea” di ricerche scientifiche già pubblicate.Gli euglenidi sono un gruppo di eucarioti unicellulari che ottengono energia sia attraverso la fotosintesi, come una pianta, sia consumando altri esseri, come un animale. Questi organismi acquatici si sono separati dagli altri eucarioti circa un miliardo di anni fa, eppure la loro documentazione fossile per tutto quel tempo trascorso sulla Terra è scarsa.

fossili di Euglenidi

Fossili di Euglenidi: organismi dalla natura inconsueta

Per anni, i fossili simili a conchiglie sono stati erroneamente identificati come possibili uova di vermi, cisti di alghe o spore di felci, in parte a causa delle loro minuscole “costole” circolari all’interno. I fossili non hanno corrisposto ad alcuna catalogazione tassonomica, quindi nel 1962 gli scienziati li hanno denominati conchiglie Pseudoschizaea.

Le loro somiglianze nel corso degli anni hanno disorientato gli esperti, poiché questi fossili abbracciano immense linee temporali, da quasi mezzo miliardo di anni fa ad oggi. Andreas Koutsodendris, studioso di fossili microscopici all’Università di Heidelberg in Germania, ha sostenuto che mentre ha osservato i carotaggi dei laghi in Grecia, ha incontrato regolarmente fossili di queste forme di vita ovali e dalle pareti sottili.

La loro affinità biologica non è mai stata chiarita“, ha dichiarato Koutsodendris, coautore del nuovo studio: “In effetti, le cisti vengono comunemente menzionate nelle pubblicazioni dei colleghi, ma nessuno è riuscito a capirlo davvero”.



I paleontologi Bas van de Schootbrugge e Paul Strother hanno lavorando per identificare alcuni microfossili confusi da sedimenti che risalgono al confine Triassico-Giurassico, circa 200 milioni di anni fa. Le cisti circolari e increspate, si sono resi conto, potevano essere Euglenidi.

fossili di Euglenidi
focus to flagellum, eyespot, paramylon grain, chloroplasts, longitudinally striated pellicle with DIC differential interference contrast, culture material

fossili di Euglenidi

Perché ecco l’altra cosa inconsueta degli Euglenidi: in tempi di stress, questi organismi si avvolgono in una cisti protettiva, che assomiglia a un’impronta digitale tridimensionale, ed entrano in uno stato dormiente.

Alcuni dei microfossili che abbiamo incontrato hanno manifestato un’astuta somiglianza con le cisti di Euglena, un rappresentante moderno che è stato descritto da colleghi slovacchi“, ha spiegato Strother, che lavora al Boston College:Il problema è che esiste solo una pubblicazione al mondo che ha fatto questa affermazione”.

Per capire se avevano ragione, Strother e Van de Schootbrugge, che ora lavora all’Università di Utrecht, si sono uniti ad altri paleontologi degli Stati Uniti e del Regno Unito per esaminare quasi 500 fonti letterarie sui fossili simili a Pseudoschizaea, i quali hanno acquisito vari nomi nel corso degli anni, complicando ulteriormente la situazione.

Utilizzando tecniche microscopiche avanzate, gli studiosi hanno poi stabilito la struttura di queste cisti: “Siamo rimasti molto sorpresi dall’ultrastruttura delle cisti“, ha dichiarato il paleontologo Wilson Taylor dell’Università del Wisconsin-Eau-Claire”.

La struttura non assomiglia a nulla di noto. Le nervature non sono ornamenti, come nel polline e nelle spore, ma fanno parte della struttura. Anche la struttura a strati delle pareti è chiaramente diversa da molte altre pareti verdi d’acqua dolce delle alghe“.

I ricercatori hanno avuto difficoltà a far sì che gli euglenidi viventi potessero incistarsi in laboratorio, ma un video di YouTube dell’appassionato di microscopia Fabian Weston dall’Australia ha creato un confronto perfetto.

Involontariamente, Fabian ha fornito una prova fondamentale. Probabilmente è l’unica persona sul pianeta ad aver assistito all’incista di Euglena al microscopio”, ha spiegato Strother.

fossili di Euglenidi
Phacus is a genus of unicellular protists, of the phylum Euglenozoa.

Ora che i ricercatori hanno stabilito una possibile linea temporale profonda della vita degli Euglenidi, Strother spera che ciò renderà più facile per gli scienziati riconoscere esempi ancora più antichi, forse anche quelli che risalgono alla radice stessa dell’albero eucariotico della vita.

Forse grazie alla loro capacità di incistarsi, questi organismi hanno resistito e sono sopravvissuti a tutte le principali estinzioni del pianeta“, ha suggerito Van de Schootbrugge: “A differenza dei colossi distrutti dai vulcani e dagli asteroidi, queste piccole creature hanno resistito a tutto”.

2