10 isole da visitare nel continente europeo

L'Europa offre numerose isole sulle quali trascorrere le vacanze o passare momenti di relax. E no, non si tratta delle solite isole Mykonos, Ibiza o Santorini

0
180
Isole

Mykonos, Ibiza o Santorini sono sicuramente le isole più popolari e inflazionate che le persone visitano nei periodi di vacanza o quando hanno bisogno di evadere per qualche giorno dalla routine quotidiana, ma in Europa ci sono altrettanti atolli da prendere in considerazione.

Isole

Ecco alcune delle migliori isole d’Europa

1.Schiermonnikoog, Paesi Bassi. I Paesi Bassi sono più conosciuti per i canali, le dighe e le isole tropicali dei Caraibi olandesi come Bonaire e Curaçao che per quelle sabbiose lungo la costa del Mare del Nord. Ma una delle fughe isolane più tranquille d’Europa ti aspetta a Schiermonnikoog nelle Frisone Occidentali, situate al largo della costa settentrionale dei Paesi Bassi attraverso un’insenatura poco profonda del Mare del Nord chiamata Mare di Wadden.

Con solo 950 abitanti e una cittadina solitaria, Schier, come i locali chiamano la loro isola, è principalmente un parco nazionale, coperto di dune e foreste e con alcune delle spiagge più incontaminate d’Europa.

Solo i residenti possono guidare auto sull’isola, che puoi raggiungere dal villaggio olandese di Lauwersoog, sulla terraferma, prendendo un traghetto in 45 minuti. Una volta lì, i visitatori possono trascorrere il loro tempo a caccia di pezzi di ambra portati a riva sulle ampie spiagge di sabbia bianca, prendere lezioni di kitesurf lungo banchi di sabbia naturali, andare in bicicletta e fare escursioni lungo i chilometri di sentieri solitari.



2) Heimaey, Vestmannaeyjar, Islanda. Dimora di più pulcinelle di mare che di persone, l’isola di Heimaey nelle Vestmannaeyjar (Isole Westman) al largo della costa meridionale dell’Islanda sembra uscita direttamente da un libro di fiabe, con scogliere verde smeraldo punteggiate da pecore, un’ampia spiaggia di sabbia nera e grotte marine che si aprono lungo la sua costa frastagliata.

Una catastrofica eruzione vulcanica sull’Heimaey nel 1973 ha coperto l’area con 200 milioni di tonnellate di cenere e lava ma miracolosamente fu segnalata solo una morte. Oggi regna la pace più assoluta, con sentieri escursionistici solitari da esplorare e vaste viste sull’oceano.

Solo circa 4.500 persone condividono Vestmannaeyjar con quasi un milione di coppie di pulcinelle di mare che costituiscono la più grande colonia di pulcinelle di mare dell’Atlantico del pianeta. La stagione riproduttiva, tra aprile e fine estate, vede gli uccelli lanciarsi dalle scogliere per portare i pesci ai loro piccoli.

3.Isola di Flores, Azzorre, Portogallo. Una delle isole più remote di un arcipelago già remoto, l’isola di Flores, nella parte più occidentale delle Azzorre, è il sogno di ogni amante della natura.

Laghi vulcanici di colore blu intenso, pendii verde intenso, valli profonde, cascate e sorgenti termali bollenti sono solo alcuni dei luoghi ultraterreni dell’isola vulcanica di 55 miglia quadrate che ospita circa 3.400 persone, dove puoi arrivare tramite voli da altre isole delle Azzorre.

Uno dei siti più magici di Flores è Rocha dos Bordões, una formazione geologica di colonne di basalto avvolte nella vegetazione che sembra lo sfondo di un film sui dinosauri.

Con solo 26 camere, l’Hotel das Flores è l’hotel più grande di Flores, situato nella principale città portuale dell’isola, Santa Cruz das Flores.

Isole

4.Naustholmen, Norvegia. I visitatori devono volare a Bodø, nella Norvegia settentrionale, quindi proseguire verso nord in barca per raggiungere quest’isola privata di proprietà dell’avventuriera norvegese Randi Skaug, la prima donna norvegese a scalare il Monte Everest.

Gli ospiti di Naustholmen soggiornano in camere distribuite in tre case sull’isola e trascorrono le giornate facendo kayak sulle spiagge di sabbia bianca lambite da acque blu intenso o facendo escursioni sulle cime vicine per ammirare le Isole Lofoten a nord. Possono anche semplicemente dondolarsi su un’amaca o anche dormire la notte all’aperto in una e non fare nulla, circondati dal silenzio e dalla bellezza di questo luogo remoto.

5.Isola di Tiree, Scozia. Uno sguardo alle acque turchesi e color zaffiro e alle perfette onde da surf che si infrangono sulle sue coste ed è chiaro il motivo per cui l’Isola di Tiree viene talvolta chiamata le Hawaii del Nord.

L’isola più occidentale dell’arcipelago delle Ebridi Interne, al largo della costa occidentale della Scozia continentale, Tiree è lunga 12 miglia ed è nota per il suo clima mite, l’aria pulita e le bellissime spiagge di sabbia bianca che potrebbero facilmente essere scambiate per i Caraibi in foto se non di persona. Le temperature dell’acqua ad agosto sono intorno agli anni ’50 Fahrenheit, o circa 14 gradi Celsius.

I surfisti intrepidi conoscono Tiree per le sue spiagge poco affollate, e il Reef Inn da otto camere si rivolge alla folla di surfisti. L’annuale Tiree Music Festival attira fino a 2.000 partecipanti ogni anno a luglio per un particolare spettacolo di musica folk scozzese, ma molto spesso avrai a disposizione i sentieri pedonali e ciclabili per lo più pianeggianti dell’isola e 46 miglia di splendide spiagge. I visitatori arrivano a Tiree con un viaggio in traghetto di quattro ore da Oban o con un volo da Oban o Glasgow con Loganair.

Pranzare accanto al fuoco su una spiaggia, fare escursioni attraverso la spettacolare Nordskot Traverse o ascoltare un mini concerto in una grotta locale“, ha raccontato Torunn Tronsvang, CEO della compagnia di viaggi Up Norvegia . “Questo è un luogo che darà energia e ispirazione.”

6.Arcipelago delle Berlengas, Portogallo.
Una delle destinazioni insulari più sorprendenti del Portogallo attende i visitatori che arrivano in barca per gite di un giorno o per accamparsi durante la notte nell’arcipelago delle Berlengas, tre gruppi di isole per lo più disabitate all’interno della Riserva della Biosfera di Berlengas, patrimonio dell’UNESCO.

A circa sei miglia al largo dalla città di Peniche, nel Portogallo continentale, l’ arcipelago è meglio conosciuto per il Forte di São João Baptista, una fortezza risalente al 1600 che domina una presenza imponente in cima a uno sperone roccioso su Berlengas Grande, l’isola più grande del catena. Durante l’estate è possibile prenotare le camere presso la locanda del forte per il pernottamento.

Berlengas Grande dispone di campeggi aperti durante l’estate dove i visitatori possono dormire durante la notte e sentirsi soli sotto la Via Lattea.

Il paesaggio è arido ma bellissimo, e la vista dell’Oceano Atlantico che si infrange intorno alle isole è impressionante“, ha dichiarato Arlindo Serrao di Portugal Dive. Serrao afferma che l’arcipelago è uno dei posti migliori per le immersioni subacquee in Portogallo, grazie a correnti uniche e un clima influenzato dall’Oceano Atlantico e dal Mediterraneo.

A volte nelle acque è possibile avvistare il Mola mola, un pesce luna dell’oceano, e le isole sono uno dei luoghi più importanti lungo la costa del Portogallo continentale per la riproduzione degli uccelli marini.

Isole

7. Alicudi, Sicilia, Italia. Lascia le folle ispirate dal “Loto Bianco” a Taormina e dirigiti verso la più occidentale e remota delle vulcaniche Isole Eolie della Sicilia per un’esperienza a parte.

Selvaggia e aspra, Aliduci è la meno abitata delle sette isole della catena al largo della costa settentrionale della Sicilia che comprende, tra le altre, Stromboli e Lipari.

“È l’isola più selvaggia della Sicilia. Si usano ancora gli asini per trasportare le merci ad Alicudi”, ha spiegato il siciliano Francesco Curione: “Se stai cercando tranquillità e un’atmosfera da naufrago, questo è il posto giusto.”

Il caratteristico cono vulcanico di Alicudi si erge dal Mar Tirreno con effetti spettacolari, con le colorate barche da pesca che galleggiano lungo la costa completando l’aspetto da cartolina. Da non perdere l’acquisto del pesce direttamente dai pescatori di Alicudi.

Qui non ci sono automobili e ci sono solo circa 100 residenti, quindi trovare un posto tranquillo tutto per te non è mai un problema. Più in alto si cammina lungo i gradini di pietra lavica che conducono ai pendii vulcanici, più profondo è il silenzio e l’evasione.

Non ci sono hotel ad Alicudi, ma le ville in affitto e gli Airbnb rendono comodo sistemarsi e fermarsi per un po’.

8.Sciro, Grecia. Le isole greche come Santorini e Mykonos nelle Cicladi possono diventare così compresse dai turisti durante i mesi estivi che potresti rimanere a chiederti chi te lo ha fatto fare. Per un’esperienza più isolata nelle isole greche, dirigi lo sguardo invece a nord nel Mar Egeo, verso l’isola di Skyros.

Skyros, una delle 24 isole della catena in gran parte disabitata delle Sporadi nel Mar Egeo nordoccidentale, è raggiungibile tramite voli dalla Grecia continentale e tramite traghetto dalla terraferma e dalle altre isole greche vicine.

Una volta lì, ci sono spiagge appartate da esplorare, un castello bizantino che domina la città principale e il mare e persino un’antica razza di cavalli in miniatura, il cavallo Skyriano, che vive allo stato brado solo su quest’isola.

Con l’eccezione del periodo che precede la Quaresima, quando il famoso carnevale di Skyros mette l’isola in una modalità di festa senza sosta con sfilate e baldoria in costume e un’inondazione di ateniesi, è un luogo estremamente pacifico.

9.Isola di Rathlin, Irlanda del Nord. Estesa per sei miglia color smeraldo e larga appena un miglio, l’isola di Rathlin al largo della costa dell’Irlanda del Nord ospita solo circa 150 residenti permanenti.

I visitatori che arrivano tramite una veloce traversata in traghetto da Ballycastle sulla terraferma vengono trasportati in una natura selvaggia di spettacolari scogliere marine che ospitano migliaia di uccelli nidificanti tra cui pulcinelle di mare, urie, gabbiani tridattili e gazze marine. Colonie di foche comuni e di foche grigie fiancheggiano le remote insenature di Rathlin.

Sentieri escursionistici attraversano l’aspra e pittoresca isola e subacquei esperti vengono attratti sott’acqua per esplorare le decine di relitti appena al largo, tra cui l’HMS Drake, silurato da un sottomarino tedesco durante la prima guerra mondiale.

Da non perdere la visita al Rathlin West Light, un faro costruito a testa in giù sulle rocce per fender meglio la nebbia bassa e fitta che spesso scende sull’isola.

Isole

10.Fasta Åland, Finlandia.Nel Golfo di Botnia, tra Svezia e Finlandia, l’arcipelago delle Åland conta più di 6.500 isole, di cui solo circa 60 abitate. Dire che c’è spazio per distendersi e respirare su queste isole del Mar Baltico è un eufemismo.

Regione autonoma, le isole appartengono alla Finlandia ma distano solo 25 miglia dalla Svezia e la lingua ufficiale è lo svedese.

Fasta Åland è l‘isola più grande dell’arcipelago e una buona base per le esplorazioni. Fai un tour in bicicletta verso le isole vicine collegate da traghetti e ponti o semplicemente sistemati in una casa vacanza o in un hotel con sauna e vista sul mare per un momento rilassante.

Le migliori isole d’Europa per allontanarsi da quasi tutti HavsVidden offre un rifugio appartato nella zona settentrionale di Fasta Åland con ville dotate di sauna privata che si affacciano sulla costa rocciosa.

2