T. platycephalus, un dinosauro “nano”

Un gruppo di ricercatori ha recentemente identificato una nuova specie di dinosauro della regione, soprannominandola Transylvanosaurus platycephalus

208
T. platycephalus una specie di dinosauro
T. platycephalus una specie di dinosauro "nano"

Un gruppo di ricercatori ha recentemente identificato una nuova specie di dinosauro della regione, soprannominandola Transylvanosaurus platycephalus, o “rettile dalla testa piatta della Transilvania”. E fa parte di un gruppo di dinosauri nani che si sono evoluti per essere molto più piccoli dei loro parenti.

T. platycephalus visse circa 70 milioni di anni fa

T. platycephalus, un membro della famiglia Rhabdodontidae – un gruppo di dinosauri ornitopodi erbivori – visse circa 70 milioni di anni fa durante il tardo Cretaceo (da 145 milioni a 66 milioni di anni fa). A questo punto del passato della Terra, le piante da fiore si sono evolute – e con esse i primi impollinatori – e gli antichi antenati degli uccelli stavano appena iniziando a sperimentare il volo. L’enorme supercontinente Pangea si era frantumato in diversi continenti più piccoli e l’Europa era un arcipelago di isole tropicali, più simili all’odierna Indonesia o alle Galápagos.

In un nuovo studio i ricercatori hanno descritto la nuova specie da frammenti ossei dalla fronte e dalla porzione lombare del cranio. Nella vita, T. platycephalus avrebbe misurato solo 6,5 piedi (2 metri) di lunghezza. Aveva una testa larga e piatta e viveva insieme ad altri rettili, come coccodrilli e tartarughe.

Una ricerca precedente suggeriva che la diversità dei dinosauri era già notevolmente diminuita a questo punto della storia della Terra, appena prima dell’estinzione di massa che pose fine al Cretaceo. Ma questa nuova scoperta potrebbe suggerire che diverse forme di dinosauri facevano ancora parte del paesaggio dell’Europa del Cretaceo.

“Con ogni nuova specie scoperta stiamo smentendo l’ipotesi diffusa che la fauna del tardo Cretaceo avesse una bassa diversità in Europa”, ha dichiarato in una nota Felix Augustin, autore principale dello studio e dottorando presso l’Università di Tubinga in Germania.

E le minuscole dimensioni del dinosauro lo rendono il membro più recente della cosiddetta famiglia dei dinosauri nani trovata nella regione rumena di Hateg (Transilvania è il nome storico e culturale della regione nella Romania centrale). I dinosauri nani Hateg sono un famigerato gruppo di dinosauri che hanno affascinato i paleontologi sin dalla loro scoperta all’inizio del XX secolo. Nel 2010, un altro gruppo di ricercatori ha determinato che durante il tardo Cretaceo, un’isola di circa 30.900 miglia quadrate (80.000 chilometri quadrati) si trovava nella regione di Hateg dove sono stati trovati questi dinosauri nani.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Ossa del cranio di T. platycephalus
Ossa del cranio di T. platycephalus

Le isole producono comunemente specie più piccole del solito. Oggi ci sono lemuri nani su un’isola nel nord del Madagascar e volpi nane nelle isole del Canale della California. Diecimila anni fa, elefanti nani e ippopotami nani vivevano sulle isole del Mediterraneo. In uno studio pubblicato nel 2021 sulla rivista Nature Ecology and Evolution, i ricercatori hanno analizzato migliaia di rapporti sui cambiamenti delle dimensioni del corpo per oltre mille specie e hanno scoperto che “la regola dell’isola” è generalmente vera: nel corso delle generazioni, gli animali di grandi dimensioni tendono a diventare più piccoli quando sono isolati su un’isola.

Ci sono alcune ipotesi sul motivo per cui gli animali si restringono su un’isola. Potrebbe essere che la mancanza di grandi predatori permetta agli animali di rimanere piccoli, ha scritto nel 2016 l’antropologa evoluzionista Caitlin Schrein. Gli ecosistemi delle isole possono offrire meno varietà di cibo, forse portando a una crescita stentata in alcuni animali. 

Durante il tardo Cretaceo, i dinosauri Rhabdodontidae erano gli erbivori medio-piccoli più comuni in quella che oggi è l’Europa. Nel nuovo studio, i ricercatori hanno notato che i parenti di T. platycephalus sono stati trovati nell’odierna Francia, che all’epoca sarebbe stata un’isola separata. Man mano che l’arcipelago si formava e il livello del mare fluttuava, i ponti di terra tra le isole avrebbero potuto consentire ai dinosauri di espandersi ed evolversi in isolamento l’uno dall’altro.

Potrebbero persino essersi dispersi tra le isole nuotando per brevi distanze. I dinosauri “avevano gambe potenti e una coda potente. La maggior parte delle specie, in particolare i rettili, possono nuotare dalla nascita”, ha detto Augustin.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Fonte: Journal of Vertebrate Paleontology