Le piume dei dinosauri 125 milioni di anni fa già erano simili a quelle degli uccelli attuali

I paleontologi dell’University College Cork (UCC) in Irlanda hanno scoperto prove ai raggi X della presenza di proteine ​​nelle piume fossili di dinosauro che gettano nuova luce sull’evoluzione delle piume.

Studi precedenti suggerivano che le piume antiche avessero una composizione diversa rispetto alle piume degli uccelli odierni. La nuova ricerca, tuttavia, rivela che la composizione proteica delle piume moderne era presente anche nelle piume dei dinosauri e dei primi uccelli, confermando che la chimica delle piume ha avuto origine molto prima di quanto si pensasse in precedenza.

Le piume dei dinosauri rivelano tracce di proteine ​​antiche
Abstract grafico basato su un articolo di Slater et al., 2003. Credito: Science Graphic Design

La ricerca, pubblicata su Nature Ecology and Evolution, è stata condotta dai paleontologi Tiffany Slater e Maria McNamara della School of Biological, Earth, and Environmental Science dell’UCC, che hanno collaborato con scienziati dell’Università di Linyi (Cina) e della Stanford University.

Il team ha analizzato piume fossili del dinosauro Sinornithosaurus risalenti a 125 milioni di anni fa e dell’uccello mattiniero Confuciusornis provenienti dalla Cina, oltre a una piuma di 50 milioni di anni proveniente dagli Stati Uniti.

È davvero emozionante scoprire nuove somiglianze tra i dinosauri e gli uccelli“, afferma la dott.essa Slater. “Per fare ciò, abbiamo sviluppato un nuovo metodo per rilevare tracce di antiche proteine ​​delle piume. Usando i raggi X e la luce infrarossa abbiamo scoperto che le piume del dinosauro Sinornithosaurus contenevano molte proteine ​​beta, proprio come le piume degli uccelli odierni”.

Per poter interpretare i segnali chimici conservati nelle piume fossili, il team ha condotto una serie di esperimenti per comprendere come le proteine ​​delle piume si decompongono durante il processo di fossilizzazione.

Le piume degli uccelli moderni sono ricche di proteine ​​beta che aiutano a rafforzare le piume per il volo“, ha detto la Slater.

Precedenti test, effettuati da altri ricercatori, sulle piume dei dinosauri avevano trovato soprattutto proteine ​​alfa. I nostri esperimenti possono ora spiegare questa strana chimica come il risultato della degradazione delle proteine ​​durante il processo di fossilizzazione. Quindi, anche se alcune piume fossili conservano tracce delle proteine ​​beta originali, altre piume fossili sono danneggiate e ci raccontano una falsa storia sull’evoluzione delle piume“.

Questa ricerca aiuta a rispondere a un dibattito di lunga data sulla possibilità che le proteine ​​delle piume, e le proteine ​​in generale, possano conservarsi nel tempo.

La Prof.ssa Maria McNamara, autrice senior dello studio, ha affermato: “Tracce di antiche biomolecole possono chiaramente sopravvivere per milioni di anni, ma non è possibile leggere i reperti fossili alla lettera perché anche i tessuti fossili apparentemente ben conservati sono stati cotti e schiacciati durante la fossilizzazione. Stiamo sviluppando nuovi strumenti per comprendere cosa accade durante la fossilizzazione e svelare i segreti chimici dei fossili. Questo ci fornirà nuove entusiasmanti informazioni sull’evoluzione di tessuti importanti e delle loro biomolecole”.

Riferimento: “Preservation of corneous β-proteins in Mesozoic Feathers” di Tiffany S. Slater, Nicholas P. Edwards, Samuel M. Webb, Fucheng Zhang e Maria E. McNamara, 21 settembre 2023, Nature Ecology & Evolution .
DOI: 10.1038/s41559-023-02177-8

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

L’elusivo effetto Unruh

Un nuovo approccio potrebbe consentire di rilevare l'elusivo effetto Unruh in poche ore, anziché in miliardi di anni

Reti neurali ottiche: più efficienti dal punto di vista energetico

Il Max Planck Institute ha sviluppato un nuovo sistema...

Neutrini: nuovi metodi per calcolare il cambiamento di sapore

Un team di ricercatori sta sviluppando un nuovo metodo...

Pulsar: ne sono state scoperte 10 in Terzan 5

Nel cuore della nostra galassia, la Via Lattea, un...

Offerte Amazon: macchine da caffè super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti le...

Rhodosporidiobolus fluvialis: nuovo fungo patogeno scoperto in Cina

Un team di scienziati cinesi ha scoperto il Rhodosporidiobolus...

Venere di Brassempouy: all’avanguardia già 23.000 anni fa

La Venere di Brassempouy è una straordinaria scultura in...

Le prove dell’allunaggio

A dispetto della propaganda russa, improvvisamente interessata, dopo 50 anni, a sostenere che l'allunaggio sia stato una montatura, e delle competenti parole di campioni dello sport, notoriamente preparati in ingegneria, fisica e astrofisica, siamo stati sulla Luna e abbiamo a disposizione le prove dell'allunaggio, basta avere voglia di esaminarle

Articoli correlati

Popular Categories