Se non si fossero estinti, come sarebbero i dinosauri oggi?

Prova ad immaginare che l'impatto dell'asteroide non sia mai avvenuto e che i dinosauri siano sopravvissuti. Immagina rapaci altamente evoluti che piantano la loro bandiera sulla Luna. Dinosauri scienziati alla scoperta della relatività o discutere di un ipotetico mondo in cui, incredibilmente, i mammiferi hanno conquistato la Terra

2330
Se non si fossero estinti, come sarebbero i dinosauri oggi?
Se non si fossero estinti, come sarebbero i dinosauri oggi?

Sessantasei milioni di anni fa, un asteroide colpì la Terra con la forza di 10 miliardi di bombe atomiche e cambiò il corso dell’evoluzione.

I cieli si oscurarono e le piante smisero di fotosintetizzare. Le piante morirono, poi morirono gli animali che se ne nutrivano. La catena alimentare si spezzòò inesorabilmente. Oltre il 90 percento di tutte le specie esistenti scomparve. Quando la polvere lanciata in atmosferà dall’impatto dell’asteroide si posò, tutti i dinosauri non aviari si erano estinti, si salvarono solo una manciata di dinosauri aviari.

Questo evento catastrofico, però, rese possibile l’affermazione dei mammiferi, fino ad allora rimasti ai margini della sopravvivenza.
I mammiferi sopravvissuti prosperarono, compresi i piccoli proto-primati che si sarebbero evoluti in noi.

Ora prova ad immaginare che l’impatto dell’asteroide non sia mai avvenuto e che i dinosauri siano sopravvissuti. Immagina rapaci altamente evoluti che piantano la loro bandiera sulla Luna. Dinosauri scienziati alla scoperta della relatività o discutere di un ipotetico mondo in cui, incredibilmente, i mammiferi hanno conquistato la Terra.

Potrebbe sembrare una cattiva fantascienza ma ci pone alcune profonde domande filosofiche sull’evoluzione. L’umanità è qui solo per caso o l’evoluzione verso l’intelligenza è inevitabile?

Cervelli, strumenti, linguaggio e grandi gruppi sociali ci rendono la specie dominante del pianeta. Ci sono 8 miliardi di Homo sapiens in sette continenti. In peso, sul nostro pianeta ci sono più umani che tutti gli animali selvatici messi insieme.

Abbiamo pesantemente agito sull’ambiente, arrivando a modificare metà della Terra per nutrirci.
Si potrebbe obiettare che creature come gli umani erano destinate ad evolversi.

Negli anni ’80, il paleontologo Dale Russell propose un esperimento mentale in cui un dinosauro carnivoro si è evoluto in un utilizzatore di strumenti intelligenti. Questo “dinosauroide” aveva un cervello grosso con pollici opponibili e camminava eretto.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Modello dinosauro
Modello dinosauro. (Dale Russell & Ron Séguin/Canadian Museum of Nature via Naish & Tattersdill, Canadian Journal of Earth Sciences , 2021)

Non è impossibile ma è improbabile. La biologia di un animale vincola la direzione della sua evoluzione. Il tuo punto di partenza limita i tuoi endpoint.

Se lasci il college, probabilmente non sarai un neurochirurgo, un avvocato o uno scienziato missilistico della NASA. Ma potresti diventare un artista, un attore o un imprenditore. I percorsi che intraprendiamo nella vita aprono alcune porte e ne chiudono altre. Questo vale anche per l’evoluzione.

Dinosauri giganti e mammiferi attraverso il diagramma temporale
Dinosauri giganti e mammiferi nel tempo. (Nick Longrich)

Considera le dimensioni dei dinosauri. A partire dal Giurassico, i dinosauri sauropodi, i brontosauri e parenti si sono evoluti in giganti di 30-50 tonnellate lunghi fino a 30 metri, dieci volte il peso di un elefante e lunghi quanto una balenottera azzurra.

Ciò è accaduto in più gruppi, tra cui Diplodocidae, Brachiosauridae, Turiasauridae , Mamenchisauridae e Titanosauria, in diversi continenti, in tempi diversi e in climi diversi, dai deserti alle foreste pluviali. Ma altri dinosauri che vivevano in questi ambienti non sono diventati supergiganti.

Il filo conduttore che collegava questi animali era che erano sauropodi. Qualcosa nell’anatomia dei sauropodi, polmoni, ossa cave con un elevato rapporto forza-peso, metabolismo o tutte queste cose insieme, ha sbloccato il loro potenziale evolutivo. Li ha lasciati crescere in un modo che nessun animale terrestre aveva mai fatto prima, o ha più fatto da allora.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I dinosauri carnivori hanno ripetutamente evoluto enormi predatori di dieci metri e di molte tonnellate. Nel corso di 100 milioni di anni, i megalosauridi, gli allosauridi, i carcharodontosauridi, i neovenatoridi e infine i tirannosauri si sono evoluti in giganteschi predatori all’apice della catena alimentare.

Diagramma delle dimensioni del cervello rispetto alla massa corporea per dinosauri, mammiferi e uccelli
Dimensioni del cervello rispetto alla massa corporea per dinosauri, mammiferi e uccelli. (Nick Longrich)

I dinosauri hanno sviluppato bene i corpi grandi. Ma i grandi cervelli non tanto. I dinosauri hanno mostrato una debole tendenza all’aumento delle dimensioni del cervello nel tempo. I dinosauri giurassici come l’allosaurolo stegosauro e il brachiosauro avevano un cervello piccolo.

Nel tardo Cretaceo, 80 milioni di anni dopo, tirannosauri e becchi d’anatra avevano sviluppato cervelli più grandi. Ma nonostante le sue dimensioni, il cervello del T. rex pesava ancora solo 400 grammi. Un cervello di Velociraptor pesava 15 grammi. Il cervello umano medio pesa 1,3 chilogrammi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I dinosauri sono entrati in nuove nicchie nel tempo. I piccoli erbivori divennero più comuni e si diversificarono gli uccelli. Le forme dalle gambe lunghe si sono evolute in seguito, suggerendo una corsa agli armamenti tra i predatori dai piedi veloci e la loro preda.

Sembra che i dinosauri abbiano avuto vite sociali sempre più complesse. Hanno iniziato a vivere in branchi e hanno sviluppato corna elaborate per combattere e esibirsi. Eppure i dinosauri sembrano per lo più ripetersi, evolvendo erbivori giganti e carnivori con cervelli piccoli.

C’è poco in 100 milioni di anni di storia dei dinosauri che suggerisca che avrebbero avuto un’evoluzione verso qualcosa di radicalmente diverso se l’asteroide non fosse intervenuto. Probabilmente avremmo ancora quegli erbivori supergiganti dal collo lungo e enormi predatori simili a tirannosauri.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Per avere una pietra di paragone, gli squali, praticamente contemporanei dei dinosauri, avevano già la forma attuale, forse oggi sono solo un po’ più piccoli ma potrebbe dpindere dal fatto che sono diventate piùpiccole le loro prede. Gli squali sono al culmine della loro evoluzione per dominare la loro nicchia e non hanno avuto bisogno di perfezionarsi ulteriormente per mantenere il loro dominio.

Tornando ai dinosauri, nel tempo potrebbero aver sviluppato cervelli leggermente più grandi, ma ci sono poche prove che avrebbero potuto evolversi in geni. Né è probabile che i mammiferi li avrebbero spostati. I dinosauri, finché sono esistiti, hanno monopolizzato i loro ambienti e solo l’impatto apocalittico dell’asteroide li ha annientati.

I mammiferi, nel frattempo, avevano vincoli diversi. Non hanno mai evoluto erbivori e carnivori supergiganti. Ma hanno ripetutamente sviluppato grandi cervelli. Cervelli massicci (grandi o più grandi del nostro) si sono evoluti in orche, capodogli, balene, elefanti, foche leopardo e scimmie.

Oggi, alcuni discendenti dei dinosauri – uccelli come corvi e pappagalli – hanno cervelli complessi. Possono usare strumenti, parlare e contare. Ma sono i mammiferi come scimmie, elefanti e delfini che hanno sviluppato i cervelli più grandi e i comportamenti più complessi.

Quindi l’eliminazione dei dinosauri garantiva che i mammiferi avrebbero sviluppato l’intelligenza?

Beh, forse no.

I punti di partenza possono limitare gli endpoint, ma non li garantiscono neanche. Steve Jobs, Bill Gates e Mark Zuckerberg hanno tutti abbandonato il college. Ma se l’abbandono degli studi ti rendesse automaticamente un multimiliardario, avremmo una marea di ricconi. Anche partendo nel posto giusto, hai bisogno di opportunità e fortuna.

La storia evolutiva dei primati suggerisce che la nostra evoluzione era tutt’altro che inevitabile. In Africa, i primati si sono evoluti in scimmie dal cervello grande e, in oltre 7 milioni di anni, hanno prodotto gli esseri umani moderni. Ma altrove l’evoluzione dei primati ha preso strade molto diverse.

Quando le scimmie hanno raggiunto il Sud America, 35 milioni di anni fa, si sono appena evolute in altre specie di scimmie. E i primati hanno raggiunto il Nord America almeno tre volte separate, 55 milioni di anni fa, 50 milioni di anni fa e 20 milioni di anni fa.

Eppure non si sono evoluti in una specie che produce armi nucleari e smartphone. Invece, per motivi che non capiamo, si sono estinti.

In Africa, e solo in Africa, l’evoluzione dei primati ha preso una direzione unica. Qualcosa sulla fauna, la flora o la geografia dell’Africa ha guidato l’evoluzione delle scimmie: primati terrestri, corpi ecletticii, cervelli grandi e la capoìacità di usare strumenti.

Anche senza i dinosauri, l’evoluzione che ha portato all’uomo ha avuto bisogno della giusta combinazione di opportunità e fortuna.